Salta i links e vai al contenuto

Sono disperata

Questa è la prima lettera che scrivo su un forum, ho bisogno di sfogarmi, di consigli e di un miracolo.
Ho 31 anni, la mia bellissima bimba ha solo 13 gg e il mio compagno, l’uomo con cui pensavo e sognavo di costruirmi una famiglia e un futuro felice, il giorno dopo che sono tornata a casa, mi ha detto che non mi vuole più.
Si sente in gabbia.
Questa rivelazione l’ha avuta 5 mesi fa quando ho iniziato a stare a casa in maternità a rischio e per 5 mesi, ha rosicato e ha fatto incancrenire la situazione, cosicché adesso non vuole lasciarmi neanche un minimo spiraglio per poter salvare il nostro rapporto durato 9 anni, con una figlia e una casa appena comprata.
Se non fossi così dilaniata dentro sarebbe quasi una situazione da ridere.
Io non so assolutamente cosa fare.
I primi gg con la piccola sono durissimi e mi ritrovo ad avere bruttissimi pensieri :
pensare a lei solo come ad un peso e non invece, come dovrebbe essere, ad una gioia immensa.
Oltre hai problemi sentimentali poi ci sono anche quelli materiali: la casa che abbiamo acquistato è completamente da ristrutturare e noi stiamo in un appartamento dei suoi genitori… e quindi io dove posso andare?
Per ora quindi devo convivere con lui e questa situazione so già che non può aiutare lui a cambiare idea e di conseguenza io vivo ogni giorno come uno stillicidio.
Lui dice che non sono una persona perché sono dipendente da lui.
E’ vero, io amavo stare con lui e uscire con altre persone non m’interessava e ora lui dice che per iniziare a fare qualcosa dovrei uscire: ma come faccio??
Lui lavora tutto il giorno e torna a casa a sera tarda e la bimba quindi dove dovrei lasciarla?
E poi iniziare ad uscire che lei così piccola? Il distacco è tremendo: vorrei averla sempre vicina e allo stesso tempo rimpiango i tempi in cui non c’era.
Riuscirò a saltare fuori da questa situazione? Lui capirà che vuole la nostra famiglia?
Questo è quello che io spero con tutta me stessa anche se il suo comportamento distaccato e cattivo nei miei confronti forse mi aiuterà a dirottare i miei sentimenti e i miei sogni su altro, anche se non so bene cosa…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

12 commenti a

Sono disperata

Pagine: 1 2

  1. 1
    Plinio -

    Lui ha un’altra.
    Tralascio le motivazioni, ma è così.

  2. 2
    eco -

    disperata..
    che rabbia leggendoti, dalla mia prospettiva è tutto piu facile, lui è uno str...o , ed uno dei piu banali, da lasciare subito, immediatamente. ma per te è il compagno di una vita, il padre di una bimba che immagino voluta , desiderata insieme. Sono normali i tuoi pensieri, liberati da tutti i sensi di colpa, sei un essere umano non un’automa. guarda la tua bimba, l hai creata tu, era dentro di te , tu sei in grado di creare vita e di dare amore, lui invece sta perdendo tutto, per un’altra , per egoismo per edonismo , poco importa..il perdente è lui. fatti forza..tanta.. e non stare sola. un bacio a te e bimba

  3. 3
    gio -

    Ciao ho letto la tua lettera e mi dispiace molto per la situazione in cui ti trovi, non dare retta a quello che dice il tuo compagno, pensa al bene di tua figlia e al tuo, cerca di non preoccuparti vedrai che pian piano ne uscirai fuori, lascialo perdere non sa quello che dice e quello che sta facendo. un abbraccio e se hai bisogno di sfogarti io ci sono.

  4. 4
    milli73 -

    non ho parole per te… non ce ne sono.è superfluo un mi dispiace.
    so cosa vuol dire avere a che fare con un neonato, se non avessi avuto
    mio marito vicino in quel periodo sarebbe stata molto più dura..
    non posso che esserti solidale.. quello che non riesco a capire è
    perchè dirtelo ora e non prima.. aspettare a fare un bambino..
    prendere casa..
    è vero che non tutto può essere eterno… ma in cinque mesi non può
    smettere di amarti.. questo lo covava da molto prima.
    non te lo dico per incoraggiarti, ma abbiamo tante risorse e una la
    più importante sta vicino a te… tua figlia.
    non sei obligata a stare lì con lui vai via per un pò, se avete
    comprato casa insieme cerca un avvocato fatti dare ciò che ti spetta
    se l’atto è a nome di ambedue.
    puoi stare dai tuoi? hai qualche parente che può aiutarti?
    il mio consiglio è quello di allontanarti da lì al più presto ,ci si adatta a tutto te lo dice una sopravissuta.. fammi sapere un abbraccio milena.matta@email.it

  5. 5
    io -

    il tuo compagno.. come lo chiami? uomo?
    ma no ti sei sbagliata.. il tuo compagno è un pez..zo di me..da

  6. 6
    alz -

    Ciao, ti scrivo i miei pensieri, per quel che valgono. Mi ha molto colpito quello che hai scritto e vorrei esserti in qualche modo vicino, per lo meno ti mando il mio pensiero.
    Pensa alla tua vita.
    Fai da ora delle scelte che ti portino in un prossimo futuro ad essere indipendente ed autonoma.
    Se il tuo compagno non ti vuole piu’ è inutile cercare di ricucire un rapporto che non esiste. Inutile pensare di legarsi per il resto della vita ad una persona che ti sta abbandonando in questo momento.
    Focalizza quindi la tua attenzione su cosa vorrai essere e in quale situazione vorrai trovarti in futuro. Si spera quanto piu’ prossimo futuro. Prima cominci il tuo cammino prima arriva questo futuro.
    Cerca di capire cosa è “si” e cosa è “no” nelle scelte di tutti i giorni in relazione all’obbiettivo che vuoi raggiungere.
    Una casa tua, una vita serena, autosufficiente con la tua bambina.. un nuovo amore.. qualsiasi cosa, ma diversa dalla situazione che vivi ora. Accetta di passare attraverso un periodo non facile, si aper la sofferenza del distacco che per quanto dovrai affrontare, ma passato il quale avrai nuova vita e ti sentirai piu’ forte.
    In bocca al lupo.. fatti forza e coraggio che passerà presto. Tu solo cerca di indirizzare il tuo percorso nella direzione che desideri.
    Un abbraccio
    alz

  7. 7
    disperata -

    volevo ringraziare tutti per i pensieri.
    Lo so, razionalmente la cosa più giusta da fare è andare avanti e in fretta. Devo convincermi del fatto che lui non mi merita, ma dopo
    una batosta così è difficile anche riavere fiducia in sé stessi.
    In ambito sentimentale non sono mai stata forte, in altri ambiti sì,
    ma in questo ho sempre avuto grossi problemi e quindi l’idea di
    ricominciare tutto m’impaurisce molto.
    Però è vero devo pensare a me e ricostruirmi una vita: sono ancora
    giovane e ce la devo fare.
    Devo solo convincermene.

  8. 8
    diana -

    Mi dispiace da morire per te…Devi essere forte, cercare di rifarti una vita senza quello str...o di tuo marito. Ma com’è possibile lasciare la moglie in un momento così delicato?! E’ inconcepibile… Credo che devi subito andartene di casa, cerca aiuto nella tua famiglia, anche nelle strutture della tua città, nei consultori ci sono persone che aiutano le neomamme (è gratuito) ti possono anche dare tanto conforto. Devi essere forte, farti tanto coraggio per te e tua figlia! Ti mando un abbraccio forte in bocca al lupo

  9. 9
    Bimba -

    Accipicchia, non posso che condividere con Io. Cioè..un elemento del genere per quanto mi riguarda è indegno di essere chiamato “uomo”. Lui, il giorno in cui sei tornata a casa con vostra figlia ti ha detto questo???????? No, mi dispiace, una cosa del genere è a dir poco vergognosa. Sia nei tuoi confronti, che in quelli di sua figlia. Allora, qualunque ipotesi si azzardi, lui è ingiustificabile. In 9 mesi (anche se alcuni furbi ultimamente se ne sono venuti fuori con la trovata delle 10 settimane di gravidanza, fino a prova contraria quest’ultima dura 9 mesi circa)…ebbene, 9 mesi fa (ovvero prima di concepire vostra figlia) lui veniva a letto con te pur non amandoti? Oppure si è accorto quando avevi il pancione che “ops, forse era meglio stare attenti”?? O ancora peggio..ha incontrato qualcuna intanto che tu eri a casa (PER SALVARE LA VITA DI TUA, QUANTO SUA FIGLIA), oltre al fatto che sarebbe successo nel giro di qualche mese…???? NON CI CREDOOOOOOOOOOOOOO!! Ma siamo fuori per fuori. Eccolo qua: il simbolo dell’indecenza di certe persone, la decadenza sociale, l’essere cresciuti con l’idea che tutto è dovuto, l’emblema del NON ESSERE CAPACI di amare. Non raccontiamocela: questa è IMMATURITA’, non c’è scusa che regga. Come scrive Milly dirti “mi dispiace” è troppo semplicistico. Soprattutto per la bimba, di sicuro un esserino così indifeso non si merita quello schifo di padre che incita la madre (l’unica dei due che si preoccupa per lei!) ad uscire. Non ti conosco, ma quello che tu stai facendo in questo momento per te stessa e per il cucciolo che hai a casa ti fa onore. Scusa una domanda, non riusciresti a farti ospitare temporaneamente dai tuoi genitori? Insomma, non conosco la tua situazione ma solitamente i nonni vanno pazzi per i nipotini, no?
    Quel che è certo è che sia mancarti di rispetto continuare a vivere con quel soggetto. E’ comprensibile la tua speranza, ma è importante che tu arriva alla consapevolezza che NON VI MERITA! Un abbraccio a tutte e due

  10. 10
    jojo80 -

    Sono basita! il mondo sta andando in un altra direzione …
    Prendi la Tua piccola e vai via da quella casa, ti prego non rimanere li un secondo di piu’. Sono certa che speri che lui si ricreda in quello che ti ha detto ma come dice la mia saggia nonna “se nel destino e’ scritto che lui e’ tuo, non te lo porta via nessuno”. Quindi non avere timore di perderlo, non perli nulla. Guadagna tempo.
    Purtroppo queste cose accadono, l’importante e’ andare avanti con la convinzione che il tempo guarisce ogni cosa credimi. Devi credere in te stessa, al miracolo che hai creato – la tua bimba.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili