Salta i links e vai al contenuto

Sentirsi terribilmente sola

Non mi sento più bene, ogni giorno che passa mi ritrovo sempre più sola, sono 4 anni della mia vita che non va niente bene, sto solo accumulando errori su errori, l’unica persona che io amo non si fida più di me, mi ha lasciato sola anche lui, gli ho dato la vita, ho vissuto più per lui che per me stessa, e mi ritrovo oggi che sto attraversando il periodo più brutto della mia vita e invece di ritrovarmelo accanto come io ho sempre fatto per lui, me lo ritrovo contro.
Per la mia famiglia sono trasparente, ci sono o non ci sono credo che per loro sia la stessa cosa, ho un terribile vuoto dentro, bisogno di affetto che non riesco a colmare in nessun modo, non ho un lavoro, non ho molte amiche, quindi la maggior parte dei miei giorni li passo sola a casa, speravo che almeno lui, la persona che amo mi capisse, era lì con me, che mi sarebbe stato accanto sempre e invece non fa altro che giudicarmi, dirmi che sono una vittima, sto cercando di andare avanti nonostante tutto anche da sola, ma non ce la faccio più, a volte il pensiero di arrivare a farla finita mi sfiora la mente, ma non ho la forza di farlo, non riesco più a stare così, ogni giorni che passa va sempre peggio e io mi ritrovo sempre più sola….
Tutte le mie giornate sono fatte di pianti continui che non riesco a colmare in nessun modo, mi vengono degli attacchi di ansia incredibile, a volte basterebbe l’affetto di poche persone, ma mi rendo conto che non tutti sono come me, a volte tu daresti l’anima per una persona pur di vederla star bene, c’è chi invece ti giudica, ti incolpa ma non è disposto a darti una mano, è più facile voltarti le spalle piuttosto che porti una mano. Quando accade che è proprio la persona che ami a lasciarti sola l’unica cosa che riesci a fare è sentirti sconfitta, ho sempre pensato che fosse l’unica persona sulla quale potevo sempre contare e invece mi sono sbagliata.. bisogna contare solo su ste stessi, sulle proprie forze, forze che io non ho più.. sto terribilmente male, ho bisogno di un aiuto ma non so a chi chiederlo… sono rimasta sola…

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Albatros62 -

    Ciao Anonima87, ho letto e riletto la tua lettera, e un paio di punti mi hanno colpito e mi ci sono soffermato a riflettere. Se può confortarti non sei la sola a sentirti così giù, se no lo hai fatto leggi la lettera che ho scritto e vedrai che sicuramente capirai. innanzitutto, voglio dirti che assolutamente non voglio più leggere frasi come arrivare a farla finita!!! ma per chi, per cosa???la vita va vissuta con i suoi lati negativi e positivi, altrimenti che vita sarebbe se non cadiamo mai? non avremmo la forza per rialzarci. Se leggi e valuti quello che hai scritto, ti accorgerai degli errori che hai fatto. scrivere che hai vissuto più per lui che per te stessa, ti è sembrata una cosa giusta? certo che no, il tuo bisogno di affetto, visto che anche la tua famiglia a tuo dire ti trascura, ti ha portata a riversare le tue speranze su di lui, ma non è così che si può ottenere amore, anzi si riceve il contrario, quello che è accaduto a te. Ma non buttarti giù, gli attacchi di ansia, sono uno dei sintomi della solitudine che ci prendono. vedi io ho evitato di parlare di ansia e depressione ecc.ecc. ma l’ho definita come drago nello stomaco e cimice nel cervello, sono parole più colorite e ti possono portare anche ad un bel sorriso solo leggendole o no!!!
    Comunque cara anonima87, io come ho detto ad altre due amiche posso essere tuo amico, e condividere insieme le nostre pene, ci aiuterà entrambe ad uscirne.
    Ciao Albatros62

  2. 2
    tracy -

    Ragazzi non contiamo troppo sui famigliari sono i primi che ci voltano le spalle a volte. ne so qualcosa

  3. 3
    anonimo 87 -

    Oggi a 23 anni mi sento incredibilmente e inesorabilmente solo.Mai come ora sono insoddisfatto delle mie amicizie universitarie,si perchè nel mio paese mi ritrovo a non avere neanche piu un amico.Mi sento sempre stanco e privo di energie per andare avanti,vado a letto stanco e mi alzo stanco,mi impongo lunghi digiuni che però non sono difficili da seguire perchè non lo so in effetti non ho molta fame.Non so da dove cominciare,ho tante cose da voler dire,ma non so come organizzare i pensieri,ciò che sento è solo un profondo senso di solitudine,in famiglia mi vogliono bene però non lo so non sento il loro affetto,gli abbracci di mia madre mi soffocano.Non ho mai avuto una storia con una ragazza,ci sono state delle ragazze che erano interessate a me però erano ragazze che per il loro fare mi innervosivano o almeno non ricambiavo quell’interesse.Sembrerò banale ma nn riesco a trovare le parole per esprimere questo forte disagio.In futuro mi vedo solo e questo mi spaventa,quando torno a casa dai miei all’inizio sono contento ma una volta li mi incupisco e non vedo l’ora di andarmene nuovamente,forse è solo l’idea del viaggiare che mi piace.Chiedo scusa per non essermi espresso bene ma non so come dare un nome alle cose,c’è solo un’angoscia che mi strazia.Vorrei a volte poter piangere ma il mio corpo me lo impedisce,sento solo il cuore che batte a mille e dopo aver mangiato qualcosa di dolce vado a vomitare e il digiuno continua.Grazie per avermi ascoltato

  4. 4
    Eric91 -

    Cara Anonima87
    Forse hai solo bisogno di qualcuno che sappia apprezzarti cosi come sei, qualcuno che fin’adesso ti sappia comprendere e capirti. Fai delle conoscenze nuove, contatta vecchi amici o fatti semplicemente un giro, prima o poi troverai qualcuno che vuole scambiare due parole con te. Se lui non ti ama lascialo perdere, continuerà a bruciarti dentro tutte le volte che lo vedrai.. La vita continua e lui non è l’unico ragazzo sulla faccia della terra, per fortuna. Parla con me e lascia che ti ascolti, devi solo guadagnare fiducia in te stessa. Non sei sola, io ti sono vicino. Aspetto tue notizie. Un bacio
    Reeven1987@libero.it

  5. 5
    Dragon9 -

    Ciao, quanto hai scritto mi ha ricordato tante cose… se vuoi, ci sono

  6. 6
    Dragon9 -

    La mia mail: lonewolf373hotmail.it
    Un bacio :* spero ti sia gradito

  7. 7
    miki -

    So cosa stai passando avrei un disperato bisogno di parlare anche io con qualcuno.. Ma purtroppo non ho nessuno. Tutti troppo impegnati a viversi la propria vita fregandosene degli altri.

  8. 8
    bohemian girl -

    Ciao, non sei sola come vedi ci siamo noi a consolarti seppure virtualmente, quello che scrivi ha molto in comune con quello che sto vivendo ultimamente. Passo la maggior parte del tempo in casa, non riesco a inserirmi nel mondo del lavoro, ho una relazione che e’ in fase di rottura…l’unico consiglio e’ di parlare, fallo con un vero amico o fallo scrivendo qui, non tenere tutto dentro. Io passo la maggior parte del tempo a piangere, ogni cosa e fonte di preoccupazione e dolore per me. Mi dispiace far soffrire i miei genitori, che mi vedono rassegnata e sempre più’ triste. Io trovo sfogo nello scrivere un diario, so che può’ sembrare stupido e una cosa da adolescenti ma vedrai che rileggere quello che tu stessa scrivi ti aiuterà’ a capire chi sei veramente. La vita e’ fatta di alti e bassi, c’e’ chi sta peggio di noi…forza tutti siamo utili per qualcuno..un abbraccio a te che soffri come me.

  9. 9
    Fra -

    Sapete quante volte ci penso 21 anni cosi giovane ma con questo senso dentro di te che ti fa sentire vuoto, inutile. Contare solo su una persona non si può si finisce solo x rovinarla e allontanarla da te. Io sono fidanzata da tre anni e mezzo e vedo quanto lui sia stufo, però nonostante tutto rimane al mio fianco. Io mi chiedo come mai una persona rimane cosi sola ,isolata…non riesco a rispondermi. Voglio cambiare pero…non so da dove partire

  10. 10
    sylvie -

    Buongiorno é la prima volta che scrivo … sotto consiglio del mio parroco ho voluto provare…ho 44 anni mamma di due bambini Speciali in quanto hanno problemi neurologici mi mettono a dura prova ma li amo piu di me stessa…purtroppo fin da piccola soffro di solitudine e ansia cresciuta in una famiglia difficile e incazzosa ,crescendo a 17 anni ho conosciuto mio marito il quale a l etá di 20 anni abbiamo ringraziando Dio superato un tumore …
    mi considero una persona solare e forte ma dei momenti ho questo senso di vuoto solutudine pianto l’ essere giudicata insomma ho sia la cimice nel cervello che il drago…ultimamente mi sono riavvicinata a Dio, nel cuore c’ é sempre stato ma adesso pratico una comunitá carismatica una cosa bellissima mai conosciute persone che pregano per te x solo scopo di miseticordia…come se non avessi giá tanti problemi me ne creo altri mi sento come se non sono degna di tanta bontá, sará che non sono abituata? Insomma sono complicata cosa devo fare Dio mi sta aiutando ma é come se apro e chiudo il mio cuore o forse no …non posso permettermi di sentirmi cosi non posso aiutatemi

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili