Salta i links e vai al contenuto

Una scorretta alimentazione passata può influire sul carattere di oggi?

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti quanti. Questa per me sarà la prima notte in bianco che passerò. Quando sto su internet passo metà del mio tempo a cercare risposte ai miei problemi, e faccio domande su come poterli risolvere.
Premetto dicendo che ho 17 anni e non voglio fare la vittima di turno, ma sono qui per raccontare ciò che mi sta accadendo. Non inziate a dire:”Goditi la vita; io alla tua età mi divertivo e non ci pensavo ai problemi , ecc. ”
Mi dispiace ma affermazioni del genere non le accetto. Perchè non hanno un senso. Sono dell’idea che i problemi bisogna affrontarli, anche se piccoli. Con il tempo peggiorano anche se non c’è ne accorgiamo.
Bene, posso cominciare.
Tutto è iniziato quando all’età di 13 anni ho iniziato a soffrire di disturbi alimentari. Mi vedevo grassa ecc, ero partita con un peso di 55 chili per 1.60 cm. Nel giro di 2 mesi ho perso 15 chili. Arrivando ai fatidici 40 chili. Ero magrissima. Ero nell’anoressia. I miei genitori anche se nelle maniere brusche, mi hanno fatto capire che se continuavo a non mangiare rischiavo di morire. La mia testa non so che giri ha fatto, ma ha avuto uno shock.
Di colpo tutto il terribile controllo che avevo sul peso scomparve. All’improvviso dentro di me era scattata una reazione di ‘menefreghismo’ verso il peso e volevo recuperare ciò che avevo perso.
Il peggio era quando cominciai la scuola. Tutti erano scioccati per come ero diventata. La maggior parte mi giudicavano , disprezzavano, alcuni nemmeno più mi guardavano in faccia.
Il brutto è che pure i professori facevano esclamazioni alquanto imbarazzanti su di me , facendomi fare figuracce davanti a metà scuola , dicendo che ero uno scheletro e che d’ora in poi mi avrebbero controllato a mangiare.
Dio mio che inferno che passai quell’anno. All’improvviso volevo dimostrare a tutti che stavo bene , che non avevo avuto niente, persino a me stessa volevo dimostrare che era normale dimagrire durante l’estate.
Ma questo non bastò.
Passavo i weekend a trangugiare di tutto. Dovevo ingrassare subito per fargli vedere che non avevo nessun problema, non volevo dimostrarmi debole, volevo essere forte.
Sbagliavo a fare cosi. Dentro mi sentivo morire. E tanto anche.
Adesso ho 17 anni e sono esattamente 2 anni e 3 mesi che non sono più capace a mangiare.
Mi abbuffo in qualsiasi occasione. Ogni scusa è buona per me. Ne approfitto sempre. Adesso sono ingrassata. Tanto. Non esageratamente. Cerco di fare diete per dimagrire, ma quello che dovrei veramente fare è di fare una dieta del cervello!
In tutti questi anni mi sono formata il carattere. Sono diventata più forte. Ho avuto delusioni d’amore, d’amicizia e in famiglia . I miei si sono separati. Non so se stare dalla parte di mia mamma o mio padre.
In famiglia temo di esprimere la mia parola ma non c’è la faccio, perchè nessuno mi capisce.
Con gli amici lasciamo perdere. Solo quando hanno bisogno ti chiamano. Anche se , ho conosciuto una nuova ragazza che con me è legata, ma solo con me. All’inzio era un pò diffidente, perchè era in un ambiente nuovo, ma con il passare del tempo si sta dimostrando affettuosa con me. Mi fa paura questa cosa, perchè nessun amico ha mai fatto come lei. Se io non ci sono, non mi va a rimpiazzare con altre persone. Il da una vita cercavo una persona come lei e adesso che credo di averla trovata, perchè mi fa spaventa?
Un’altra cosa. iO STO ODIANDO la mia scuola(faccio la 4a di un istituto alberghiero), odio le persone, il mestiere, non mi soddisfa più nulla. Odio le persone che mi hanno rovinata, disprezzata , anzichè aiutarmi quando avevo problemi alimentari. E sono proprio quelle persone che adesso quando ti incontrano ti fanno i sorrisetti falsi.
Io voglio cambiare vita. Voglio ricominciare daccapo. Voglio rimediare a quello che mi sono fatta e a quello che mi hanno fatto.
Adesso non mi fido più di nessuno e quando le persone mi dicono ‘stronza’ ne vado fiera!! cioè me lo tengo per me , però dentro di me sono contenta di aver fatto del male a loro, come loro lo hanno fatto a me.
Ma io sono molto gentile con le persone e ho il difetto di dare troppa confidenza subito e queste si prendono gioco di me, approffittandosi della mia bontà. Molte volte riesco a farmi rispettare, altre invece mi sottomettono.
(In questo momento sto mangiando 450 gr di patatine) .
Sono due anni che ci provo a guarire, ma da sola non c’è la faccio. Come faccio ad affidarmi a chi mi sparlava?
Non posso. Ho troncato due amicizie perchè una era gelosa di me , che ricevevo più complimenti caratteriali e di bellezza rispetto a lei(ma io non mi pavoneggiavo), e un’altra è finita perchè quando non c’ero mi sostituiva e allora lo mandata a ‘quel paese’.
Io non no possibilità nel rimediare, migliorare ecc.
Non ho sostegni, non ho soddisfazioni . Siamo in una società dove niente ci permette di migliorare e di darci 2 possibilità . Ma perchè questo? E poi ci lamentiamo che la maggior parte dei ragazzi finisce in strade cattive! Ma diamine, se solo gli adulti comprendessero ciò che accade al proprio figlio, le cose girerebbero in maniera diversa!!
Genitori che nemmeno capiscono se il proprio figlio soffre o sta bene. Cavolo, un genitore dovrebbe capirlo a vista d’occhio. E qui non tirate in ballo la solita discussione che lavorate, che non avete tempo, ecc. Perchè anche solo insultandolo dovreste capire dagli occhi che gli succede.
Se solo gli adulti ci apprezzassero ci sarebbero meno casi di ragazzi che finiscono in spiacevoli vicende.
Ma la domanda che mi pongo ora, c’è qualcuno in gradi di comprendermi e capirmi?

L'autore ha scritto 9 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Riflessioni

7 commenti

  1. 1
    simona.gmail -

    Si, io posso capirti, o almeno in parte. Comprenderti del tutto è difficile, credo che nessuno possa veramente capire i problemi altrui. Oramai la maggior parte delle persone fanno schifo, le amicizie false, per comodità è difficile trovare un vero amico, ma anche se ho ricevuto tantissime delusioni, anche da poco un po ci spero ancora. Questa vita ci fa sentire spesso insoddisfatti ma credo che dobbiamo farci solo forza e pensare che le cose miglioreranno, devono migliorare ! L’angoscia penso ognuno di noi infondo cel’abbia chi piu chi meno.Delle volte anche io mi sento a disagio, ultimamente spesso. Dopo tutte le delusioni che ho avuto ho paura a dare troppo spago alle persone. Ma le cose cambiaranno , lo so! Trovare la nostra strada, questo è davvero difficile! Riguardo al cibo prova a darti delle regole o prova a rivolgerti ad uno specialista, non so cosa dirti davvero. In bocca al lupo!

  2. 2
    spiderman -

    Gentile amica, io ho avuto gli stessi problemi, un consiglio che ti posso dare se sei grassa dimagrisci, ma non andare dietro a quello che dicono i cattivi di turno.

  3. 3
    dancan -

    amica mia… non pensare che sia cosi seplice fare il genitore. nè che sia semplice capire un figlio/a adolescente…. detto questo… con i tuoi genitori non è che devi prendere una parte: se loro si separano è perchè hanno un problema tra loro due. tu sarai sempre la loro figlia.
    detto questo..la scuola che stai facendo è una di quelle che puo darti un futuro, o presunto tale, quindi, sforzati a completarla.. servirà a te, non a quei dannati imbecilli che hai intorno. a 17 anni, sei stata in grado di dare una svolta alla tua vita. io non so se hai seguito un percorso terapeutico o se hai fatto da sola. devi solamente fare una cosa: sbattertene i co...oni (scusami il francesismo) di cio che dicono a scuola. sei li per imparare un mestiere. non per gli amici.. quindi, ora che puoi, impegnati. studia. sarà utile per IL TUO futuro. non il mio. non quello dei tuoi amici. il tuo. ( è un vantaggio, non trovi?) io ti do il consiglio che piu o meno, do a tutti: pratica uno sport, ed evita di mangiare merda ( 450gr di patatine, sono una bella botta, per lo stomaco..) datti delle regole, e seguile. non importa quali siano. e poi.. prenditi un cane. e prenditene cura. prenditi del tempo per te stessa. in silenzio, possibilmente. e ricordati che il TUO dolore, lo senti solo TU. quindi, cerca di volerti bene.. perchè se tu per prima non te ne vuoi, difficilmete troverai qualcuno che te ne voglia. (a parte mamma e papà). hai anche l’altra alternativa: farti seguire da qualcuno. ma richiede tempo, denaro e rotture di co...oni. se vuoi uscirne , la soluzione ce l’hai davanti agli occhi. alzati e non mollare mai. e segui il tuo istinto, e ascolta cio che ti dice il cervello. 😉

  4. 4
    Writes. -

    sono felicissima di tutto quello che mi avete detto. Avete tuti ragione!! Mi ha dato un pò di forza ciò che avete scritto, soprattutto Dancan! Mi è servito molto ciò che mi hai detto. Anche se non è facile, combatterò tutto. E ringrazio anche spiderman e simona.gmail!! Consigli preziosissimi e ne farò tesoro… !! Ancora grazie mille 🙂

  5. 5
    Writes. -

    Solo che la cosa più brutta è quella di resistere alla cattiveria che ti affligono gli altri. Difficile da sopportare, da mandare avavnti.
    E non so mai che posizione prendere. Se quella da menefreghista o iniziare a fare la dura verso di loro. Vorrei prendermi cura di me stessa interiormente. Capire meglio come sono fatta. Diciamo per una sola giornata sparire da tutto e da tutti . Spegnere quel maledetto telefono e computer. Non esserci per nessuno per una sola giornata.
    Non me lo posso permettere. Non posso pensare a me stessa nemmeno per un ora. Nemmeno avere un dannato cane o gatto. Non ho mai tempo per me stessa. Mai. E quanto vorrei prendermi cura, ma non so nemmeno da dove inziare.

  6. 6
    dancan -

    i commenti degli altri? ma che si fottano….. no? che te ne frega di conformarti agli altri, se poi sei infelice?che te ne frega? senti… fai cosi… lascia che cio che ti dicono gli altri, scivoli sulla tuaa piu totale indifferenza… parla poco, ascolta tanto, apprendi piu che puoi. fa sempre comodo. ascolta cio che dice la gente, e poi fai quel che vuoi. perchè non puoi pensare a te stessa? cosa ti impedisce di farlo? credo che l’unica cosa che ti impedisca di farlo, sei te stessa. vivere richiede impegno. molto impegno. essere una brava persona ne richiede ancora di piu. ma ti fa dormire sereno la notte, e non avrai nulla di cui rimproverarti. i compagni di classe… sono quello.. compagni di classe. la scuola serve per apprendere un mucchio di cose. una professione, innanzitutto, che sarà la cosa che ti farà vivere domani. ti fanno commenti che non ti aggradano, o che ti danno fastidio? fatteli entrare da un orecchio, e uscire dall’altro. segui la tua strada. poniti degli obbiettivi giornalieri. robe semplici. obbiettivi raggiungibili. piccoli passi, uno dietro all’altro. non hai spiegato perchè non puoi prenderti cura di te.. manca il tempo? bè, amica mia.. trovalo. perchè è importante. io l’ho capito solo dopo 10 anni di schiavismo lavorativo. da quando mi prendo ogni tanto del tempo per me ( leggere qualcosa, fare qualche ora di cammino) vivo meglio. fottitene degli altri. ma non troppo. e neppure troppo poco. ascolta te stessa e cerca la felicità. e soprattutto… ricordati che niente che valga qualcosa, si ottiene facilmente. combatti. e non ti dare mai per vinta. e non abbassare mai la testa. e non chiedere mai scusa. e non ti abbattere. mai. e smetti di mangiare merda. 😉

  7. 7
    Writes. -

    Sei troppo forte per come mi dici le cose.. mi piace la tua grinta… !!! Credo proprio che ci farò un pensierino su ciò che mi hai detto 🙂 Adesso è già da qualche giorno che non mangio più schifezze in maniera eccessiva. è duro resistere, ma devo farcela. Anche se so che i primi tempi sono difficili da gestire e non andare in tentazione.. Per la felicità mia è ora che mi metta a cercare ciò che mi fa stare bene !! Anzi sai che ti dico? che da quando non mangio più tanto, sto bene con gli altri. Non con me stessa che vorrebbe sbranare qualsiasi cosa! Però resisto. Ho fatto una promessa con me stessa. !

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili