Salta i links e vai al contenuto

I miei genitori lo odiano a morte, sono disperata

Ho 23 anni, da più di un anno sto vivendo questa storia meravigliosa con il mio compagno di 35,… sarebbe tutto perfetto se non fosse che i miei genitori che lo odiano a morte solo per il fatto che non è della mia nazionalità e non ha la mia età. Infatti quando abitavo ancora con i miei genitori, già dalla prima volta che mio padre l’ha visto (dopo circa 8-9 mesi io e il mio attuale compagno stavamo insieme) si è arrabbiato tantissimo e abbiamo fatto una tremenda litigata. Il giorno dopo abbiamo litigato di nuovo mi ha chiesto addirittura di lasciarlo, ci siamo urlati addosso le cose peggiori e io sono stata talmente male che ho perfino vomitato e ho avuto dei crampi tremendi alla testa… Il giorno dopo ho fatto le valigie e mi sono trasferita da lui, anche perché lui prima mi aveva già chiesto di vivere insieme, ma quando me l’aveva chiesto avevo risposto che probabilmente i miei non sarebbero stati daccordo… Ho deciso di trasferirmi da lui perché prima di tutto lo amo, ma anche perché ho capito che non volevo più continuare a vivere con i miei genitori dopo quello che era successo perché ho capito che i miei genitori non mi avrebbero mai rispettato le mie scelte, sarei stata costretta a fare solo quello che vogliono loro e frequentare chi vogliono loro.
Ho dovuto ridare la macchina a mio padre, e il mio compagno mi ha comprato una macchina nuova da 21000 euro, con gli incentivi statali 18000… insomma, dopo neanche un anno che stavamo insieme mi ha regalato una macchina… non è cosa da poco penso…! l’assicurazione per l’auto e il resto avrei dovuto pagarlo io. Premetto che sono una studentessa universitaria, faccio un corso serale e di giorno lavoravo, ma il mio lavoro consisteva nell’aiutare i miei genitori quindi non percepivo uno stipendio ma ogni volta che avevo bisogno di denaro i miei me li davano… quando hanno saputo dell’auto si sono arrabbiati nuovamente perché dicevano che lui si può permettere un’auto ma non l’assicurazione… mi sono dovuta proprio umiliare ma alla fine me li hanno dati… comunque la loro considerazione di lui è calata ancora di più.
Naturalmente per mantenere l’auto e le miei spese ogni tanto chiedevo dei soldi ai miei genitori ma non moltissimo giusto per non rimanere a secco in mezzo alla strada o per pagarmi l’abbonamento ai mezzi o robe del genere, anche perché quando loro hanno bisogno di me io vado ancora ad aiutarli, oltretutto sbrigo un sacco di commissioni per loro perché non capiscono bene la lingua italiana allora devo fare tutto io, anche se ho un fratellino di 19 anni che dopo la scuola si annoia un casino perché non ha niente da fare, ma i miei genitori lo ritengono troppo piccolo per andare in comune, posta, commercialista, avvocato, ecc… mentre io occupandomi dei fatti loro non posso nemmeno trovarmi un impiego.
Adesso grazie ad un career day, sono entrata in contatto con delle grosse aziende multinazionali, che mi hanno fatto delle offerte part-time aiutandomi anche a conciliare gli orari di lavoro con quelli dell’università… e sono molto contenta di questo perché sono stufa di dover chiedere soldi ai miei genitori, che me li fanno pesare tantissimo. Prima non era cosi, ma da quando sono andata a vivere con il mio compagno sono diventati cosi. Solo perché lui è più grande di me si aspettano che mi dia una rendita… ieri mi avevano chiesto di aiutarli a fare degli acquisti per la loro attività, allora sono andata ad aiutarli, ma abbiamo litigato di nuovo… mio padre addirittura dice che la gente quando vede me e il mio compagno assieme pensa che io sia una prostituta… e non ci crede che abbia 35 anni ma pensa che sia più grande solo perché è brizzolato. Vuole vedere la sua carta di identità e ha minacciato pure di picchiarlo se non li faccio parlare insieme, ma io come faccio a organizzare un incontro sapendo che mio padre è cosi? Mia madre invece dice che se davvero sono convinta di amarlo allora ci dovremmo sposare e che lui in realtà non mi ama perché altrimenti mi darebbe dei soldi per vivere e mi pagherebbe gli studi visto che è più grande di me e ha un lavoro mentre io no (non ancora) . Gli ho detto della controproposta che un’azienda mi ha fatto quando ho detto a quell’azienda che rinunciavo alla mia candidature perché avevo ricevuto proposta migliore da un’altra azienda… ma i miei invece di essere contenti per me si sono arrabbiati perché pensano che sono costretta a lavorare perché il mio compagno non mi da un soldo… ma io non voglio pesare sul mio compagno, non voglio fare la mantenuta, la mia paura più grande è quella di diventare una donna che pesa sul proprio uomo.
Comunque ieri mio padre si è messo addirittura a dare calci alla mia macchina minacciando di spaccarla se me ne andavo… si è messo ad urlare e dare in escandescenza davanti a tutti (perché eravamo in un centro commerciale all’ingrosso e tutti ci guardavano mentre urlavamo) … certe volte mi chiedo cosa sia successo… come mai mi trovo in questa situazione…… sono sempre stata un’ottima figlia, prendo buoni voti, non mi drogo e non sono mai rimasta incinta… non dovrebbero essere queste le cose importanti per dei genitori??

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia

8 commenti

  1. 1
    arturo -

    secondo me è il classico errore che fanno tutti i genitori… sono carichi di aspettative per i loro figli ! il problema è che non pensano a quello che è meglio per noi, ma a quello che loro avevano immaginato che doveva essere ! di consigli ovviamente non te ne posso dare Letizia, perchè qualsiasi casa ti dicessi sarei inopportuno. Posso solo però dirti che se per te questa è la strada giusta… vai avanti, a costo di rimanere da sola ! perchè a volte l’amore dei nostri genitori si trasforma in rabbia e gelosia….

    in bocca al lupo.

    ciao

  2. 2
    shadow -

    scusa potrei sapere di che origini siete tu e il tuo ragazzo?

  3. 3
    icefanny@hotmail.it -

    cavolo letizia..terribile il papà..santo dio ma che cavolo di dignità pensa che avresti facendoti mantenere??allora si faresti la parte della “prostimantenuta”cioè..volglio dire!!una ragazza giovane istruita senza pargoli ancora,se nn ti fai il mazzo adesso quando lo fai??che pretese che ha tuo padre..ma pensa tè,,scusa ma mi infervoro perche mi metto nei tuoi panni,sei una figlia fantastica altro che,regolarizzati bene col lavoro e vedi di non dovergli piu chiedere nulla a i tuoi,poi col tempo si rassegneranno,e spero che si rendano conto che perla hanno,buona fortuna tesò,,

  4. 4
    sisley-68 -

    xletizia! io dico che tuoi genitori hanno raggione! nn e’ che vogliono che sei mantenuta ma che il tuo dimostra di avere intenzioni seri. con la macchina veramento nn ho capito. il tuo uomo ti compra la macchina e nn ti paga l’assicurazione e le spese?! e’ certo che genitori si preoccupano. mio consiglio? mettetevi tutti a una tavola e vi parlate. e che il tuo uomo dice ai tuoi che intenzioni ha verso di te. smetti di chiedere aiuto economico e se loro hanno bisogno del tu aiuto renditi disponibile per quanto puoi. cerca di ascoltare il tuo padre senza arrabiarsi perche’ lui ti vuole bene. se nn ti voleva bene se ne fregava da come vivi e con chi vivi. rispetta i tuoi genitori e sia una figlia riconoscente. hanno fatto molto per te! nn ti dimenticare mai. e poi ricordati un altra cosa. qualunqua cosa nella vita puo’ succedere. il companio ti lascera’, marito ti lascera’ ma nn TI LASCERANNO I TUOI GENITORI!!!!saranno con te nel male perche’ nel bene avrai sempre qualcuno, ma NEL MALE cara mia saranno solo i genitori tuoi!!!!!

  5. 5
    Letizia R. -

    grazie ragazzi, arturo non devi avere paura di essere inopportuno… se ho scritto questo post è perchè davvero non so più che fare e ho davvero bisogno dei vostri consigli…

    per icefanny: questo è esattamente il motivo per cui non chiedo nulla a lui, non voglio che mi veda come un peso. siccome penso di amarlo non vorrei svegliarmi un giorno e capire che lui non mi ama più perchè col tempo ho perso il suo rispetto.

    per sisley-68: grazie mille anche per il tuo consiglio, non è che sono una figlia ingrata anzi capisco bene anche il loro punto di vista ed è per questo che sto malissimo, appena ho un minuto da sola con me stessa non riesco a far altro che piangere anche se so che non serve a niente… I miei genitori mi hanno detto esattamente le stesse cose che hai scritto tu, ma come posso organizzare un incontro se mio padre ha questo atteggiamento (dice che lo vuole picchiare, andare al suo posto di lavoro e distruggere tutto, spaccare l’auto, ecc..). Poi di cosa vorrebbero parlare con lui? del mio mantenimento? dei soldi che mi deve versare al mese?
    Però come dici tu è vero anche che i genitori saranno con i figli sia nel bene che nel male, lo so… e infatti mi sento in colpa, e ho anke paura di star sbagliando tutto… però davvero non posso vivere la vita che vogliono loro: stare in casa fino al termine degli studi, sposare un ragazzino presentato da loro, magari benestante ma viziato e maschilista, trasferirmi dai suoceri e fare tanti figli maschi, infine lavorare come una schiava nella loro attività di famiglia, tirare su i figli e pulire la casa da sola, perchè “un uomo che si rispetti non fa le faccende di casa”… e magari sorbirmi le critiche dei suoceri se lavo male i vestiti… ne ho conosciute tante di brave ragazze provenienti dal paese dove sono originari i miei, ed essendo state troppo “brave” hanno fatto questa fine

  6. 6
    sisley-68 -

    cara Letizia! ti sei lasciata influinzare dalla societa’ in che viviamo, costertti a vivere!!!senti cara, abbia fiducia in tua padre. sa quello che fa. ti ha gia dimostrato con anni di scarificci fatti per la tua mamma e per te!!!diglio cosi: ok papa, c;hai raggione! faccio come vuoi tu! poi chiami al tuo uomo e gli dice: ho dato ok al mio padre per parlare con te. nn so che succedera’ poi. se lui ti ama vedrai che fara tutto per nn perderti. se no, lascia perdere. nn vale la pena!!! la vita della tua madre pensi che sia stata inutile?! la tua mamma ha fatto tutto e sta facendo tutto qulllo che deve fare una donna e credimi se nn fosse per tua madre il tuo padre avrebbe avuto le forze a fare cio che fa!!! nel reciproco rispetto e per amore lo fanno. e anche tu lo farai e devi fare! nn pensare che qui un uomo fa le cose in casa e nn credere che sia tutto perfetto. cmq ricordati una cosa. se i tuoi genitori nn ti daranno la benedzione nn avrai la felicita!!!!pensaci. vale la pena a sfidare il destino? rovinando tutto? e per cosa? che un giorno lui ti dice ti lascio perche nn sono piu’ innamorato?! ma dai!!dammi retta , tuo padre si che un UOMO!!! perche nonostante fino alla fine ti vuole proteggere. nn lasciare che la societa di oggi ti rovini la vita a te e alla tua famiglia!!!nn permettere!!!!

  7. 7
    pinella -

    Troppi punti esclamativi sono la maleducazione e prevaricazione verso gli altri in lettera.. chi vuole intendere intenda..x Letizia..non farti fuorviare,sono madre anch io di una ragazza di 20 anni,sta gia convivendo,il suo ragazzo non puo mermetterle di comprarle l auto la stanno pagando assieme..stan facendo piccoli sacrifici,si amano..e a mè sta benissimo cosi,mi butterei nel fuoco per lei,ma i figli non sono nostri,li possiamo seguire ,orientare,a volte criticare,ma gli atteggiamenti di tuo padre ne i tuoi confronti sono pura possessione ,e idee molto arretrate,mia figlia e il suo compagno,fanno per metà le cose di casa,lavorano tutti e due,ma son sereni,non ho nessun tipo di problema col ragazzo di mia figlia,e non mi sogno nemmeno di andare li a bacchettarlo perche non gli paga l assicurazione compra l auto o altro,sono persone prima che uomo e donna,ed è giusto che lavorino in 2,accetta l intervento dei tuoi genitori solo se civile e davvero per amore,io un padre dittatore l ho avuto,non ho bei ricordi e non credo sia stato un buon padre,mia madre era succube e quache volta l’ha anche pestata,i genitori non sono DIO,son persone che possono sbagliare e pensare che se ti hanno fatto nascere sono i tuoi sovrani..non è cosi,e non devi permetterlo..buona vita perla.

  8. 8
    sisley-68 -

    xpinella….lei e’ una madre come ha detto. e se alei sta bene come la sua figlia vive allora va bene cosi. pero’ il problema della Litizia che i suoi genitori soffrono dalla situazione che sta creando la Litizia. a me hanno insegnato che i genitori vanno rispettati e quando vivevo a casa dei miei stavo alle loro regole, e quando nn ho voluto starci sono andata via di casa!!! quindi ogniuno libero fare cio che vuole ma senza distruggere la vita di altri. nn sono pervaricata e ne maleducata. ho solo consigliato a letizia di scegliere il giusto e mi sembrato che il giusto e’ accetare il consiglio del padre!!!lasciar stare questa relazione che nn porta nulla di buono ne a lei ne alla sua famiglia. e nn dare reta a questa societa che ormai nn ha piu’ valori. l’amore vero e solo quello che puo’ dare la famiglia e il resto solo illusione!!!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili