Salta i links e vai al contenuto

Tragedie greche su amori finiti o andati male

Buongiorno, 

Sono Gabriele, mi piacerebbe condividere con voi questa riflessione e sapere cosa ne pensate.

Ho notato che, l’argomento centrale di questo sito, sono per l’80 %, tragedie greche legate ad amori finiti o andati male.

Io personalmente disapprovo, questa dinamica, soprattutto perchè chi racconta, racconta esclusivamente la sua versione dei fatti, mentre l’altra campana non si sente mai. La mia massima al riguardo, non solo in questo ambito, è “Il racconto è la peggiore delle menzogne”.

Oltrettutto, sottraendo spazio a storie che necessitano di essere sviscerate meglio, che invece vanno a finire nel dimenticatoio ingiustamente.

È chiaro, che questa è una mia opinione, non sono insensibile, e continuerò per quanto possibile a fare commenti, ma sarebbe auspicabile un cambio di atteggiamento da parte di chi scrive, a spronare un rapporto vero e confronti veri, in temi delicati come le storie d’amore, piuttosto che chiedere consigli e/o suggerimenti su un sito, che comunque rimane anonimo.

Grazie della Vostra attenzione

Gabriele

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Riflessioni

27 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Cameo -

    Giusto.
    Tutti quelli che non la pensano come lei o che non fanno quello che lei vorrebbe andrebbero eliminati.
    Chiedo di chiamare questo sito “lettere a Gabriele” e chi vuole pubblicare lettere riguardanti il tema “Amore” deve almeno lasciare il recapito telefonico del proprio partner (o ex).

  2. 2
    Suzanne -

    Gabriele, ma perché tu pensi davvero che le persone siano interessate a dialogare, qui come nella vita reale? Chi scrive lo fa solo per sfogo e raccoglie solo i pareri concordi alla propria posizione, mentre chi commenta offre giudizi leziosi e sostanzialmente inutili. Però nell’ultimo periodo mi sto rendendo conto di quanto la gente sia terribilmente sola, una delle piaghe di questo “fantastico” mondo contemporaneo…

  3. 3
    Gorian -

    Penso che questa lettera e i commenti sotto siano solo una presa in giro nei confronti delle persone e i loro sentimenti.
    I rapporti veri ci sono. Ci sono le parole dette a voce e quelle scritte. Nessuno da eliminare o da telefonare. Ci sono sfoghi fini a se stessi senza la pretesa di raccogliere pareri concordi alla propria opinione.
    Ma invece di giudicare chi e cosa scrive su questo sito che mi sembra proprio uno spazio per raccogliere le parole scritte, qualsiasi cosa dicano, se non vi sta bene andate altrove a confrontarvi con le parole dette a voce lasciando libero sfogo a chi decide di servirsi delle parole scritte. A voi cosa succede di male se qui si continua a scrivere? Sono convinto che vivreste lo stesso.

  4. 4
    Golem -

    Sole. Tragicamente vero.
    Ma c’è chi crede di trovare vere amicizie per quanto è disperato.

  5. 5
    Suzanne -

    Guarda Gorian che non hai capito, la mia non era per niente una presa in giro. La parola scritta può avere mille valenze, destinatari, scopi, ma senza una persona reale a cui indirizzarla perde potere. Io adoro scrivere lettere, ma soprattutto pensando all espressione che farà quella determinata persona leggendola. Il mio discorso comunque era più generico, non necessariamente solo legato a questo sito.

  6. 6
    Yog -

    E tutto questo perché non ci date dentro abbastanza con la narda. Però originale l’idea di titolare il sito “Lettere a Gabriele”, sembra una vaccata pentastellare, ma non è, anzi mi piace (il dominio è comunque già registrato, fatevene una ragione).
    Il problema non è che la gente è “sola”. Piuttosto, per la maggior parte, è “sòla”. Un accento è poca cosa, ma cambia il mondo. Belen ve la vedete scrivere qui? No, eh? Balen invece sì, scommetto. E cambia una vocale. Pensateci stanotte a messa grande.

  7. 7
    Gabriele -

    Questo che ho scritto voleva essere solo una RIFLESSIONE sul fatto che molte persone chiedono consiglio a perfetti estranei sulla propria vita sentimentale. Non ritengo di aver nuociuto a nessuno esprimendo delle perplessità al riguardo, quanto all’idea dell’indirizzare lettere alla mia persona ne sarei certamente felice, perchè almeno userei argomenti frutto della mia innata empatia e cultura, e non del sentito dire tipico di certi utenti: uno fra tutti un certo Cameo e/o Gorian.
    @ Suzanne: hai centrato il punto della mia lettera, grazie non è facile, su un sito come questo
    @Yog hai un modo di esprimerti complesso, fuori dagli schemi, sono d’accordo anche con te, incredibilmente. Che mi stia convertendo alla Narda?

  8. 8
    Suzanne -

    Gabriele, io penso che questo sito, come accade spesso, sia potenzialmente uno strumento assai valido di condivisione e confronto/scontro dialettico, ma che venga utilizzato per scopi sbagliati. Utilizzo il termine “sbagliati” proprio perché penso, come te, che richiedere consigli (che poi divengono giudizi) a perfetti sconosciuti non solo sia totalmente inutile, ma anzi dannoso. Ho seguito recentemente un corso di formazione proprio sull’ascolto, che mi ha fatto riflettere su quanto poco siamo inclini ad ascoltare attivamente l’altro, spogliandoci da tutte le nostre sovrastrutture. Uscire dall’ansia di sostituirci all’altro, crederci migliori o pensare di aver compreso qualcuno da poche righe scritte. La comprensione necessita di ben altri canali…

  9. 9
    Golem -

    In realtà qui più che consigli si chiedono conferme a quello che già si pensa. Chi lo ha capito si era fatto un nome in termini di popolarità.

  10. 10
    Gorian -

    Io vedo più persone aperte a un confronto piuttosto che persone che chiedono consigli.
    Oppure lettere di sfogo fini a se stesse, come già ho menzionato.
    Lasciare le proprie parole scritte in uno spazio come questo (quindi dedicato), permette di conoscere anche il punto di vista di altre persone circa il proprio “problema” o circa la vita in generale. Questo può essere utile per vedere le cose da un’altra prospettiva che forse la persona, fino ad ora, non riusciva a concepire.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili