Salta i links e vai al contenuto

Come togliere la Concordia dall’isola del Giglio

Da tecnico, mi permetto suggerire le cinque fasi per togliere la nave dall’isola:
1) Non perdere più tempo a succhiare il carburante. Si poteva fare dopo e al sicuro
2) Una squadra di saldatori e tecnici dedicati al tamponamento della falla, magari dalla Ansaldo.
3) Far costruire da ditte specializzate cassoni in materiale floscio tali da poter sistemare dentro le cabine, stive ed altri luoghi, arrotolati e poi gonfiati successivamente. alleggerirebbero lo scafo in quando a parità di aria immessa ne seguirebbe un fuoruscita d’acqua. Operazione questa che potrebbero fare i bravi vigili del fuoco che ho visto al lavoro dentro lo scafo.
4) Per sicurezza si potrebbero utilizzare dei cassoni esternamente, sempre gonfiabili, come ho già visto in qualche programma per agevolare il raddrizzamento.
5) tirare lo scafo e trainarlo alla rada più vicina. 2 mesi di lavoro al massimo. Auguro buon lavoro a tutti
p. s. la tecnica dei cassoni flosci (depositata sin dal 1971 ) è già stata collaudata in Inghilterra, sollevando un relitto, impossibile con le tecniche tradizionali.
Chi volesse contattarmi la mia mail è la seguente: Cesare. palumbo. a82z@alice. it sono disponibilissimo a dare qualsiasi informazione (no profit) Cordiali saluti. Cesare

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili