Salta i links e vai al contenuto

Lo scandalo e la gogna

Non ho parole; le cerco sul “Lessico Universale Treccani”. Alla voce scandalo trovo: “Dare scandalo, essere di cattivo esempio … con azione o fatto che offende la coscienza e i sentimenti morali, suscitando sdegno e riprovazione” E ancora “Fatto o situazione che ha aspetti contrari ai principi morali o sociali correnti e che desta l’interesse dell’opinione pubblica, specialmente se investe persone di grado o posizione elevati o comunque il vista”.

Alla voce gogna trovo: “Collare di ferro che si poneva stretto alla gola dei rei esposti alla berlina; in senso figurato, esporre allo scherno e al disprezzo altrui”

L’esposizione avveniva in pubblica piazza. Oggi la piazza è virtuale, è mediatica. L’esposizione mediatica di cui ci si lamenta, piuttosto spesso di questi tempi, non suscita tanto vergogna e desidero di scomparire da quel palcoscenico quanto indignazione, risentimento e ritorsione di accusa contro denigratori e supposti avversari.

E ciò suscita ancora riprovazione e sdegno.
Luigi Carota, B0logna

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

1 commento

  1. 1
    Aton -

    E allora? Digestione difficile?

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili