Salta i links e vai al contenuto

E se le scrivessi una lettera?

Non faccio altro che pensarla, la nostra non era una delle tante amicizie ma molto di più. Adesso non so quale parte di me ascoltare; c’è una parte che mi vieta di scriverle, perchè logicamente non sono io colei che dovrebbe farsi avanti, mentre l’altra parte di me dice che forse la cosa migliore da fare e proprio quella di farmi avanti e di dimostrarle che ci tengo ancora a lei. Partendo dal principio noi siamo state amiche per 3 anni e non abbiamo mai litigato ma poi un giorno cominciò a non fidarsi più di me e così litigammo e dopo un pò di giorni, che entrambe stavamo male, facemmo pace. Anche se non cambiarono di molto le cose perchè i suoi segreti li diceva alle altre amiche sue ed io ero sempre l’ultima a sapere i fatti… Fino a quando una mattina che litigò con una nostra amica disse che non si fidava più di nessuno, che tutte le sue amiche l’hanno tradita ecc. così io me ne andai perchè ci rimasi davvero male e d’allora non ci parliamo più. Lei disse a tutti che non c’è l’aveva con me quando disse quelle cose ma il vero problema è che se davvero fosse stato così per quale motivo non mi è mai venuta a parlare? perchè non ha mai provato a parlarmi? e perchè si è sempre rifiutata di chiarire le cose con me?

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia

5 commenti a

E se le scrivessi una lettera?

  1. 1
    Matteo -

    Ciao Giovy,
    forse la tua amica ha attraversato un momento difficile è stata tradita da qualche amica, forse le interessava qualche ragazzo e un’amica o presunta tale è andata a sparlare di lei, ma questo capita a tutte le età e in molte occasioni.
    Se tu sei stata leale le sei stata vicina ed hai sempre condiviso le cose anche più intime con lei allora non crearti problemi…
    Forse si farà viva lei prima o poi, ma se senti che hai voglia di scriverle o di chiamarla fallo! se ti vuole bene sicuramente non ti respingerà.
    Essere amici a volte significa anche mettersi da parte lasciare che l’amico/a faccia quello che si sente di fare, anche sbagliando, ma quando torna, tutto rotto di pugni, calci, botte, insulti, e dopo un’anno che non lo/la vedi è li che devi esserci…. medicare le ferite consolare o semplicemente far sentire che ci sei…
    Essere amici non significa avere l’esclusiva su di una persona…
    Un abbraccio
    Matteo

  2. 2
    Giovy93x -

    6 stato molto carino e gentile ti ringrazio davvero !!!!!

  3. 3
    Almost-Imperfect -

    Giovi,
    non aggiungo molto a quello che ti ha detto Matteo, a volte tra le persone si creando dei fraintndimenti per cui la tua amica potrebbe essere rimasta offesa di qualche cosa che tu hai fatto senza volere; oppure qualche cosa che a te sembra una stupidaggine e a lei no.
    Se ti va di scriverle una lettera per riavvicinarti a lei fallo, solo chiarendo la situazione potrete tornare ad essere amiche come prima e non aspettare, perché a volte rimuginare troppo su una situazione ci porta a vedere le cose su un piano sbagliato
    Un bacione e vedrai che tutto si aggiusta!

  4. 4
    Giovy93x -

    Ciao e grazie Almost-Imperfect sai da quando abbiamo litigato lei è cambiata e oltretutto tratta male tutti e risponde male a tutti ….

  5. 5
    Axuel -

    Giovy, mi dispiace per te, ma indubbiamente la tua amica, ha un carattere al quanto estroverso e presuntuoso, per cui essendosi trovata in date circostanze poco piacevoli si sentirà profondamente a disagio e fa fatica a capire gli altri, in quanto prima di tutto non riesce a capire se stessa.
    Sai, l’errore più grande che possa fare una persona è fidarsi ciecamente degli altri al primo colpo. Lo è ancora di più “tradire” un’amica (magari per futili problemi) e andare subito a consolarsi con altri amici, per poter cercare di instaurare subito una forte amicizia e quindi sentirsi a proprio agio.
    L’amicizia va “costruita” col tempo. L’amicizia non è fatta di sole confidenze, ma di reciproco accordo e compassione. E questo lei non l’ha capito. Conseguentemente non ha capito te.
    Non è facile poter riparare a questi errori, ma non è neanche impossibile.
    Nel caso decidessi di scriverle una lettera falla commuovere, ma non per illuderla, ma per far scaturire in lei quella voglia di potersi fidare nuovamente di te.
    Falle ricordare i bei momenti passati insieme, ridendo,scherzando,…
    Ricordale quanto lei vuoi bene, e quanto tieni alla sua presenza.
    Non sperare che venga subito a confidarsi con te, perché lei dovrà capirti.
    è quasi come se dovessi rincominciare da capo, solo che dovrai fare i conti con la sua testardaggine e con la sua avversione nei tuoi confronti.
    Cercala, ma non essere oppressiva. Perdonala, ma sii chiara su cosa vuoi evitare in futuro. Trovate un comune accordo affinché non passiate ancora brutti momenti.
    Sì a volte è inevitabile che succeda qualche brutto momento di incomprensione, ma allora non rinfacciarle subito i suoi difetti, vai via con calma e in silenzio, prenditi il tempo per poterle dire cosa pensi sia giusto.
    Se credi di non riuscire a stare a queste condizioni, allora penso proprio che non c’è altra soluzione se non quella di lasciarla perdere.
    Buona fortuna Giovy!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili