Salta i links e vai al contenuto

Scrittura di un qualcosa che voleva uscire

Lettere scritte dall'autore  Matteo6875587

Salve a tutti.
Ho deciso di scrivere in questo forum dopo mesi di lettura d’esperienze altrui, aiutandomi a sentire meno il peso del mio persistente malessere.
Ho 21 anni e sono uno studente d’ingegneria.
Il malessere, a cui mi riferisco, è un misto tra solitudine e profonda tristezza.
Credo che la causa principale sia la mia inettitudine all’interazione sociale, pur avendo qualche conoscente ed una vita sentimentale/sessuale mai avuta.
Inoltre l’aggravante è un’infelice situazione famigliare.
Tuttavia sarò sempre grato ai miei genitori per avermi dato un’istruzione, cibo, vestiti e tutto l’indispensabile e più.

In pubblico non so mai cosa dire e, non avendo una personalità carismatica, non nutro alcun interesse.
Mentre le poche volte che parlo mi sento stupido e banale.
Questo mi fa rabbia perchè ci tengo che una persona possa fidarsi di me.
Per quanto riguarda la fisicità ed aspetto estetico vacillo tra l’accettazione, in alcuni giorni, e il rifiuto, in altri.
Paradossalmente, in questo periodo, sto uscendo di meno per non sentirmi ancor più solo tra coppiette felici e innamorate.

Tutto questo mi crea un forte disagio come ansia, senso d’inutilità, bassa autostima ed una percezione deviata di me stesso.

Questa condizione è dovuta solo a mie colpe e so che l’autocommiserazione non porta a nulla ma ogni volta ritorno inerme alle sofferenze, in un ciclo continuo.
Vedere coetanei aver successo laddove io nemmeno fallisco, dal blocco che ho, m’aliena dal mondo.
Ogni volta che si presenta lo sconforto sento un lieve dolore al petto e, delle volte, scoppio in un pianto improvviso e soffocato dal silenzio della mia stanza.
Ci sono stati momenti estremamente bassi, nel quale ho pensato di annullarmi ma non ne ho avuto coraggio.
Con il ritorno in presenza all’università ho pensato di rivolgermi ad uno psicologo, nella necessità di cambiare la prospettiva con la quale leggo il mondo e per capire se soffro di qualche patologia.

Principalmente ciò che mi permette di canalizzare alcuni demoni sono scrivere poesie, leggere e ascoltare musica.

Non so bene se ho scritto tutto ciò per sfogo o per aiuto.
In ogni caso, concludo ringraziando tutti coloro che interagiranno.

Saluti,

Matt.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Scrittura di un qualcosa che voleva uscire

Lettere correlate a:

Scrittura di un qualcosa che voleva uscire

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

1 commento

  1. 1
    marc -

    Matteo a 21 anni la timidezza può essere normale paure e dubbi anche, in fondo sei un giovane uomo che si deve fare una vita. La timidezza non è una colpa o una malattia tanto è vero che la saggezza popolare dice[va] “dove non c’è vergogna non c’è virtu”.
    Personalmente ti consiglio di esporre il tuo problema al tuo medico di base solo se è maschio (se questa lettera l’aveva scritta una ragazza avrei scritto solo se è femmina) il fatto che vuoi sentire “uno psicologo” può andare bene ma solo se è bravo. Sei te che devi stabilirlo, se ad esempio dopo 3 mesi stai meglio, “solo te”. Altrimenti cambialo.
    Continua a coltivare i tuoi interessi, fai attività fisica e cerca di non pensarci troppo e pensa a stare bene con te stesso e fregatene degli altri.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili