Salta i links e vai al contenuto

Storia d’amore, solitudine, eri un punto di riferimento

Ciao a tutti.
Sono un ragazzo di 25 anni, figlio unico, purtroppo disoccupato, fin dall’albore della mia infanzia non ho avuto una vita felice a livello familiare e relazionale con gli altri;
-Dai 0ai 14 anni; ho sempre subito traumi psicologici da parte dei litigi dei miei genitori, delle volte anche molto violenti, mentre io cercavo aiuto chiamando sempre zii e parenti a destra e a manca. Per non parlare della polizia addirittura e così via.
-A 14 anni; Io e mia madre scappammo via di casa mentre mio padre era al lavoro e andammo a vivere a casa di Mia nonna, vedova all’epoca di 70 anni. Con i Dovuti arrangiamenti prima dormendo sui divani, solo con i giubbini, mano mano riusciamo a stabilirci, comprando un letto, effettuando un adeguato riscaldamento ecc ecc.
-A 15 anni; Mia Nonna prese l’ischemia celebrale e per un anno intero fino l’estate del 30 agosto 2003 perse la vita tra le mie braccia alle 4 del mattino, dp che ci alternavamo io e mia madre facendogli le notti vicino. In tutto questo mio padre lo vedevo saltuariamente anche se mi cercava lo rifiutavo, ma questa è un altra storia…
-Dai 15 ai 17 anni; preso dallo stress e depressione di quello che passai presi l’allergia solare, o detto anche eritema. Non potevo stare al contatto col sole che bruciavo letteralmente vivo.. manco fossi un vampiro di Twilight, ma se continuavo a stare al sole rischiavo un infarto per shock anafilattico.
-Dai 18 anni in poi; l’inferno… tra depressione e superficialità nel trattare con gli amici li perdo tutti.. rimango da solo.. un ANNO INFERNALE veramente, la solitudine mi ammazzava. E non solo, mia madre mi salì in casa nostra il suo nuovo compagno, ove costui mi mise contro mia madre che addirittura cucinava per lui e ai suoi figli e no a me….. mentre mio padre mi assillava dandomi colpe inutili sulla mia nascita e la loro separazione…. ho detto tutto.
-A 19 anni, conosco Lei, la mia Salvezza.. anke se parte tutto dal Sesso, mano mano iniziammo ad innamorarci o almeno io bho’… credevo tanto in lei, che mi avrebbe salvato da quella situazione infernale..
-Dai 19 anni a ora (25 anni) ; Ci siamo visti e frequentati tutti i giorni, con mille battibecchi dovuti a incomprensioni, ma lei era sempre la prima a tornare da me, se non addirittura a piedi fine sotto casa mia, in modo arrabbiata addirittura da mettermi le mani addosso e facendosi mille cattivi pensieri se avevo detto o avevo fatto… ma rimanendomi con il vuoto attorno era/è sempre stata la mia ombra, lei non frequentava PER SCELTA persone esterne come amici ecc e così voleva che anche io non mi facevo altre schiere di amicizie, voleva solo che rimanevano SOLO IO E LEI. Abbiamo fatto sempre tutto insieme. Ora vi chiederete, ma per cosa litigavate? Ora vi spiego amici.. è sempre stato l’unico problema.
Lei è sempre stata una tipa riservata, anche con la famiglia a tale punto che se poteva evitare, e con piacere, cercava di non farmi avere contatti con loro. Notavo che alcuni compagni e conoscenti, anche cugini e cugine dopo un tot di tempo passato con i loro “amori” venivano presentati ai propri genitori per poi rendendoli partecipe alle loro famiglie. Voi direte vabbè ma tu devi rispettare le sue scelte, è una cosa sua.. Ok ok.. io non forzai mai la cosa, ma ben presto notavo che gli anni avanzavano.. e x di più la sorella che era fidanzata anche lei, faceva salire quasi tutti i giorni il suo Lui sopra, facendolo partecipare a pranzi, cene e feste, mentre io quasi mai.. da li scese un bel conflitto.. questa cosa la vedevo abbastanza ingiusta, del tipo “lui sale e tu no”, rimanendo molte volte estraneo al nucleo familiare. La cosa col tempo fino ad oggi è andata scemando e noi litigavamo esclusivamente su questo ma lei in 6 anni non l’ha mai voluto capire e considerare sta cosa, mentre quell’altro ci godeva anche che non salivo. Io personalmente non sono mai stato mai invidioso e geloso di nessuno, ma questa situazione mi portò a detestare questo suo cognato che saliva sempre sopra da loro a mangiare e bere mentre io giù come un imbecille. Man mano facendoglielo capire iniziai a salire sopra… Il peggio del peggio da qui.
-La madre; classica casalinga di quartiere che pensa solo a cucinare, lavare, stirare e pettegolare ovunque e con chiunque.. dalla mentre ristretta.
-Il padre; sempre taciturno, dal giudizio facile, con le sue battutine avvolte abbastanza offensive, era sempre casa-lavoro, non usciva mai e con questo non portava mai la moglie fuori, il suo mondo? Casa-lavoro-computer.. mai un sabato, una domenica da qualche parte M-A-I.
-La sorella (potrei anche chiamarla stupida PU***NA invidiosa figlia di Satana? ) ; è lei la colpa di tutto, lei che ultimamente ha piegato e ha cambiato la mia Lei al suo volere.. facendogli il lavaggio del cervello.
-E alla fine il cognato, fidanzato della sorella; Classico figlio di Mammà ultra-viziato, con posto fisso di lavoro perché cedutosi dal padre per non aver preso la liquidazione. Per Loro è il DIO sceso in TERRA. Nun s tocc. Eh sì sapete perché amici? Perché sono morti di fame…
In tutti questi anni come è partita la cosa.. vediamo i piccoli gesti:
-Tutte le volte che portavo un qualcosa sopra (c’ho speso i soldi appresso a sti pezzenti) , pandoro, panettoni, spumanti, vini, colombe, torte uffff hai voja quanti gesti ho fatto, la loro risposta? MAI UN VERO GRAZIE. Solo grazie tutto schifato e senza voglia.
-Ogni volta che andavo là, mi lanciavano le cosiddette “zippate” denigrandomi addirittura sul mio stato da disoccupato e sullo stato della mia famiglia.
-La sorella mi faceva i gestacci dietro… e la mia lei mai una volta a prendere le mie difese.
-L’ultimo periodo addirittura la mia Lei si coalizzava con il padre per prendermi in giro e cambiava carattere… diventava proprio na stronza..
-Non mi hanno mai dato nulla in cambio.
-Ogni volta che la chiamavo non rispondeva mai a tavola, si alzava e mi rispondeva in bagno manco fossi un estraneo…
Potrei continuare così per ore credetemi….. mentre lei sempre sopra da me SEMPRE.. Mia madre a comprargli regali ma così anche mio padre nel periodo della riconciliazione tra me e lui..
Ora stiamo ancora insieme ma è solo questione di tempo prima che il tutto si sfascerà, ormai l’ultima volta che abbiamo litigato sono andato io a trovarla (PER amore) . Non mi venne a cercare come sempre e da li è totalmente cambiata.. Mi manda sempre meno messaggi, e quando stiamo insieme la noto totalmente assente. E io mi sto logorando dentro giorno dp giorno.. Ormai è la fine, il bello? lei si ritrova con la famiglia, mentre io SOLO, si SOLO poiché mia madre sta sempre con il compagno e mio padre è all’estero. SOLO-DISOCCUPATO E SENZA NESSUNO. bella fregatura eh? è arrivato il momento di decidere. Già ho l’ansia e mi sento a pezzi. Aiuto = (

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

6 commenti

  1. 1
    Fata -

    Hai avuto una vita davvero dura, non è facile andare avanti così però da come scrivi si vede che sei una persona forte, soltanto che ora ti senti perso e non puoi crederci più. Allora allora: intanto una ragazza che ti dice che è meglio che tu non frequenti nessuno all’infuori di me è una grandissima egoista! (Mi permetto di dirlo perchè anche io per scelta non esco con nessun amico nè amica, per scelta, perchè sono tutti infami ma MAI ho detto al mio ragazzo di non uscire con i suoi amici, anzi). Lei può fare quello che gli pare ma NON PUO’ COSTRINGERE TE AD ACCETTARE UNA C0SA DEL GENERE!!! Già di qui si vede che è: possessiva. La possessione è qualcosa di deteriorante e di malato che rende un rapporto morboso. Poi un’altra cosa, è vero che lei più esse riservata e tutto quello che gli pare ma non è un motivo per non presentarti,quella della timidezza è una strategia ben studiata. Poi quando tu ti sei lamentato, hai cominciato ad andare a casa sua, ma semplicemente perchè così lei non avrebbe avuto più scocciature e chissà ai suoi genitori cosa gli avrà detto di te…
    La sua famiglia è di una maleducazione e di un’insensibilità uniche, lei un po’ si salva.
    Tu non hai nulla da rimproverarti, e mi fa piacere che ti rivolgevi ai lettori chiamandoli amici 🙂 alla fine tanto solo non sei o no? 🙂
    Dare consigli è davvero dura perchè sono parole che lasciano il tempo che trovano…
    Tu devi cercare di lavorare sulla tua dipendenza da questa ragazza, dipendenza che lei ha saputo coltivare nel tempo molto egoisticamente. Devi staccarti da lei, in maniera totale e guardarti attorno in cerca di nuovi amici e nuove ragazze che si prenderebbero cura di te in cambio solo di un po’ di protezione.
    Scappa, scappa prima che puoi. Coraggio, in gamba 🙂

  2. 2
    Agonizzato -

    Ciao Fata ti ringrazio di cuore,infinitamente per il tuo commento e la pazienza di aver letto tutto fino in fondo.
    Oggi ci siamo visti,abbiamo provato a parlarne…mi ha solo trattato di Mer..e per di + ha detto che si è scocciata di me,aggredendomi con una furia esagerata,io come un cretino disperato in un lago di lacrime e agonizzante l’ho implorata..
    Alla fine nulla ha deciso cosi..sn le 6 del mattino,ho dormito solo un paio di ore..ho un ansia e un torpore esagerato,la amo e non ha capito nulla.Sto solo malissimo,ma proprio male male..nn so da dove ricominciare la mia vita guarda,ho tanta paura di questo futuro incerto e vuoto.Spero di riprendermi.Grazie ankora per il sollievo,leggendo questo tuo commento mi ha sollevato parecchio.

  3. 3
    sarah -

    ciao,credo che tu ti sia attaccato a questa ragazza scambiandola per un ancora di salvezza e credendo che finalmente la vita ti facesse un regaleo,ci sono cascata anche io,trisultato?due anni e mezzo di una convivenza infernale.Credo che ciò di cui hai bisogno e conoscere nuove persone e trovarti un lavoro,so che è dura,cerca di fare qualsiasi cosa,prova a chiedere a qualche centro di solidarietà o agli assistenti sociali,se la vostra situazione è così precaria dovete chiedere aiuto.Hai passato troppo tempo a farti trattare male e la tua lei voleva solo tenerti buono nel suo giardino come se fossi un cane,anzi peggio.So che è dura ma devi troncare,non devi più vederla nè sentirla anche se tornasse e ti dicesse che è tutto cambiato,che prova qualcosa e scemenze del genere,cerca di costruire la tua vita,io mi sono allontanata dal mio lui,ho conosciuto altre persone ma ancora non sono felice,non ho molta vita sociale,sono uscita ocn vari ragazzi e solo l’ultimo mi ha preso ma è già finita e io sono di nuovo con il cuore in pezzi.Capisco come ti senti,anche io ho avuto una vita difficile fin da piccola e non riesco ad accettare l’idea di continuare a soffrire,non mi riconosco in questo mondo,non ti dirò che sarai felice,che troverai quella giusta,non ci credo nemmeno io ma so che lei te la devi scordare.

  4. 4
    usain88 -

    ciao, siamo praticamente coetanei, e anche io sto con la mia lei da piu di due anni tra alti e bassi.
    purtroppo non ho amici, persi per colpe mie ma soprattutto di un mondo del cazzo e di una realtà ancora peggiore.
    se sei di roma, scrivimi a elgordo@email.it

  5. 5
    fede -

    ciao agonizzato(mi fa’ un po’ specie che te ti sia attribuito questo aggettivo…pero’ vabbe’ questo non centra nulla era solo per fartelo notare e farti capire che il problema forse parte dal modo in cui ti vedi e hai deciso d presentarti)…..certo che di persone perfide ne hai trovate eh…tralasciando i commenti sulle piu’ care,o comunque piu’ vicine per consangugnita’(mi riferisco a mamma e papa’,ma sprattutto mamma che ha dato importanza e retta ad uno sconusciuto poi divenuto conosciuto,invece di dare la priorita’ a quell’essere che ha portato in grembo per nove mesi e per il quale dovresti preferire farti ammazzare piuttosto che vederlo soffrire ossia il figlio)mi dedico alla piccola streghetta&company che ti hanno riservato una bella mazzata finale……penso che la tua lei per i primi tempi sia stata reticente al tuo ingresso in casa sua consapevole del fatto che te,avendo sofferto la mancanza di una famiglia(intesa nel vero senso della parola come padre e madre che convivono sotto lo stesso stetto con i figli e si vogliono un gran bene)avresti potuto inconsciamente cercare quel calore domestico che ti e’ mancato e che lei,conoscendo la sua famiglia meglio di chiunque altro,sapeva perfettamente che non avresti potuto trovare in quel nucleo perche tu non eri quello che i suoi genitori avrebbero desiderato per l’adorata figliola,invece l’altro(tuo cognato) lo era e la sorella lo sapeva perfettamente per cio’, quasi da fin da subito,si e’ sentita nella posizione d portarlo in casa ed ufficializzare la loro unione…..ti dico sin da subito che e’ molto molto frequente che la ragazza si faccia influenzare dal giudizio che i suoi genitori hanno sul suo fidanzato….sino a quando non ti conoscevano tutti i comportamenti che lei ha assunto con te ,belli o brutti che siano stati,erano 100% farina del suo sacco,frutto della sua mente e dei suoi sentimenti…dal preciso istante nel quale hai varcato la porta d quella casa ogni suo comportamento non e’ stato piu’ il suo ma quello dettato dalla testa riempita da mamma papa’ e sorella (e forse anche cognato)…gli avranno detto che sei una nullita’ e che merita di piu’ ecc.????ma lei chi e’ per meritare di piu’?e’ quella che invece di tenderti una mano per farti uscire dal vortice d solitudine e negativita’ nel quale eri entrato ha pensato bene di farti terra bruciata intorno ponendoti nella condizione d esser piu’ solo di prima???????’davvero una ragazza meritevole complimenti…caro amico mio se ne vuoi davvero uscire taglia i rami secchi della tua vita e il primo in assoluto e’ lei,non aver paura di rimanere da solo perche tanto avendola accanto a queste condizioni sei solo comunque)prodigati nell’imparare un mestiere(se non hai gia’ un arte fra le mani)magari per i primi periodi anche gratuitamente (es.pizzaiolo gelataio ecc…)e pian piano riprendi in meno la tua vita ricominciando da te,fai qualcosa che ti rimanga per sempre solo cosi’ ti cotruirai una tua identita lontano da tanta cattiveria

  6. 6
    Agonizzato -

    Grazie infinite per i consigli ragazzi…Alla fine è stata LEI a lasciarmi….e non vi dico quante cattiverie….tra fallito,pezzente e buono a nulla…dp che ha mangiato e bevuto sei anni nella mia casa,abbiamo fatto l’amore,dormito insieme e chi + ne ha + ne metta..
    Alla fine sn SOLISSIMO….ma mi sto cercando un impiego giorno dp giorno…Madonna Santa come è dura.Ho sempre l’ansia a mille..ora che viene anke il fine settimana poi…sai che depressione mamma mia..
    PS;gli ho chiesto negli ultimi SMS se “mi ami ankora si o no?risp sl a questo e mi metto l’anima in pace” lei ha risposto “NON TI VOGLIO RISPONDERE!”….che cavolo significa?vuoi essere lasciata in pace ma almeno dimmi “No non ti amo + vai a fare in c….!” Bho’…e l’ansia risale uff =( grazie ankora per tutto l’aiuto raga.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili