Salta i links e vai al contenuto

Una storia sbagliata?

  

Ciao a tutti. Mi chiamo marco e mi sono appena iscritto per potervi raccontare la causa del mio malessere.

A luglio ho conosciuto una ragazza davvero molto attraente, chiacchieriamo e un giorno mi invita a mangiare insieme prima di riprendere lo studio.
Passano i giorni, ci si sente quotidianamente anche se con poca frequenza ( ero molto diffidente, la mia ex si è fidanzata con il mio migliore amico pochi giorni dopo avermi mollato ).

Da luglio ad oggi ci sono stati molti problemi e, a causa di essi e per via dei muri che mi sono creato, l’ho lasciata più e più volte.

Lei però non si è mai data per vinta cercando sempre di riconquistarmi e dimostrarmi quanto tenesse a me.

Il perché del mio comportamento?

Il problema è che fin da subito chi la conosceva mi ha cercato di mettere in guardia da lei dicendomi che era una ragazza facile e poco fedele.
Che ha cambiato tantissimi ragazzi nonostante i suoi 23 anni, che non era capace di innamorarsi e che si affezionava subito ai ragazzi e altrettanto velocemente si stufava.

Insomma.. proprio quello che io non ricercavo in una ragazza!!
Decido però di non giudicarla per il suo passato ma di valutare il suo presente anche se però certe dicerie su di lei non mi aiutavano.

Passano i mesi e lei stessa mi confessa di avere avuto molti rapporti occasionali ma di essere anche stata fidanzata con un ragazzo per 3 anni e con altri due 1 anno.

Ma i mesi passano ed io cerco di non pensarci.. Con lei mi trovo bene.. sempre bene tranne in certi momenti in cui lei cambia improvvisamente umore e comincia a trattarti di merda dicendo cose che non pensa e anche cattive ( ha una mamma con gravi problemi psichici e quando litiga con lei “impazzisce” e tratta così tutti colore che le sono vicini ).

Io, comprendendo i suoi problemi, mi sono sempre reso disponibile per aiutarla cercando di farla parlare, cercando di essere sempre dolce, cercando di farla distrarre il più possibile.

Ma niente.. quando lei è in quella “fase” non puoi farci nulla, ti tratta di merda e poi ti chiede scusa appena se ne rende conto.

Lo fa una volta, due, tre, alla quarta la lasciavo perché mi stava logorando.

La lasciavo e lei che mi riempiva di messaggi e telefonate per tornare insieme.. Ha fatto di tutto facendomi ricadere ogni volta nel suo vortice ( sa essere la ragazza perfetta al mondo appena sente che mi sta per perdere ).

Arriviamo a pochi giorni fa. Dopo l’ennesima discussione e delusione ci siamo lasciati di comune accordo.
Stavo “bene” senza di lei anche se continuavo a pensarla. Non nascondo che ero silenziosamente geloso nonostante la nostra separazione proprio perché sapevo che in passato quando soffriva per amore la sua reazione era quella di concedersi ad un altro anche senza sentimento ( adesso dice di essere cambiata anche grazie a me e che quel tipo di reazione non l’ha avuta ).

Ma sapevo che il mio volerle bene non poteva bastare per poter stare insieme ad una ragazza così ( ecco perché molti l’hanno “usata” solo per uno scopo ).

Un giorno però un mio amico la vede e mi contatta subito per dirmi che l’ha vista distrutta, tristissima. Chiede come sto io e se mi sono già fidanzato.

La sera stessa mi telefona, vuole sapere come sto. È inevitabile dire che abbiamo discusso anche del motivo del nostro distacco e li mi ha detto una cosa che mi ha colpito tantissimo. Mi ha detto.. Marco tu sei una persona stupenda, non ho mai conosciuto un ragazzo come te che riesce a farsi voler bene da tutti, anche se ti conoscono da pochissimo. Sei buono e mi hai sopportato tanto e ti chiedo scusa per il male che ti ho fatto. Ma mi manchi, sto male senza di te e sapere che una persona come te non pensi che non mi meriti mi sta distruggendo.

Io sono rimasto basito.. Continuavo a risponderle in modo freddo e distaccato ma dentro di me si stava agitando qualcosa.

Due sere dopo ci vediamo, le ho fatto una piccola gentilezza così come anche alla sua amica e lei……… Tutta e dico tutta la sera a dirmi grazie e che non si aspettava un gesto così carino nei suoi confronti.

Arrivo a casa e………. ci baciamo.

Io so che razionalmente non è la ragazza giusta ma per me è una sorta di calamita.
Adesso siamo “amici”, nel senso che ci sentiamo qualche volta e niente più ma non so cosa fare e come comportarmi.
Non capisco se continui a cercarmi perché prova un sentimento forte per me o se per altri motivi.

Vi prego ditemi la vostra.

Forse come direbbe de andrè, la mia è una “storia sbagliata” ma ho bisogno di voi e dei vostri consigli per capire meglio quello che sto vivendo.

Vi ringrazio.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

3 commenti a

Una storia sbagliata?

  1. 1
    Davide -

    Ciao,
    ti premesso che ho vissuto la fotocopia della tua storia e la mia relazione è durata per più di 2 anni.
    Mi sentivo come se stessi percorrendo sempre la stessa strada che ogni volta si ripeteva.C’era la fase in cui andavamo d’accordo e tutto andava bene,c’era la fase in cui lei non voleva nè vedermi nè sentirmi senza un apparente motivo,quella successiva in cui mi trattava anche di m…poi arrivava il momento in cui mi stancavo e proprio quando cercavo di farmene una ragione ecco che ritornava brava e buona e tutto ricominciava.
    Sai cosa ho imparato dopo più di 2 anni? che a lei non importava niente di me.Stava con me quando non aveva altro per la testa,quando voleva passare del tempo,quando si sentiva sola.E quando ho capito tutto questo è stato un bello schock perchè io la difendevo sempre,facevo (come hai fatto anche tu in parte in questa lettera) di tutto per difendere i suoi comportamenti,ma più l’assecondavo e più mi bastonava.
    Ti do un consiglio molto prezioso,lasciala perdere.So che è difficile e so che dire una cosa è un conto e farla è un altro.Arriverai ad un punto che anche tu la penserai così,arriverai ad essere esausto,esasperato della tua situazione.Il suo cercarti è solo egoismo e amor proprio cosa che tu in questo momento non hai.
    Davide

  2. 2
    cooper -

    grazie Davide per il tuo consiglio.
    crudo e difficile da accettare ma la penso come te anche se non è facile.
    posso chiederti solo questo? se te la senti e non ti fa star male.
    in che senso hai scoperto che per lei eri un “passatempo”? come vivevate il vostro rapporto?
    ti ringrazio comunque per il tempo che mi hai dedicato.

  3. 3
    Davide -

    Ciao,
    sono cose di cui ti accorgi da solo,cose che senti.Quando dovevamo uscire e poi all’ultimo mi chiamava,quando mi diceva che stava in casa e poi la vedevo in giro con gli amici.Quando non si faceva nè vedere nè sentire senza un apparente motivo.Ti sembra normale? io che mi preoccupavo ogni minimo secondo di lei,forse questo lo ha capito e se ne è approfittata.Fino a che un giorno sono scoppiato perchè credimi prima o poi al limite ci arrivi.Sono tante piccole cose che messe in fila ti fanno delineare una cosa ben diversa di ciò che è l’amore.Io ero diventato una delle tante cose che impegnava la sua giornata.nè più nè meno e la paura di restare da sola che aveva era l’unica cosa che teneva insieme il nostro rapporto.
    A distanza di molto tempo,se guardo indietro forse neanche mi riconosco in certe cose che facevo,ero arrivato ad un punto che me la prendevo per tutto,perchè poi con una persona così vai davvero a pensare di tutto,anche quando ti dice la verità.
    La fiducia è una cosa importantissima,quando in un rapporto non c’è più sincerità vuol dire che qualcosa non funziona.
    Davide

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili