Salta i links e vai al contenuto

Timido con le ragazze a 28 anni!

Lettere scritte dall'autore  

Secondo voi, è normale che uno a 28 anni sia ancora iper-imbranato quando si tratta di approcciare una ragazza? Ho avuto una sola storia nella mia vita, abbastanza lunga (5 anni), finita un paio d’anni fa con la scoperta che lei mi tradiva da qualche mese. Dopo il classico periodo di dolore e rifiuto del genere femminile, è arrivato il momento del ritorno alla ricerca dell’amore. Il problema è che mi sto rendendo conto di essere veramente imbranato. Magari conosco una ragazza, ci parlo un po’ assieme e poi inizio a farmi duemila paranoie su cose tipo “devo chiederle il numero?”, o simili e alla fine non combino nulla… Non stupisce quindi che finora l’esito generale del mio impegno sia stato abbastanza disastroso.
Non so, probabilmente sono un tipo da tempi lunghi, e non da conoscenze veloci, forse ho solamente bisogno di rispettare i miei tempi per entrare in confidenza con le persone. Sembra però tutto così difficile, con la gente che incontri fugacemente e poi scappa via. Secondo voi, esiste una speranza anche per i timidi ed imbranati? O avete qualche consiglio per cercare di superare queste difficoltà?

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

10 commenti

  1. 1
    lune -

    ma sai io non credo che sia questione di essere imbranati…io credo che sia più il fatto che quanto più si va avanti più è difficile creare legami.Anche io esco da una storia lunga,ho 24 anni e sto capendo quanto è difficile instaurare legami con le persone,parlo anche di amicizie…anzi soprattutto.
    Mi guardo intorno e c’è gente che corre a destra e a sinistra,continuamente.
    Sarà perchè siamo noi a voler creare con loro rapporti profondi(nel senso che tendenzialmente non siamo persone che si accontentano della conoscenza) e non ce ne danno modo perchè vivono diversamente.

  2. 2
    magirama -

    Ciao. Ho 28 anni anch’io e sono nella tua stessa identica situazione. Io penso che la solitudine sia un male comune, ma bisogna stare attenti alla definizione che si dà a questa cosa. Ci sono le persone sole, come noi, perchè fatichiamo a trovare amici e una ragazza con cui uscire, però spesso sono persone sole anche quelle che escono tutte le sere, stare in mezzo alla gente nei locali o simili non significa che non siano sole, è una cosa intrinseca alla persona. Gli amici non sono solo quelli con cui uscire per una birra, gli amici sono quelli che ti sono vicini, inoltre anche trovare una ragazza che abbia dei valori oggi è una cosa molto difficile. Parlo per esperienza.
    La timidezza non è un grosso problema per come la vedi tu, sono timido anch’io, però basta lasciarsi andare, rispolverare un po’ di sano romanticismo, cercare di essere sinceri e autentici. In realtà è un problema di approccio, una cosa in cui la timidezza ha un ruolo negativo, accentuato dalla mancanza di occasioni buone.
    Se poi pensi che i social network e la ricerca di conoscenze su internet prolifera, è la prova del fatto che nella realtà diventa sempre più difficile conoscere persone e innamorarsi. Siamo stressati, sempre di corsa, è veramente difficile.
    Poi non considerarti imbranato, non ci sono regole o vademecum per conoscere e corteggiare le ragazze, innamorarsi è una cosa naturale e non devi metterti su una bilancia con altre persone. Devi avere pazienza, farti un po’ avanti, fare quello che ritieni giusto quando conosci una ragazza e se accetti un consiglio, non aggrapparti a quegli incontri casuali che si fanno, difficilmente portano qualcosa, cerca piuttosto luoghi e situazioni aperti al dialogo, stai sempre sereno.
    Ti dò questi consigli ma sappi che li dò sempre anche a me stesso, purtroppo so in prima persona come ti senti.
    In bocca al lupo.

  3. 3
    Stefy -

    Accetta questo umile abbaglio di speranza: la timidezza potrebbe essere proprio la molla che fa scattare un interesse verso di te. Il fatto è che spesso sono le ragazze timide a riconoscersi ed immedesimarsi nella tua stessa timidezza. Si aggiunge l’ipotetico senso del pudore o un attaccamento al vecchio stampo, che prevede che sia il ragazzo ad approcciare la ragazza.
    Se capita questo, sia il tuo sentimento che il suo rischiano di rimanere segreti, confinati nei vostri cuori. Ti capisco benissimo, al 100%. Tuttavaia, se posso permettermi un consiglio: non nascondere la timidezza, magari ti imbarazza, ma se la lasci emergere può essere la spiegazione che lei si crea in relazione ad un mancato gesto che si aspetterebbe, e magari non te la senti anche se dovresti provarci(che le chiedessi il numero, le portassi un fiore o un cioccolatino, la invitassi ad accompagnarti a fare una passeggiata, o ti aiutasse per un regalo per tua mamma, non so…quello che vuoi)..
    Solo cerca di non ostentare familiarità verso comportamenti che non sono del tuo dna: un tipo buffo fa tenerezza, un flop rende divertente e simpatico, ma uno che finge di essere “esperto” trasmette un’insicurezza un pò da buffone..cerca di buttare le sconfitte (spesso solo apparenti) su una comicità sobria -purchè non esageri!-, ridi, fai autoironia…tanti auguri…fammi sapere

  4. 4
    fede81 -

    Grazie a tutti per i buoni consigli!
    Non so, probabilmente mi sto avvicinando ad un’età in cui tutti i miei amici si stanno sposando, e io mi ritrovo ancora single per cui mi viene naturale chiedermi come mai… se sia solo per sfortunate circostanze o se c’è qualcosa in me che non va. Probabilmente avete ragione voi, alla fin fine devo solo cercare di essere me stesso e speriamo che l’amore prima o poi arrivi! Grazie ancora!

  5. 5
    Gabriele -

    Amico mio io sono nella tua stessa situazione e dopo 8 anni che son single ho capito che le ragazze di oggi molto difficilmente potranno darci quello che sognamo. Vedo solo tanta superficialità e voglia di divertirsi ma voglia di fare le cose sul serio mai…sono sempre più convinto che solo una vera donna può capire cosa abbiamo da offrire ed e’ per questo che dobbiamo guardare non a quelle con qualche anno meno di noi ma a quelle con qualcuno di più…

  6. 6
    marco -

    sono un raga 32enne bella presenza,dimostro anche meno mi dicono sui 25anni,e’ da 6anni che nn riesco piu a approcciare positivamente una donna, dall ultima relazione di due annimi piaceva si,ma mi son fatto lasciare perche volgare e poco seria.l iniziativa principalmente l aveva presa lei,l avevo invitata in un pab una sera,poi nn ci son andato e lei mi ha chiamato al cellulare per sapere perche,da li e’ iniziato tutto.premetto che nn e’ stata una delusione,ma da allora qualke conoscenza in giro nn mi ha portato mai a niente. eppure devo dire che da 17 a 21 anni in una discoteca che frequentavo mi buttavo e rimediavo abbastanza.da 22anni ho iniziato a girare demotivato nei locali.ho sempre avuto grosse difficolta ad arompere il ghiaccio con le ragazze,ho timore dei rifiuti e dopo di carattere divento irascibile,con conseguenza che spesso per sfogare i miei istinti mi sono rivolto in altri appartamenti..il risultato e’ che ho paura della solitudine,ho sempre desiderato una donna che mi attrae e i vuole bene,ma sicuramente la sfiducia m ha portato a pensare cosi.devo dire che se invece mi presentano le persone sono simpatico e pieno di battute,ma anche con supporto dello psicologo nn ci ho mai capito nulla,e nn riesco in nessun modo farmi avanti.forse ho maturat un odio amore verso il gentil sesso perche troppo emancipate.aiutatemi a capirci qualcosa grazie ciao

  7. 7
    Gabriele -

    Caro Marco, non l’hai menzionato ma probabilmente anche tu rientri
    (come me del resto) nella categoria dei bravi ragazzi…

    Siamo fregati amico mio, e sia per me che per te (io ho 29 anni quasi)
    la questione si fa complicata. Ci vuole un radicale cambiamento
    soprattutto di carattere e nel modo di vedere le cose; è brutto dirlo
    ma bisogna cominciare a diventare (e quindi essere) tutto il contrario
    di quello che siamo stati fino ad oggi. Si, non bisogna più essere se
    stessi ma bisogna diventare qualcun’altro. Attenzione che non ho detto
    FARE FINTA di sembrare qualcun’altro, ho detto proprio la parola
    DIVENTARE. Scordati i modelli comportamentali che ci hanno voluto far
    credere fossero quelli giusti; scordati le cene a lume di candela
    scordati fiori regali premure e carinerie varie….dobbiamo diventare
    dei veri maschi che sanno quello che vogliono e lo ottengono senza
    neanche chiederlo.
    Dobbiamo cominciare dando 5 e non subito 100 perchè una volta che
    parti da 100 se scendi a 90 sono cavoli. Dobbiamo alzarci la mattina
    non lasciandole un vassoio con la colazione e una rosa fresca, ma con
    un biglietto con su scritto “Stirami la camicia che domani mi serve”.
    Devi presentarti a cena con mezz’ora di ritardo mentre te ne sei
    andato a fare l’aperetivo con i tuoi amici e ti sei anche divertito
    parecchio! Devi ricordarti di farle gli auguri di compleanno si…ma
    non la mattina alle 8, ma la sera alle 20. Devi giocare con i
    sentimenti delle donne e divertirti come se stessi costruendo un
    puzzle, spostando i tasselli della loro anima sarai in grado di far
    provare loro sensazioni incredibili che le legheranno a te finchè tu
    vorrai, fin quando non vorrai disfare il puzzle o completarlo. A loro
    piace così; le fà sentire vive e tu sei in grado di generare
    continuamente attrazione soprattutto emotiva nei loro confronti. E’
    questo che conta per loro, non quanto sei bello o quanti addominali
    hai. La scelta deve rimanere sempre a te. Devi ricordarti di essere
    talmente sicuro di quello che fai e quello che dici che anche se è
    sbagliato devi trovare il modo di farlo diventare giusto per dare una
    impressione di sicurezza estrema. Si, perchè non sei un essere umano.
    Sei l’uomo che non deve chiedere mai, l’uomo che attrae a se la donna
    che vuole senza neanche accorgersene anche se probabilmente entrambe
    non conosceranno mai il vero significato della parola AMARE.

  8. 8
    marco -

    ho letto la tua risposta gabriele ti auguro buona fortuna anche a te,feazie consigli ciao

  9. 9
    sabry -

    Ciao ragazzi! Ho letto solo adesso i vostri commenti, io sn una ragazza imbranata e timida, però smentendo ciò che avete detto io come altre ragazze ho molti valori, sn romantica quindi nn e vero che nn esistono brave ragazze. A me sembra invece che siete voi ragazzi che guardate solo all’aspetto fisico e nn sapete apprezzare la bellezza interiore!

  10. 10
    sint -

    ragazzi ciao pure io sn timido ma solo con le tipe che mi interessano tranq che ho 29anni ho avuto tante esperienze poichè essendo “belloccio” così vengo definito, ci provano loro quindi sn abbastanza fortunato, ma ovviamente mi faccio sempre scappare le donne che mi interessano davvero!

    figuratevi che mi sto prendendo una cotta per la mia dentista “stra figa” fidanzata o sposata, che non vi dico che ansia…come se la seduta non fosse già ansiosa, poi mi guarda fissa con 2 occhi blu oceano che mi rapisce l’anima ed il + delle volte rimango come un ebete x fortuna che stampo sorrisi alla tom cruise con qualche battuta idiota giusto x calmierare l’ambiente e lei molto intelligentemente(insomma è brava nel suo lavoro)ricambia e credo anzi ne sono certo che le sue domande tipo”hai la ragazza” sia solo un modo essendo impegnata x vedere se ci starei insomma mi sento come un bambolotto lei si diverte io meno

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili