Salta i links e vai al contenuto

Si può lasciare per il carattere?

Lettere scritte dall'autore  

Buonasera,
volevo un vs. parere, perchè io non riesco a capire… se ho sbagliato e vivo con i sensi di colpa…
E’ da poco che mi sono lasciata con una persona, veramente la decisione, l’ha presa lui… dopo che si lamentava da diverso tempo del mio carattere, e io gli dicevo sempre scherzando, che se non stava bene con me, non era obbligato a starci.
Lui è un uomo di 38, molto chiuso e timido, molto distaccato inizialmente, io aperta ed estroversa, diretta come carattere…
Poi con il tempo si è sempre legato di più a me ed è cambiato in meglio… dolce, tenero.
avevamo una intesa intima perfetta (almenio quello funzionava!!)

Dopo qualche mese, ha iniziando a dargli fastidio il mio carattere troppo tosto, molto diretto… diceva, che avevo un carattere che lo spaventava… troppo testarda.

Ma io sono fatta cosi, non credo di avere un brutto carattere, anzi, ho molte amicizie, sono benvoluta da tutti, sempre disponibile come persona, solare. (nella vita, non avendo avuto un padre vicino,mi sono sempre dovuta sempre arrangiare, quindi ho un carattere molto indipendente….)
Lui invece è cupo, malinconico, poche inziative, invece io piena di interessi.
Ho certato di avvicinarlo un po alle mie attività, ma per lui è stato solo un atteggiamento di critica nei suoi confronti…
Ho cercato di dargli consigli anche di come arredare la casa, ma alla fine erano solo critiche, e sempre.. per lui.
Diceva che come donna ero perfetta , ma mi avrebbe voluta sempre tollerante e comprensiva.
ma come si fa essere sempre così, soprattutto con un carattere sfuggente e chiuso come è il suo.
Sembrava quasi come se si sentisse comandato da me, eppure le decisioni le dovevo prendere io, tipo le vacanze… perchè lui mi diceva sempre che andava bene tutto, infatti si è visto!!

E’ una bravissima persona, solo forse troppo insicura e pessimista….. non li si poteva mai dire nulla, che subito se la prendeva.

Inoltre abbiamo avuto due forme di educazione completamente diverse… ho avuto sempre uomini galanti, e con una certa educazione.

Lui a volte non aveva neppure voglia di venirmi a prendere, e così si litigava per queste stupidate e per altre cose.

L’ultimo mese, era un continuo litigio, anche io ero cambiata, diventata polemica per delle stupidate, assillante….. alla fine lui non reggeva più nullà.

Si trovava da dire su una cosa, mi faceva il muso per 2gg. senza volermi parlare… e io stavo malissimo, non capivo le sue reazioni…. poi ritornava, dicendo che aveva avuto bisogno di stare solo.

Ha un carattere che sopporta poco, e non è in grado di affrontare discussioni.. secondo lui in un rapporto non bisogna mai discutere e tutto deve filare liscio.

Una domenica, sono andata al mare due orette (visto che lui era dalla madre a pranzo) ,e sono rintrata sulle 16h00.. lui si è arrabbiato, perchè voleva che stessi in casa ad aspettarlo…

Per lui è stata la scintilla che ha fatto traboccare il vaso, così ha deciso di lasciarmi, per il mio carattere, troppo tosto,…. poco tollerante..

Per me è stato un colpo, di punto in bianco, una persona che ho amato tanto, (anche se x solo un anno), con una telefonata è sparita..nel nulla.
E pensare che il sabato prima, mi aveva presentato la madre…. che per lui era un grosso scoglio questo!!

Quando l’ho consociuto, mi ero appena ripresa, da una brutta situazione, grossi problemi di salute di mia madre, per cui ero già logora di mio.
Non vi dico come ci sia sta male, mi sono sentita sola, come non mai.
E pensare che non mi era mai successo di sentirmi tanto sola, forse perchè ci vedavamo tutti i gg., abbiamo passato dei gran bei momenti insieme…. mi sembrava di impazzire, sono passate 3 settimane, e ancora mi sembra un incubo…questa situazione.
Non reisco a capire come mi possa essere potuta tanto legare a lui… nonostante, fosse difficile a stare con lui…però mi ero detto, chissà che con il tempo non si riesca a smussare questi ns. caratteri… un po ottusi.

Lui dice che mi vuole molto bene, ma abbiamo due caratteri troppo difficili, che non si sente a suo agio con me… perchè gli davo regole assurde…
Penso che un rapporto, sia anche una sorte di compromesso…. gli ho sempre dato tutto lo spazio che voleva, senza mai assilarlo troppo… perchè vedevo che non era abituato ad un rapporto duraturo…. e aveva bisogno dei propri spazi…

In queste 3 settimane, trascorse senza più vederlo e ne sentirlo, ogni tanto mi ha mandato qualche sms, dove diceva che era svuotato, aveva bisogno di caricare le batterie e che non voleva più nessuno rapporto.
Io mi sono lamentata, per come mi aveva liquidato al telefono…. mi è sembrata una cosa molto impersonale, dopo un anno di tempo.. ha avuto poco rispetto… per me!!
Ora mi ha cercato vorrebbe vedermi, per confrontarci parlare.
Ma di che cosa?? mi domando..
Mi ha chiesto se mi sono resa conto del miei atteggiamenti.. della mia testardaggine su delel stupidate….

Gli ho detto, che se lui fosse stato meno chiuso con me, sicuramente tutte quelle sicurezze che mi aveva fatto venire, nei suoi confronti, non le avrei avute..

Io non me la sento, ora sto meglio. e ho paura di incontrarlo.. di restare male.. cosa devo fare??
Gli ho detto che non ho nessuna intenzione di restare amica con lui… non cè la potrei fare..

La cosa strana, che è la prima volta che mi capita in un rapporto con un uomo di avere tante incomprensioni, dovute al mio carattere.
Non penso di essere cosi tremenda, in amore non ci dovrebbero essere tutti questi problemi, si dice pure l’amore non è bello se non è litigarello!!

cordiali saluti

dani

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

9 commenti

  1. 1
    AtomicGarden -

    Guarda,secondo me se rileggi la tua lettera la risposta te la dai da sola…posso capire uno stato confusionale ora,magari ti manca ma suvvia..è palese che ne esistono migliaia di uomini migliori e che ti meritano di più..

  2. 2
    cri74 -

    Ciao, mi sembra un mezza fotocopia della mia storia…solo che il motivo della fine della mia storia non è stato per il mio carattere…che dirti? Devi capire esattamente se è la persona giusta per te, se potresti passare una vita insieme ad uno così chiuso e pessimista, se alla fine non sia proprio il suo carattere che ti logorerà e non il contrario! e poi forse non è abbastanza maturo, a 38 anni lascia una persona per questi motivi? perchè sei una con le palle e sei solare? ricerca a fondo il vero motivo, probabilmente il carattere non centra…prova a vedere se invece non si tratti solo dei suois entimenti per te…che sono cambiati…
    in bocca al lupo!

  3. 3
    felix -

    ritornerà, ha solo bisogno di qualcuno che in silenzio lo ascolti piuttosto che qualcuno che gli dia consigli…

  4. 4
    lulina -

    ciao, deserto… anche io sono testarda e solare come te ma da quando mi sono innamorata mi sono moderata. è vero noi a volte esageriamo, facciamo cose instintivamente senza pensarci e poi ci pentiamo. l’unico consiglio che posso darti è di incontrarlo e di regolare un pò la testardaggine se è vero che ci tieni a lui. lui anche se è chiuso già che ti ha chiesto di vederlo è un passo verso la chiarezze del rapporto e magari di una vostra ripresa. dagli qualche responsabilità, inizia anche tu ad essere come lui, quando dovete decidere le vacanze rispondigli che anche a te va bene qualsiasi posto e che la scelta tocca a lui. fai cosi un pò su tutto. non avere paura di incontrarlo. e quando vai all’incontro non immaginare di riuscire a sistemare tutto in una sola volta. ci vuole un pò di tempo, non fossilizzarti sulle stupidaggini sorvola.

  5. 5
    MUSIC -

    Con tutto rispetto, a me sembra che gli rinfacci cose dette, fatte e pensate…
    Scusa la franchezza, ma da come scrivi vorresti tornare con lui perchè ti manca (e onestamente è normale affezionarsi ad una persona quando la vedi tutti i giorni, poi ti manca per forza perchè è abitudine, che è una brutta bestia), che vivi in un incubo e ti senti sola… lui ti manda un sms per dirti che era stanco di questa situazione dove ogni cosa era un lamento o una discussione e che vuole un pò di pace (perchè tra le righe ha detto questo), e tu, per prima cosa in assoluto, ti lamenti perchè non ti ha rispettato… Ti chiama per parlare e tu scrivi, testuali parole, “Ma di cosa?”… Vedi tu… Allora non ti interessa parlarci… Tu ti senti “offesa”, passami il termine, per come ti ha mollato perchè dopo un anno doveva dirtelo in faccia e non per telefono, ma i tuoi errori li hai visti???
    E guarda che te lo dice una persona che ha il tuo stesso carattere…
    Mi rivolgo anche alle persone che ti hanno sostenuto dicendo che a 38 anni lui è fondalmentalmente un immautro: potete anche solo immaginare cosa significhi stare con una persona che ti dice la sua opinione su ogni cosa, che cerca di avvicinarti ai suoi interessi perchè ti vede senza iniziative, che ti dice che se non ti va bene com’è fatta, puoi prendere la porta e andartene (anche scherzando), che si lamenta se non le va bene qualcosa e che alla fine diventa pure polemica? E’ SNERVANTE!!! Ti senti come Fantozzi: una Merdaccia!!! Perchè ti senti sempre rinfacciare che non vai bene, anche se non a parole, con i fatti… Perchè ti da l’impressione che quello che fai non va mai bene… Ma hai mai pensato, anche se la pensavi diversamente, di dirgli “Guarda amore mio, bella idea… oppure… Bravo… o anche solo… Non hai voglia di venire a prendermi? Nessun problema, riposati che sarai stanco del lavoro, vengo io e ti preparo una cenetta da leccarsi i baffi”… Ma quando mai? Lui dovrebbe essere un uomo galante come quelli che hai frequentato in passato, e tu? Fare queste cose per l’uomo che ami (sempre se lo ami) non è mica perdere carattere o non aver palle! Anzi!!! E’ molto più facile lamentarsi e scaricare i problemi sull’altro che rimboccarsi le maniche e dare sostegno anche quando non ne hai voglia… Quello è avere le palle… Mettiti nei suoi panni e poi giudica, pensa se fossi stata tu l’introversa e lui l’estroverso, e se lui si fosse comportato come tu con lui…
    Io per questi atteggiamenti da prima donna stavo per perdere il rapporto con il mio compagno, quindi posso assicurarti che so di cosa parlo… il mio lui non ha il carattere del tuo ragazzo, quindi quando è sbottato mi ha detto chiaramente cosa non andava, senza mezzi termini…
    Scusa le parole dure, ma se davvero lo ami come dici, prima di voler smussare gli angoli del suo carattere, comincia a smussare i tuoi… prendilo come un consiglio e non come una critica…
    Ciao e buona fortuna…

  6. 6
    dani -

    aprezzo il tuo consoglio…sicuramnete per molte cose hai ragione, ora che è tornato ne abbiamo parlato e lui,infatti si sentiva proprio cosi come dici tu.
    a volte a paura di parlarmi ,perchè teme le mie reazioni.
    però credimi, con il bene che gli voglio, e vorrei che le cose tra noi andasserio bene, a volte ami una persona.. indipendemente dal carattere..spesso è diiffilcile….
    siamo molto diversi…ma molto,io piena di vita,voglia di fare, lui avendo questo carattere malinconico, molto pigro.,chiuso.. quando lo sprono, non è perchè voglio cambiare,ma vorrei coinvolgerlo…a reagire un po a questa pigrizia che ha.
    ora è in ferie una settimana, e si lamenta di continuo, perchè non sa che fare..
    gli dico, fatti una passeggiata..o altro…

    comunque vedremo un po, io cercherò di non criticarlo più..come facevo…e di non coinvolegrlo più nello sport o altro…
    di assilarlo di meno, e cercare di essere più sicura nei suoi confronti, così vivro più serena anche io.

    deserto

  7. 7
    marco -

    Salve a tutti. La mia storia è finita dopo 12 anni di fidanzamento. Io ho 40 anni, lei 30.
    Anche io ero insoddisfatto del suo carattere. Lei, molto chiusa nei riguardi della mia famiglia, dei miei amici e di tutto ciò che mi facesse stare bene.
    Era una specie di gelosia rivolta non solo alle mie amicizie che io per il mio carattere riesco a conservare nel tempo, ma anche verso tutti i miei interessi.
    Spesse volte le sue richieste mi sembravano molte egoistiche, tanto per fare un esempio. ” se mi ami non devi andare o non devi fare ” qualche cosa a cui io tenevo e a cui io volevo partecipasse anche lei insiemne a me. Le mie risposte erano sempre le stesse: ” se mi dai un motivo valido per fare quello che tu vuoi, io non ho problemi, per amore questo ed altro”, ma le sue richieste mi sono sembrate sempre più assurde. Per me quello non è amore ma egoismo: non puoi pretendere di annullare la mia volontà, togliermi i miei spazi, come dimostrazione d’amore. Alla fine, mi comunica che ha deciso di lasciarmi e nello stesso tempo scopro che lei aveva una relazione, virtuale ( Chat ) con un mio amico e collega di lavoro. Meno male che faceva la gelosa ossessiva. Per concludere, dopo averne parlato, lei, di nascosto, va ad incontrare lui, preciso, lei parte e và da lui, nella città dove anche io vivo per lavoro….mah!
    Naturalmente si è creata una situazione assurda anche per il collega che si è dimostrato alle mie spalle una merda di uomo, a cui , io credendo nell’amicizia, le avevo spesse volte confidato dei miei problemi con la mia ex ecc…Pertanto mi sono sentito tradito più volte. La mia è una situazione che è venuta fuori poco prima di Natale quindi potete immaginare come abbia potuto trascorrere le festività. Pensate che gli ultimi tempi parlava di matrimonio anzi mi rimproverava che questa iniziativa non fosse ancora partita da me….Se avete dei consigli da darmi, lascio la mia mail: marco.tre@hotmail.it

  8. 8
    anna -

    salve , sto vivendo una storia simile lui 38 anni io 45 e ultimamente mi fa pesare la differenza dell’eta
    mi dice sempre che non e’ sicuro del mio carattere ,cerco in tutti i modi di non litigare e ulyimamante mi sembra che lo faccia di proposito,sto valutando se mollarlo una buona volta.
    non voglio piu logorarmi dentro x un’uomo che alla fine non merita il mio amore.anna

  9. 9
    DESERTO -

    Cara anna,

    Leggo ora la tua lettera,in merito a quello che scrissi nel 2007 sulla mia storia..
    Anno scorso ad ottobre,ci siamo lasciati definitivamente,per i stessi problemi, e ti dico
    Che la cosa si era trascinata…
    Ed io non ci ho sofferto per fortuna.
    Ma la cosa che ho imparato da tutto ciò,ce se ami una persona,accetti prima di tutto il carattere(sempre nel rispetto ovvimamente)
    Quindi, ora a distanza di tempo,che non mi sento più coinvolta,ti dico lascia perdere,se uno già inzia a criticare il tuo carattere,non va bene!!
    Il difficile in una relazione è accettare l’altro…superato quello,il 90 per cento è fatto!!
    Ciao deserto

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili