Salta i links e vai al contenuto

Sono una persona distrutta, la ritenevo la donna della mia vita

  

Salve a tutti,

sono un ragazzo di 25 anni, studente universitario, con diverse passioni ed hobby. Ho vissuto sino all’età di 24 anni senza mai fidanzarmi o a vere storie con delle ragazze, probabilmente un pò per la mia timidezza o forse anche perché non mi sentivo pronto (nonostante desiderassi tanto una persona a mio fianco da amare veramente con tutto me stesso). Finché un giorno di quasi 2 anni fa, in un noto sito web conosco una ragazza (un anno in meno rispetto a me) cui condivido molte cose e che mi sembra davvero speciale. Rimaniamo a lungo a parlare in chat, dei nostri pensieri, delle nostre delusioni. Lei aveva un profilo falso compreso la località che risultava nell’alto nord italia. Chattando, scopro che lei abita a 2 metri dalla casa dove alloggio in affitto da circa 3 anni per l’univeristà. Insomma mi sembrava quasi uno scherzo, ma era realtà…Avevo a due passi da me una ragazza che mi somigliava molto e in 3 anni che sono vissuto in quel posto non ci siamo mai notati o visti.. le stranezze della vita.. Lei mi racconta la sua brutta storia di essere stata con un ragazzo conosciuto sempre su quel sito e che proveniva da milano. Si lasciano dopo un anno, poiché lei era esausta dei suoi comportamenti maniacali e persecutori. Ci soffriva molto, poiché doveva terminare il suo percorso di studi e questo ragazzo le rovinava la vita ogni giorno. Lei poi é sola, senza un’amica intima. Insomma, giorno per giorno cerco di darle conforto ad uscire da quella brutta storia e la invito anche ad uscire per parlare un pò, ma rifiutava sempre perché non se la sentiva. Ci vedemmo solo un giorno, ma solo per 2 min. perché aveva tanto timore del suo ex ragazzo che le telefonasse ecc.. Accettai di continuare a chattare giorno per giorno per circa 2 mesi, nonostante abitavamo vicinissimi, lei si confidava con me delle sue paure, dei suoi grossi dolori. Anch’io esprimevo la mia soliutdine nell’avere sfiducia di trovare una ragazza che mi potesse amare davvero. Alché dopo circa 4 mesi, scoraggiato di non poterla vedere mi cancello da quel sito, facendomi coraggio e di andare avanti e pensare ai miei studi. Dopo 3 mesi, in una bella giornata primaverile ci incrociamo con le nostre automobili (sapevamo entrambi quali auto avevamo e lei vedeva sempre la mia auto parcheggiata sotto casa). Ci scambiamo gli sguardi e vedo in lei una persona, un pò più serena e migliorata rispetto a prima, anche nel senso fisico. Dopo circa 10 giorni decido tra me e me di tornare su quel sito e di scusarmi per l’essere andato via così.. Mi fingo di essere una persona del nord, ma poi le faccio capire che ero io e lei felicissima del mio ritorno. Rimanemmo a parlare fino alle 5 del mattino, entrambi contenti, anche perché la vedevo un pò cambiata e più attiva. Lei mi confida che mi vedeva sempre come quel ragazzo irragiungibile, gli piaceva tutto di me, l’aspetto estetico, il mio portamento, insomma tutto ciò che voleva lei. Dopo 2 settimane le dico che probabilmente nel periodo estivo tornerò a casa e probabilmente non riprendevo la casa in affitto, perché avevo terminato le lezioni del ciclo di studio universitario. Fu così che lei, dopo qualche giorno essersi laureata ci riflette su quello che le avevo detto e con la scusa che doveva uscire col suo cane, mi propose di incontrarci sotto casa. Chiaramente, molto felice accettai e ci incontrammo di pomeriggio…Dai primi passi capii che era la donna della mia vita, per come si atteggiava, per come era posata, per come camminava, mi piaceva tutto di lei. Passeggiamo per oltre 2 ore, ci sedemmo su una panchina e le confidai anche dei miei problemi di ordine famigliare cui sono purtroppo costretto a combattere ogni giorno. Lei si dispiacque e vide in me una persona dal carattere forte. Dopo rientriamo nelle nostre case e la saluto normalmente con la speranza di rivederci. Non volevo essere pressante, anche perché durante la ns passggiata riceve la telefonata del suo ex. Tornai a casa che ero un pozzo di felicità e mi sentivo così innamorato di lei..Il giorno dopo tornai a casa mia dove risiedo e ci risentiamo in chat e lei mi chiede le mie impressioni e fu li che le dissi tutto quello che provavo, le dissi che sentivo un sentimento molto profondo per lei e lei molto felice di tutto ciò. Fui costretto per vari problemi familiari a tornare da lei dopo 9 lunghi gg, durante i quali però parlavamo sempre in chat esprimendo tanto affetto, tanta gioia nel sentire quello che provavamo l’un l’altro. Ci vediamo dopo 9 gg da quell’incontro e ci facciamo una passeggiata in un parchetto dove le do il primo bacio passionale e lei ci rimase sbalordita, così felice. Dopo 5 giorni ci fidanziamo e così inziia per noi una vera favola, poi dopo un pò mi presenta a casa sua ai genitori dove rimangono molto contenti per l’aver trovato un’ottima persona (a detta loro). Il sentimento cresce sempre di più, diceva che in me aveva trovato tutto quello che voleva, che in me vedeva la vita, che senza di me era persa, tante stupende parole. Poi cerco di costruire il ns rapp.to facendo anche dei viaggetti, nel centro e sud Italia, nonostante lei dopo circa 1 mese dal ns fidanzamento avesse trovato il suo lavoro (infermiera). I giorni passano, e vedevo sempre in lei la donna da portare dinanzi all’altare, stavamo davvero molto bene, anche nella nostra initimità, per me sembrava tutto un sogno. Passiamo 6 mesi davvero nel pieno sentimento, senonché mi accorgo in lei un cmabiamento, la vedo stanca, anche perché stavamo sempre insieme, dedicavo a lei tutta la mia vita, in ogni suo passo. Le chiedo il perché del suo cambiamento, se era dovuto a dei miei atteggiamenti sbagliati, ma per lei non c’era alcun cambiamento e che forse era dovuto alla stanchezza del lavoro. Sono arrivato alla fine e non ce la facevo più, anche perché era complessata per l’estremo ordine, la vedevo proprio diversa dopo l’aver torvato il lavoro e così le chiedo una pausa di riflessione che lei non accetta e la prende come un “lasciarci”. Insomma, continuiamo ad uscire, ma non vedo più in lei quell’affetto che mi dava prima, io con lei sono sempre stato affettuoso, la riempivo di baci, abbracci, ma lei in misura minore, non vedevo più quell’attaccamento. Un giorno mi parla di quotidianità, e le dico che per me significa costruire il rapp.to giorno per giorno, ma lei mi dice che non ri riferiva a quello. Insomma credeva che io in futuro la tenessi a fare la sguattera in casa, perché magari nella mia vita privata sono un pò disordinato, magari perché dopo pranzo lasciavo per un pò la tovaglia (senza piatti sopra). Allora da questo ho dedotto che è una persona troppo perfezionista e maniacale e forse non accettava neanche il fatto che io dovessi ancora finire gli studi. Non mi faccio sentire per alcuni giorni dicendogli addio e che non la volevo più vedere per quello che mi aveva detto (per una tovaglia si distrugge un amore, lei diceva che voleva solo parlarne, ma parlare di cosa, per aver lasciato una tovaglia?), ma dopo qualche giorno mi vedo che fa amicizia su fb con altro ragazzo (guardacaso dell’alto nord italia attraverso quel profilo falso che aveva, cui non feci eliminare perché mi fidavo ciecamente di lei), e dopo mi vedo sul profilo di questo signore “impegnata con lei”. Immaginate bene il mio dolore dopo aver amato questa persona con tutto me stesso, ed aver fatto dei gesti nei suoi confronti, come fare 300 km in auto con bufera di neve per stare con lei, solo per amore! Le ho chiesto di riflettere e magari di ricostruire il tutto, ma dissse che non lo sapeva, perché io ho un carattere impenetrabile, che non accetto critiche ecc. Quando poi secondo me è lei la persona che non accetta critiche, con i suoi complessi e manie di perfezionismo. Ho pianto forte dinanzi ai suoi occhi, ma lei impassibile. Ora ha preferito lasciarmi per godersela con una persona che dista 700 km, 8 anni più grande di lei e chissà vedersi solo il fine settimana. Tra l’altro ha lasciato un ragazzo ancora “casto” come lo è lei (spero ancora). Io sono una persona distrutta, perché la ritenevo la donna della mia vita, ma forse abbiamo corso troppo entrambi.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

6 commenti a

Sono una persona distrutta, la ritenevo la donna della mia vita

  1. 1
    AlexandrosD -

    Mi dispiace davvero tanto. Ti sono molto simile, per certi aspetti, per cui comprendo la sofferenza. Chiaramente non conosco la ragazza, ma da quello che dici emerge un quadro abbastanza chiaro: lei qualche problema di tipo psicologico ce l’ha. Voglio dire, il suo ex l’aveva conosciuto via web, lo stesso vale per te e per il tuo “successore”, come se avesse difficoltà a relazionarsi nel mondo reale. Mi sembra assurdo che vi scrivevate pur abitando vicinissimi; pare una persona molto insicura e con qualche complessino, il che la porta a “fuggire” come meccanismo di autodifesa. Purtroppo non credo tornerà, e se dovesse farlo non credo sarebbe un bene. Siamo tutti imperfetti in una certa misura, quello che devi fare è abbandonare l’immagine idealizzata di lei che ti eri fatto e vedere la realtà: una ragazza molto insicura, con difficoltà a livello di relazioni sociali, che ti ha spezzato il cuore, che forse non riesce ad amare, e che non cambierà. Non puoi salvarla tu, forse nessuno può, certe battaglie vanno combattute da soli. Le persone come me e te bramano di poter essere amati, e in cambio daremmo l’anima, ma accetta il fatto che non era lei quella giusta, e forse un giorno ringrazierai che sia andata così… Una cosa: mi pare di capire che non avevate avuto rapporti… nulla nulla? Era lei a rallentare?

  2. 2
    Paul87 -

    Già Alezandros, hai centrato in pieno, lei é una persona non in grado di amare la persona, ma forse ama solo l’essere fidanzata. Anche perché non ha mai avuto amiche intime, é una persona completamente sola, per via forse di alcuni piccoli traumi subiti da ragazzina, come d’altronde gli ho subiti anch’io, ma non sono come lei. Anch’io ero solo, ma con l’iniziare l’università ho davvero trovato degli ottimi amici su cui confidarmi in tutto con la massima fiducia. Con lei ho solo avuto rapporti non completi, anche se c’era una stupenda intimità tra noi. Sono stato con lei poco più di un anno, e poiché ho avuto dei gravi problemi in famiglia cercavo di trovare un momento tranquillo senza fretta per arrivare a compiere quel passo importante per noi due. Ma io ero sempre molto attratto da lei, anche perché mi piacciono tanto le donne e sono molto desideroso, ed anche lei agli inizi la vedevo molto attratta, dicendo che ero il più bel ragazzo che lei avesse avuto (io sono stato il 3°). Non c’è più bella cosa che ho provato sino all’età di 24 anni di stare in intimità con lei. Sono i maledetti bei ricordi che mi distruggono, ho ancora di lei un’immagine idilliaca, ma ogni giorno cerco di fare un passettino in avanti per togliermi di lei quell’immagine. Tra l’altro dopo un mese di fidanzamento lei mi fa conoscere la sua famiglia, e tutti sono davvero contenti. Infatti ho parlato con i genitori dicendo loro tutta la verità anche il fatto che ci eravamo conosciuti su internet che lei aveva nascosto, ed ho ammirato molto la loro imparzialità, dandomi ragione. L’altro aspetto che ho analizzato riguarda, a mio parere la mancanza di affetto fisico nei suoi confronti da parte della sua famiglia, nonostante gli avessero dato tutto. Quando ci siamo fidanzati lei era semplicemente laureata, ma appena avuto quest’anno il contratto a tempo indeterminato, poi macchina nuova, é cambiata, la vedevo sempre più nervosa. Poi a lavoro riceve molti complimenti, perché é una persona che si impegna davvero e sembrava si nutrisse solo di quello. Sembrava mi vedeva ancora come uno studentello ancora da realizzare..anche se lei diceva che erano solo miei complessi..Poi notavo in lei un forte odio verso il fratello più grande di lei di 13 anni, per motivi di eredità e voleva indurre i genitori ad odiarlo. Insomma mi spaventava delle volte il suo odio, mi domandavo “io persona buona devo vivere con questa persona così cattiva?” Ma purtroppo regna in me ancora il suo ricordo come ragazza sobria, semplice e con tanta voglia di amare, ma é cambiato tutto nel giro di poco tempo. Poi ero onnipresente, l’ho seguita in ogni passo, delle volte aspettavo nei negozi anche un’ora perché si provasse degli indumenti..Ho dato davvero tutto, nonostante avessi dei problemi familiari. La vedevo sempre un pò insoddisfatta..Mi domando se forse avrei dovuto compiere quel passo, ma purtroppo volendolo fare durante i nostri viaggi capitava sempre che lei era “indisposta”, chissà un segno del destino.

  3. 3
    Andrea74 -

    @Paul87: perdonami.. io non credo che una ragazza ed un ragazzo debbano passare tutto il tempo che trascorrono insieme facendo sesso, però a me sembra incredibile che in quasi un anno di relazione non ci sia MAI stato del sesso completo. Voglio dire… non è NORMALE. Credo sia naturale, in una coppia che dice di provare dei sentimenti reciproci di amore, una notevole attrazione.. Cavolo manco una volta in un anno?!? Daaaaii c’è qualcosa che non va. Perdonami ma il fatto che lei fosse sempre indisposta durante i vostri viaggi suona malissimo, sembra una scusa per sottrarsi al sesso offrendoti un motivo validissimo che tu non puoi contestare.

    La mia ragazza ed io abbiamo vissuto lontani per mesi, all’inizio. Quando le dicevo “vengo a trovarti” mi rispondeva: “che bello! Però sono indisposta, se vuoi vieni lo stesso, mi fa piacere, ma è meglio se aspetti qualche giorno così possiamo fare l’amore!”

  4. 4
    Eric91 -

    Ciao paul… Ma porca put****, io non capisco come mai le persone si debbano comportare in questo modo… Tu hai fatto bene ad amarla così tanto, anche io avrei fatto la stessa identica cosa, eppure non so perchè qualcuno prima o dopo si stanca della situazione. Anche io sono stato fidanzato una sola volta (e chi si fidanza poco o ha avuto poche relazioni, ha da dare tanto di quell’amore che la gente non ha la minima idea di cosa ha tra le mani…) eppure ce sempre un distaccamento da parte del partner. Forse è il fatto che le ragazze in qualche modo preferiscano il ragazzo str***o (e nn so come mai è quasi sempre così) piuttosto di un compagno e fedele fino alla morte… Ci sono cose che sono inspiegabili e che fanno solo stare male, eppure non se ne rendono conto che possono rovinare la vita altrui. Piuttosto è meglio che rimangano da sole queste persone o che cerchino avventure anzichè rovinare la vita agli altri. Hai tutta la mia comprensione Paul. Spero che tu possa trovare la persona che ti starà accanto fedelmente. Ciao

  5. 5
    Cristina -

    La tovaglia é pur sempre la tovaglia!!!

  6. 6
    rossana -

    Paul,
    mi dispiace per la tua delusione, molto grande perchè legata alla tua prima relazione amorosa con una donna, e per di più una relazione vissuta da parte tua in modo molto serio.

    per me la risposta più significativa già te la sei data da solo: “forse abbiamo corso troppo entrambi.”

    oggi si vive e si brucia tutto in fretta e succede sempre che uno dei due ne faccia maggiormente le spese, tanto più salate quanto più roboanti sono state le parole. tante parole, pronunciate senza nemmeno tenerne presente minimamente il senso e la sostanza…

    sii più cauto in futuro e credi soltanto ai fatti, se confermati nel tempo!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili