Salta i links e vai al contenuto

Una poesia di Ernesto Murolo

Cerco la poesia di Ernesto Murolo che si intitola:
“o’ miercurì d’a’ madonna ‘o carmine”.
juwanna67

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cultura

7 commenti

  1. 1
    enrico -

    Cara juwanna67, il testo scritto non ce l’ho, ma posso segnalarti due siti dove potrai scaricarti il file mp3 della poesia-canzone di Murolo:

    http://www.madrenapoli.com/laparolacolonne.htm

    http://www.raccontare.com/Fileaudio/recitando.htm

    Sperando di esserti stato utile…

  2. 2
    Antonello -

    – Miercurì d”o Carmine –
    di Ernesto Murolo

    tratto fedelmente (financo nella punteggiatura e negli spazi tipografici) da una copia de “IL MATTINO” del 10-11 Gennaio del 1916.
    (nota: Murolo la scrisse nel Gennaio del 1916, quindi fu ivi pubblicata praticamente appena scritta con il titolo appunto “Miercurì d”o Carmine” e non con quello di “O miercurì d’a’ Madonna ‘o Carmene” con cui venne in seguito ampiamente conosciuta e apprezzata)

    Chiove. Cupa è ‘a campana a Chiesia ‘o Carmene
    ‘stu Miercurì d”e muorte.
    Fanghiglia e ssecatura tutt’a Chiesia;
    gente nzeppata fino a ssott”e pporte.

    E so’ zantraglie ‘e dint”o Lavenare;
    neguziante ‘e vascio ‘a Cunciaria;
    so’ pezziente, pezzente;
    ferrar”e Sant’Eligio, marenare,
    femmene malamente
    d”o Llario d”e Bbarracche e ‘a Ferrovia…

    E pe’ mmiez’a ‘sta folla ‘e facce gialle
    – scemunute pe’ guaie, miserie e schiante –
    ‘na tanfa ‘e pezzecaglie e de sudore.
    Guardano tuttuquante,
    cu”e ccape dint”e spalle,
    ‘ncopp”Aldare Maggiore
    addò, una mass”argiento,
    mentre s’aspetta ‘a benediziona,
    cu ll’organo ca sona,
    luce, fra cere e ncienzo, ‘o Sacramento.

    Ma ‘sta folla nun è – cumme penz’io –
    chella d”e >… primm”e ll’Està:
    nfanatecuta, strellazzera, ardente,
    chien”e fede, speranza e >
    Mo – par’a mme – ca prega pe’ prià,
    ma scuraggiatamente.

    E trase e gghiesce ‘a dint”a Sacrestia,
    – cumm’a ffile ‘e furmicule – ata gente.
    … E chi se ferma nnanz”a screvania
    pe’ ffà dì quacche messa a nu parente
    … chi è pronto c”o di sorde e c”o libretto
    p”a firma d’>….
    Veco nu richiamato d”o Distretto,
    cu”a lente a ll’uocchie, ‘e pile ianche ‘nfaccia,
    cu”a mugliera vicino,
    cu nu figlio p”a mano e n’ato ‘nbraccia.

    Chi guarda, appesa ‘o muro, ‘na giacchetta,
    – ‘na giacchetta ‘e surdato –
    c”o pietto spertusato
    ‘a ‘na palla ‘e scuppetta.

    E appiso ce stà scritto:
    >

    Chi tocca e vasa ‘na medaglia ‘attone
    d”a >, ammaccata
    e cusuta vicino a ‘na cammisa.
    E ‘a palla, sturzellata, scamazzata,
    dint’a ‘na buttigliella, ll’hanno misa
    pur’essa esposta pe’ divuzione…

    Quacche femmena chiagne… ‘N’ata… E n’ata:
    Se stà furmanno ‘na prucessiona
    nnanz”a Cappella addò stà cunzacrata
    ‘a Maronna ‘nperzona.

    Arde ‘a Cappella p”o calore e ‘e ccere.
    Veco, attuorno, ‘sti mmure cummigliate
    ‘e ritratte ‘e surdate:
    guardie ‘e finanza, muzze, berzagliere
    E ognuno ‘e lloro tene ‘a sora o ‘a mamma,
    ch”a vascio ‘o guarda fisso…
    E chiagne… E ‘o chiamma…
    E dà n’uocchio ‘a Maronna e n’ato a isso…

    Quanta prighiere! Che scungiure! E quanta
    vute, prumesse, lagreme!… – >
    (stà dicenno ‘na femmena gravanta
    ‘nfacci”a Maronna) …>
    >
    >
    >
    >

    – > – dice ‘na vecchia.
    E chell’ata, cchiù forte: – >
    >
    >
    >

    (Chiagneno tuttuquante. ‘A puverella,
    c”a voce cchiù abbrucata,
    scaveza, arrampecata
    p”e ggrare addò stà ‘o quatro, arditamente,
    mo’ amminaccia ‘a Maronna >)
    >
    (E spalle d”a Cappella,
    ‘a folla ‘e dint”a Chiesia ha visto, sente,
    se move, sta spianno…)
    >
    >
    >
    >
    (E cu”e capille
    sciuovete, cumme a ppazza, ha stesa ‘a mana,
    e ha tuzzuliato ‘nfaccia a lastra santa…
    Ma tutto nzieme ha date tali strille
    ch’ha revutata ‘a Chiesia tuttaquanta…)

    > Ll’uocchie nfuse…
    … A lastra nfosa…
    – >
    – >
    – >
    (Doi, tre voce cunfuse,
    nnanz”a ‘sta mana stesa, cunzacrata,
    ca nisciuno ha tuccata…
    e po’ ciento… E po’ tutte:)
    – >
    > –

    Napoli, gennaio 1916.

    Ernesto Murolo

  3. 3
    Antonello -

    Ho notato che alcune parole sono stranamente sparite dal testo. Penso sia un problema della “textarea” di inserimento.

    Invito gli interessati a contattarmi presso l’indirizzo antonio.tucci@virgilio.it essendo disposto a cedere il file in formato txt.

  4. 4
    carmelo -

    In questa poesia si legge tutto l’ amore e l’ affetto che il popolo napoletano nutre per la “Mamma del Carmine” e la fede che manifestano a lei nel giono di mercoledì a lei consacrato.
    L’ho constatato io personalmente durante una mia permanenza a Napoli.
    Vorrei avere notizie approfondite sull origine dei mercoledì del Carmine.
    carmelo_lopresto@hotmail.com

  5. 5
    marcantonio pezzano -

    ciao paisa’,
    mme chiammo marco pezzano
    e songo nato sidice ‘e luglio d’o sissant’ uno,
    ‘a festa d’o carmene. allo’ se po dicere
    ca songo stato cunzacrato ‘a essa propio
    quanno so nato.
    stongo ‘e casa a new york , ogni tanta
    facio na visita ‘a chies’ ‘o carmene a 115.sma strada
    ‘a chiesa storica d’e taliane ‘e new york
    apena c’a veco chella facia d’a mamma d’o carmene
    mme scorrono p’a facia lacreme ‘e gioa.
    e stata ‘a cumpagna mia fedele d’a nascita’.
    vulesse sape’ si quache paisan’ sapesse
    na canzuncella ‘n lengua napulitana ca putimmo
    canta’ quanno e ‘a festa soia.
    p’ piacere ve prejo si mme putite scrivere
    a italo61@aol.com.
    il mio sito web e
    http://www.marcantoniocabaret.com

    grazie tanta assaje

    marcantonio

  6. 6
    anna -

    Ciao
    sempre in tema di “Madonna del Carmine” qualcuno ha il testo della canzone di Roberto De Simone Madonna de lu Carmine cantata da Lina Sastri? Faceva parte dell’opera musicale “Masaniello”
    Grazie mille
    Anna

  7. 7
    Armando Torre -

    ‘A cappella
    Nu’ vico astritto,’ncoppo e’ grarelle sbiadita na cappella pare scurdata, senza nu’ sciore manche nu’ lumino.
    Scesca ‘o viento, nu’ manto niro,n’ato lamiento,currite,currite
    Donna Carme’ e’ morta Maculata.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili