Salta i links e vai al contenuto

C’era una volta… un tesoretto

Tutti eravamo sicuri che il Governatore di Bankitalia Draghi avrebbe sostenuto l’inverso di quanto si pronunciava sul noto tesoretto.
Ora ci narra, ed altri narreranno la storia del Pirata Barbanera che non ha mai avuto alcun patrimonio mentre noi Italiani paghiamo tasse a dismisura dando ascolto alle leggende.

L'autore ha scritto 140 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

3 commenti a

C’era una volta… un tesoretto

  1. 1
    albert -

    Carlalberto, la balla del “tesoretto” era solo una trovata mediatica per tenere buono l’elettorato, facendo credere di avere risanato i conti, e ottenuto chissà quali risultati dalla finanziaria succhiasangue.

    Ma come possono dire di avere risanato, se la spesa pubblica è aumentata, e quindi ci sono sempre nuovi “rubinetti che perdono” che vengono inutilmente “tappati” per qualche tempo con nuove tasse e balzelli? E poi daccapo!

    Ti dice niente che l’Alitalia non la voglia nessuno, e stia per fallire?
    E perchè? Perchè in Italia bisogna tenersi buoni i sindacati, evitare di prendere misure drastiche per risanare (come fanno all’estero) e tenere così migliaia di persone in esubero, anche se con ciò mandi in malora tutta l’azienda, e mandi a casa sia i dipendenti che non servivano, che quelli che avrebbero potuto essere utilizzati in modo proficuo.

    Questa è l’amara verità

  2. 2
    Paolo cogitoergosum -

    Ma state ancora a perdere un solo minuto per discutere di “aria fritta”?
    Dateci un taglio, su, che è già caldo abbastanza!

  3. 3
    Carlalberto Iacobucci -

    Albert, per come la vede Carlalberto inizierei dai sindacalisti seguiti a ruota dai loro seguaci e avvierei certamente verso l’uscita i non meritevoli tenendo sempre presente chi stabilisce questa fattispecie di graduatoria in ragione che la stessa non fosse redatta dal sindacato stesso. Ed in utlimo, tuttavua più importante, la classe politica che altro non sa fare che suonarcele di santa ragione quotidianamente. Ora è tempo di finirla e pure alla svelta. La Margaret Hilda Thatcher soprannominata Lady di ferro volle verificare al riguardo dei sindacati quanti iscritti e per chi prendevano parola. Sono convinto, che in Italia, un bel referendum priverebbe del potere la famosa Triplice

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili