Salta i links e vai al contenuto

Come si fa a stare male ancora dopo tanti anni?

Lettere scritte dall'autore  

Non avrei mai pensato di ritrovarmi su internet a parlare dei miei problemi, eppure eccomi qui… Da quasi 6 anni sono innamorata dello stesso uomo, se così posso chiamarlo. Lo conobbi a 16 anni, lui ne aveva 17. Siamo stati insieme non molto all’inizio, poi lui ha interrotto la nostra relazione, ma senza che ci lasciassimo mai veramente, continuavano ad esserci segni d’affetto tipici di una storia d’amore, gesti che se io ora guardo da fuori comprendo benissimo che io mantenevo anche se non stavamo insieme perché lo amavo molto mentre lui..non lo so, mi viene da pensare che voleva divertirsi senza impegni, perché se mi avesse ancora amata per quale motivo non mi avrebbe proposto di tornare insieme? Così siamo andati comunque avanti con baci ecc per un bel po’ finché non è arrivata una donna che gli ha fatto perdere la testa e abbiamo mantenuto solo più un rapporto di amicizia che io, ahimè, ho accettato perché molto presa da lui e perché ero terrorizzata all’idea di perderlo. Negli anni si è comunque formato un legame di amicizia molto stretto! Ma penso un po’ egoistico da parte sua perché raramente mi chiede come sto, ma quasi sempre si parla di come sta lui, mi cerca per sfogarsi, parlarmi dei suoi problemi ecc…questa cosa si è fatta a frequenza giornaliera soprattutto nell’ultimo anno, ci sentivamo e vedevamo ogni singolo giorno, ed io ero in estasi, erano 5 anni che aspettavo di poter avere un rapporto del genere con lui! Veniva a prendermi a casa, lo aiutavo, lo consigliavo, parlavamo tanto e se io sparivo per un po’ lui non lasciava passare neanche due ore ed iniziava a cercarmi..ma questo, secondo me, non successe per un improvviso immenso affetto scoppiatogli nei miei confronti, ma penso perché quelli che erano i suoi amici per un motivo o per l’altro non volevano più saperne di lui e gli ero rimasta solo più io. Così in quest’ultimo anno gli sono rimasta accanto ogni giorno, a qualsiasi ora e lui sembrava più “sensibile” al mio benessere, (è a conoscenza che sono ancora innamorata di lui), se sbagliava si scusava ecc poi però con il passare del tempo ha iniziato a fare l’impossibile per conoscere gente nuova, o meglio, ragazze nuove, tant’è che inevitabilmente ogni giorno la mia testa si chiede perché qualsiasi altra ragazza gli può piacere mentre io non sono degnata di uno sguardo.. E dal vederci ogni giorno nell’ultimo anno siamo passati a vederci se va bene un paio di volte al mese, questo perché nel giro di un paio di settimane è riuscito a ricrearsi una cerchia di amicizie e come volevasi dimostrare ora non ha più bisogno di me. Cosi io mi sono ritrovata “sola” tutta di colpo, stando malissimo.. La parte peggiore è arrivata da poco, il giorno del suo compleanno aveva in programma una festa con queste persone e voleva che andassi anche io (ovviamente non ci sono andata) ed ho scoperto che se prima chiamava me per aiutarlo in queste cose, si faceva consigliare ecc in quell’occasione ha chiamato una ragazza conosciuta da 3/4 settimane..è vero che ormai da un mese non facciamo altro che litigare però questo è stato davvero un colpo basso! Non ha chiamato me, che ci conosciamo da 6 anni e nell’ultimo anno ci è mancato davvero poco al portargli la luna (esempio una sera stava male perché la sua squadra sportiva si era appena sciolta ed io ero a casa con la febbre a 39, fuori pioveva a dirotto e faceva molto freddo, lui comunque mi ha supplicata di aspettarlo sveglia, sarebbe passato da me verso mezzanotte conclusa la riunione sportiva per parlare e quant’altro ed io l’ho aspettato…) ma ha preferito lei, che sicuramente sarà una bravissima persona ma quello che mi porta a fare questi ragionamenti è che lui mi ha messa da parte senza alcun motivo! Così ecco che le giornate diventano tristi e la vivo male,  Quasi tutte le persone a me care mi dicono di lasciarlo stare e chiudere questa storia perché per lui sono solo un passatempo, o un rimpiazzo quando non ci sono altri/e, i miei genitori non lo vogliono assolutamente più vedere e fanno il possibile perché non lo veda neanche io, anche se poi chiaramente la mia vita la vivo io e quindi alla fine nessuno mi può impedire di uscire e raggiungerlo o rispondergli ad un sms, ed ecco che ogni volta che cerco di convincermi che è giusto accantonare questa storia arriva lui con le sue frasette del tipo “se io non tenessi a te pensi che avremmo superato le difficoltà di questi 6 anni e saremmo ancora qui?” Ed il ragionamento fila, lui è passato sopra ad alcuni miei errori ed io altri suoi, peccato però, che come mi faceva notare un’amica i miei errori non sono neanche lontanamente paragonabili ai suoi. Come si fa a star male ancora dopo così tanti anni per una persona? E la cosa ancora peggiore è che non riesco a prendermi di nessun altro, non capisco perché, ovviamente quando mi capita davanti una persona che è magari bella dentro o fuori lo riconosco, ma niente di più, non riesco ad andare oltre e quindi questo è come se si riflettesse dal di fuori e le persone non si avvicinano.. Credo che mi abbia portata in qualche modo a vivere una sorta di piccola depressione, perché lui ha un bruttissimo vizio da sempre, ovvero che delle volte prende e sparisce, anche per diversi giorni, non si sa perché o cosa faccia, della serie che posso mamdargli sms o chiamarlo ma se decide di sparire non c’è verso di sentirlo finché non riappare magicamente. È questa cosa mi fa impazzire tant’è che fino ad un mese o due fa me ne stavo chiusa in casa nel letto o sul divano senza uscire e con crisi di pianto pazzesche, poi ho deciso che questa vita non volevo più farla ma ciò non significa che mi sia ripresa perché lui questi comportamenti li ha sempre. 
Chiedo scusa per l’infinito sfogo, e ringrazio in anticipo a chi mi risponderà.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

7 commenti

  1. 1
    chaponine -

    Guarda io credo che tutto sia semplice: lui ti ha sempre sfruttato come amica, tu speravi in altro. Non è andata così, basta :-):-) Se ancora non lo dimentichi è perché non hai incontrato di meglio.. Quando accadrà tutto questo sarà un lontano ricordo…

    PS: Io spero che il tuo nickname GF non sia l’acronimo di Grande Fratello, altrimenti sei irrecuperabile…:-)

  2. 2
    xleby -

    Lascialo perdere non sei invaghita. Sei manipolata da lui.

  3. 3
    Rossella -

    Si tratta di un amore platonico. Guarda: penso che gli uomini dovrebbero tornare a dichiararsi perché la donna ha il diritto di sapere se i sensi di lui si sono risvegliati in maniera diretta o indiretta. La sequenza: -mi fai sentire bella, sei un bravo ragazzo e ti succede “quel qualcosa” ha una chiave di lettura diversa dal mi stai vicino e ti succede “quel qualcosa”- Capito? Sono questioni di coscienza che fanno luce sulla natura del legame. La longevità di un’unione –dal mio punto di vista- potrebbe dipendere anche da questo… solo l’uomo può rispondere a questa domanda. In genere il primo amore è platonico… gli amori platonici sono tutti dichiarati, nel mondo di oggi diventa difficile superarli perché gli uomini e le donne vivono in funzione del giudizio degli altri e lei diventa l’altra. La verità è che l’uomo è incuriosito da quel pizzico di acidità che non fa parte della sua natura… l’amore è platonico perché si rivolge all’altro sesso in maniera quasi astratta. Infatti è molto difficile stare accanto ad un uomo che ha impressa sul volto la tipica espressione del bravo ragazzo. Solo al pensiero ti passa la voglia di starci insieme… sai che attrae, ma neanche puoi impedirgli di essere sé stesso… è stressante, purtroppo ci si deve fare l’abitudine.

  4. 4
    Golem -

    GF, ti piace la sofferenza, è ovvio. Non si resta “innamorate” per sei anni di uno che ti ha dato poco e niente – anzi ti ha usata – se non si è masochiste. Ma sei in buona compagnia, stai tranquilla.

    (Oh, ragazzi, alla Scarlet piacciono i bastardoni con la faccia da canaglia. E noi che la pensavamo una raffinata intellettuale dai gusti esigenti e delicati. Ammazza che sorpresa.
    È ancora tra noi comunque. Sulle R tutto rimbalza. Forse che la R iniziale significhi questo?)

  5. 5
    Sandro82 -

    La tua non è friendzone, ma “zerbinozone”. Perché farsi mettere i piedi in testa così? Capisco invaghirsi di una persona e rimanere ipnotizzati (e accecati) per un po’di tempo, ma… 6 anni?!? Ti ha solo usata come tappetino e tu sei pure stata felice di questo. Mandalo a fare in culo, toglitelo dalla testa e vedrai che riuscirai ad affezionarti a qualcun altro. Nel cuore c’è solo un posto (a differenza di quello che dicono altri) e finché non lo liberi da ‘sto stronzo sfruttatore, vivrai in questa sorta di limbo.

    PS= mi spieghi perché voi donne andate sempre dietro a questi tipi? È proprio vero che vi piace essere maltrattate.

  6. 6
    gimmy -

    GF,
    concordo con quanto detto da chaponine. Ti arrabbi, ci rimani male perchè ovviamente essendoci ancora del sentimento per lui, vorresti per te tutte quelle attenzioni ed accortezze che un uomo innamorato dovrebbe avere per la sua donna. Il problema è che lui ti vede solo come un amica, e per quanto tu scambi le sue tenerezze per un possibile mutamento del rapporto, lui al contrario non ci fa caso. Lo fa credo genuinaamente senza rendersene conto, lasciando in te speranze vane. Fossi in te non aspetterei un ipotetico ritorno di fiamma, perchè se non è successo in tutto questo tempo che vi siete comunque frequentati, vuol dire che non accadrà nemmeno in futuro. Non illuderti ulteriormente e non fantasticare oltre perchè ti fai solamente del male. Cerca di uscire anche con altre compagnie, e non fossilizzarti su di lui in quanto questo non è un bel modo di vivere la tua vita.

  7. 7
    rossana -

    GF,
    secondo me, sia in amore che nell’amicizia esiste quasi sempre un aspetto utilitaristico, anche solo nel senso di far quadrare i propri equilibri emotivi interiori. questo ragazzo ha approfittato parecchio di te ma anche tu l’hai probabilmente usato come stampella, non desiderando per il momento rivolgere altrove la tua attenzione ma non volendo nemmeno, nello stesso tempo, restare priva di un qualche tipo di relazione amorosa mentale, sia pure unilaterale.

    ci vuole forza e coraggio nell’ammettere con se stessi che qualcuno non è come lo si era intuito oppure, peggio ancora, che è esattamente come lo si sarebbe voluto ma che sono altri/e ad attrarlo.

    concordo con chi ti ha invitata a desistere dallo sperare. solo con uno sforzo di volontà ti potrai liberare da questo amore adolescenziale non adeguatamente corrisposto. è parte di un percorso di crescita, per entrambi!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili