Salta i links e vai al contenuto

Una storia di discriminazione

Salve, sono il Guardiano di Augusta, Faro Santa Croce, 14 anni fà sono stato assunto come guardiano da una società che doveva avviare un centro di ricerca marina, 6 anni fà sono stato licenziato, ho tentato di trovare lavoro investendo il mio TFR ma ho perso tutto e ne sono rimasto qui residente e previsto da Pubblico Servizio (Art. 358 c.p. ), sono una vittima di discriminazione, ho contattato 7 patronati e 10 avvocati ma nulla da loro nessuno mi vuole aiutare, questo “mio” Faro che è bene d’interesse storico che io preservo, solo con la mia battaglia difendo il Patrimonio Nazionale; Con il coraggio che solo disabile psichico grave può avere, osa di sopravvivere in solitudine, disoccupato, abbandonato a sé stesso dalla Regione Siciliana, povero, nullatenente, ingannato da chi mi voleva aiutarmi, minacciato e calpestato dalla omertà. Antonio Coria.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro

8 commenti a

Una storia di discriminazione

  1. 1
    Rossella -

    Ciao,
    purtroppo le mortificazioni sono all’ordine del giorno. A muovermi è l’amore per la famiglia e ti assicuro che non è bello vedere determinati confronti. Sono cose che fanno stare veramente male.
    Dobbiamo affidarci al Signore se vogliamo avere consolazione. Almenoio che sono credente la vedo in questo modo.

  2. 2
    Antonio -

    Questa mia Storia di un operaio, Sig. Antonio Coria Guardiano del Faro di Capo Santa Croce Augusta SR, un uomo disabile abbandonato dallo Stato, è una verità unica in tutta Italia, dopo l’anno 2001 termina con il giorno 20 Luglio 2017 Il Demanio Marittimo di Catania ha forzato la mia residenza e sono stato gettato fuori nella strada e sono senza più un tetto, nonostante sia un servo dello Stato, nessuno mi ha mai offerto il mio merito e senza alcun rispetto, spero che nel futuro la Procura avvia una indagine, forse io otterrò una Menzione speciale per oltre 16 anni spesi qui ben 8 anni senza salari, scegliere di sfrattarmi è assurdo perché:

    1) Ero residente qui nel mio alloggio con le mie utenze;
    2) Sono un lavoratore di fatto, art. 2126 c.c.;
    3) Incaricato Pubblico Servizio, art. 358 c.p.;
    4) Sono povero con reddito, ISEE zero;
    5) Ho vissuto in 16 anni in un alloggio di 40 mq. che è lo strumento del mio lavoro e testimonia il rapporto con contratto di comodato;
    6) La mia determinazione mi permette di salvaguardare la Torre
    Borbonico che è Patrimonio dello Stato;
    7) Questa Amministrazione Demaniale mi ha sgombrato il mio alloggio con forza, nonostante è priva di una Ordinanza contro di me dal Tribunale;
    8 ) Sono testimone di traffico di reperti archeologici;
    9) Sono abbandonato e vivo solo e privo di assistenza;
    10 ) Sono disabile totale.

    In Fede
    Antonio Coria

  3. 3
    Golem -

    Tieni duro per il faro. Siamo con te. Scrivi a Mattarella. Subito.

  4. 4
    Antonio -

    Grazie Golem, avevo scritto più di un anno fa, “Illustre Presidente della Repubblica Sergio…, mi dia un cenno se merito Grazie” ma nessuna risposta !

  5. 5
    Antonio -

    http://wltv.it/augusta-sfratto-rinviato-allultimo-guardiano-del-faro-santa-croce/?fb_action_ids=1529104673786532&fb_action_types=og.comments

  6. 6
    Antonio -

    http://www.lagazzettaaugustana.it/sfrattato-lultimo-guardiano-il-faro-santa-croce-ai-privati-o-al-comune/

  7. 7
    Antonio -

    http://www.lettera43.it/it/articoli/attualita/2016/06/18/tony-lultimo-guardiano-del-faro-a-capo-santa-croce/197661/

  8. 8
    Antonio -

    https://www.youtube.com/watch?time_continue=64&v=khP-Db0qexQ

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili