Salta i links e vai al contenuto

Riconquistare l’autostima

Più di dieci anni fa sono stata lasciata improvvisamente e con una scusa banale dal mio ragazzo. Era comunque una mossa che mi ero aspettata da tempo, cioè già all’inizio della nostra storia mi aspettavo che non sarebbe durata molto (invece abbiamo passato insieme circa 2 anni e mezzo) perchè, innanzitutto, ci eravamo conosciuti in un modo strano: tramite un suo amico che io avevo conosciuto con un annuncio su un giornale. Quindi credo che lui si fosse messo con me perchè in quel momento della sua vita aveva bisogno di una ragazza e io gli ero sembrata una ragazza ‘disponibile’. Inoltre quando l’ho conosciuto stava attraversando una fase difficile della sua vita: non aveva un lavoro fisso, frequentava amicizie particolari (e, pur di vederci, ero obbligata anch’io ad incontrare queste persone), faceva uso di droghe leggere. Non avevamo neanche gli stessi interessi: io sono sempre stata una persona colta a cui piace leggere, andare al cinema, teatro, concerti, ecc. , invece con lui non siamo mai riusciti a fare una vacanza assieme (anche per il limitato budget di cui disponevamo), l’unica volta che siamo andati a ballare è perchè lo aveva invitato uno di questi suoi ‘amici’ ( e quindi non perchè glielo avessi chiesto io). A casa sua non ho mai visto un quotidiano, gli unici libri che giravano erano quelli del fratello che studiava all’università. Mi ero anche affezionata alla sua famiglia, anche se a suo tempo credo che abbiano incolpato me del fatto che il figlio fosse così sbandato (forse che lo facevo innervosire io?), sua madre è arrivata ad accusarmi di aver spiato nel telefonino di lui per avere il numero di telefono del suo posto di lavoro (della madre), quando invece l’ho trovato sull’elenco telefonico e se l’ho chiamata è stato solo per fargli gli auguri di compleanno perchè pensavo che gli avrebbero fatto piacere.
Arrivo al punto: perchè nonostante poi ne sia passata di acqua sotto i ponti penso ancora alla fine di questa storia? Perchè sono stata lasciata a suo tempo banalmente:aveva detto che mi lasciava perchè gli piaceva una ragazza che anche io conoscevo. Invece poi, ultimamente, ho saputo che è stata proprio una scusa perchè se con quella ragazza c’è stato qualcosa è durato veramente poco. Infatti ho avuto modo di ricontattarlo(non chiedetemi come) e ho saputo che dopo poco che ci eravamo lasciati (meno di un anno) ha conosciuto una ragazza tramite altri amici e ci si è fidanzato, poi si sono anche sposati e adesso hanno un figlio di sei anni e lui dice che è la gioia della sua vita. Invece quando stava con me ci è capitato di essere arrivati vicini ad una gravidanza(per un incidente di percorso, come l’ha definito lui)e in quell’occasione mi ha costretta (anche prospettandomi un futuro assieme dicendo che non era quello il momento per avere un figlio) ad andare con lui in diversi ospedali fino a che non abbiamo trovato un medico che mi ha dato la cosiddetta ‘pillola del giorno dopo’ che è un concentrato di ormoni che impediscono l’eventuale annidamento del feto; era così forte questa pillola che poi sono stata male per due giorni, rimettendo in continuazione e avendo dei fortissimi mal di testa.
Qualche anno fà mi è capitato di rincontrarlo per caso: stavo ferma al semaforo rosso e mi si è affiancata un’altra macchina, con la coda dell’occhio ho notato di essere osservata quando mi sono girata e ho visto che era lui gli ho fatto un segno di saluto con la mano ma lui ha girato lo sguardo, ha assunto un’espressione dura e appena ne ha avuto la possibiltà ha sgassato e si è allontanato rapidamente. Ecco perchè adesso mi chiedo se a suo tempo non dovevo neanche mettermi assieme perchè sapevo già che eravamo troppo diversi. Infatti io ho un’ottima memoria affettiva (come la chiamo io), cioè mi ricordo anche singoli episodi belli o brutti legati a persone che per me hanno avuto un’importanza affettiva; ma questi ricordi non vengono da me metabolizzati (se positivi) o rimossi (se negativi), ma rimangono impressi dentro di me e mi condizionano la vita.
Sono tuttora una persona molto insicura e, a suo tempo, essermi messa con lui che già aveva tanti problemi ha solo peggiorato la mia insicurezza e la mia autostima. Adesso sono fidanzata da sette anni con un ragazzo con cui abbiamo molte cose in comune e col quale mi sposerò. Dovrei essere felice e non pensare più al passato, direste voi. Ma l’aver saputo che adesso è diventato quella persona che io sapevo che era veramente (cioè altruista, serio nel suo lavoro, affettuoso e orgoglioso della sua famiglia) mi ha destabilizzato: perchè quando stava con me ha dato il peggio di sè e mi sembrava impossibile formare una famiglia con lui mentre adesso si è ‘redento’? Penso che si è approfittato della mia disponibilità e bontà d’animo e che l’attuale moglie abbia incontrato una persona totalmente diversa da quella che avevo conosciuto io proprio perchè questo ragazzo ha avuto modo, grazie anche a quello che mi ha fatto passare, di considerare quali erano le cose più importanti nella vita e così, quando ha conosciuto l’attuale moglie, era una persona completamente diversa e pronta ad innamorarsi veramente. Insomma è come se avessi dato a lei la pappa pronta perchè lui si era già ‘scatenato’ con me e aveva già espresso i suoi lati più negativi.
Ma perchè anche a me non ha dato tanto bene? Ero certa di come era fatto veramente e questa ragazza è intervenuta nel momento giusto della sua vita risparmiandosi tutti i problemi che avevo dovuto affrontare io e venendo bene accolta dalla sua famiglia. Come faccio finalmente a buttarmi, dopo tanto tempo, questi pensieri alle spalle? Forse perchè ritengo di essere stata in parte la causa dell’accentuazione dei suoi problemi. Ma anche il fatto di aver saputo che un’altra si è presa la mia eredità(dolcezza, amore, comprensione) e si è trovata la pappa pronta mi ha dato molto fastidio: ho anche somatizzato questo fisicamente con mal di testa, acidità di stomaco, insonnia, ecc.
Mi potete dare un consiglio? Grazie.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    makaveli -

    stai veramente malissimo…da quello che racconti nella lettare si capisce cosa NON racconti…hai continuato a stressare lui e la sua famiglia anche quando ti aveva mollato…

    non tieni in considerazione che DIECI ANNI sono un tempo ragionevole per una persona perchè maturi…senza bisogno di te…

    vuoi un consiglio ? rivolgiti urgentemente ad uno psicanalista capace…tu non stai bene..

  2. 2
    martyna -

    bhe sono passati dieci anni, non deve essere per forza che lei ha trovato come dici tu la pappa pronta, avranno anche loro avuto i loro problemi, tu non puoi saperlo, e dopo tanto tempo insieme, forse molti di piu dei tuoi due anni con lui, hanno capito che erano pronti ad affrontare la vita insieme. non pensare che sia stata tu a migliorarlo, questo non è giusto, tu sicuramente sarai stata un importante esperienza della sua vita ma questo non vuol dire che la sua attuale moglia sia un incapace, magari proprio lei è riuscita a migliorarlo tanto da diventare sua moglie.
    mi sembra strano che stai insieme ad un ragazzo di 7anni e pensi ancora a lui, forse non sei innamorata di questo ragazzo, per questo rimani ancorata nei pensieri del passato,tanto da farti venire anche delle speudo malattie.
    devi solo cercare di accettare che lui ha una sua vita, e sicuramente devi evitare di pensare che ce l ha grazie a te.
    pensa al tuo fidanzato, che sta per sposare una ragazza che ancora ha i fantasmi del passato alle spalle. in bocca al lupo.

  3. 3
    Selene -

    Ciao!E’ difficile dare consigli in queste situazioni così complesse. L’unica cosa che posso dirti è che ti capisco, anch’io sono come te, ho un’ottima “memoria affettiva” e somatizzo molto ansie e dispiaceri. Anche il fatto che tu caratterialmente sia così certamente non ti aiuta a buttarti le cose alle spalle. Se fossi stata una persona meno sensibile e riflessiva già dopo qualche mese non avresti più dato importanza a quella persona probabilmente. Dubito quindi che ci sia qualcosa di concreto da fare…devi solo vivere la tua vita, pensare alla persona con cui stai ora ed aspettare…aspettare che questi pensieri si affievoliscano. Devi metabolizzarli tu stessa. Ma ci vuole tempo. E questo tempo non è uguale per tutti.

  4. 4
    Ramanujan -

    Prima di risponderti bisognerebbe capire cosa è quell’88 nel tuo nick.

  5. 5
    guerriero -

    problema di molte donne aimè

  6. 6
    Gordon pym -

    cara pallina88mi spiace davvero per quello che hai passato. Spesso si sta insieme a una persona perche’ non la si vuole abbandonare nel momento del bisogno e tu hai fatto la cosa giusta tenendo duro nel momento di ‘sbandata’ del tuo ex e capisco perche’ ti rode che lui abbia messo ora la testa a posto. Magari la risposta è semplice: il tempo l’ha fatto maturare. È anche Vero che questo processo di miglioramento é stato iniziato ( o aiutato ) da te ( chi non cambia dopo ogni rapporto importante? Ricorda che 2 anni non sono pochi ).
    e qui una domanda seria: ma cosa importa cosa sia ora? Tu hai una tua vita e lui una sua. So che brucia sapere di aver faticato a vuoto ma pensa che col tuo modo di fare hai fatto del bene a una persona ( e indirettamente a chi gli sta accanto ). Su col morale!
    P.s. Ma sei del’88 e sei stata con lui 10 anno fa? Cacchio! ( ovviamente scherzo )

  7. 7
    calub -

    Pensa alla tua vita attuale…il passato è passato.

  8. 8
    guerriero -

    il passato è passato, ma nn è giusto fare i samaritani, o crocerossini o dare tutto a persone che nn meritano nulla , anzi meritano di stare con persone simili a loro (m…e). Una persona davvero matura ed innamorata, riconosce quello che gli viene dato e ricambia nello stesso modo, un cretino invece prende prende ed appena può sparisce senza tanti copmlimenti. Che il passato serva da esperienza per nn avere ancora a che fare con gente (la maggior parte) che per nn guardarsi dentro, migliorare se stessa e risolvere le proprie ca….e mentali, preferisce far del male agli altri.

  9. 9
    Stefano -

    Come mai vivi la tua vita in funzione di ciò che fa questa persona ? Probabilmente se ora non è più il ragazzino che era quando stava con te significa che è cresciuto (fortunatamente) e forse ha imparato come trattare una donna.
    Non è un buon modo di vivere guardando sempre il passato, se ne hai occasione parlane con qualcuno, togliti tutta questa zavorra e vivi felice ..

  10. 10
    eli7 -

    non c’è un “come fare/cosa fare”, devi farlo e basta.
    I tuoi pensieri sono totalmente giustificati, ma sai le persone cambiano talmente velocemente che non devi avercela così tanto se lei adesso sta con quel “lui” che anche tu avresti tanto voluto.
    Se è andata così, vuol dire semplicemente che doveva andare così.
    La colpa sta sempre in mezzo, e magari se lui a suo tempo si è comportato così è anche un pò colpa tua perchè glielo lasciavi fare.
    Quindi, hai un futuro marito e una storia d’amore di 7 anni (felice): GODITELA TUTTA che vale la pena di essere vissuta.
    Sii felice e dimentica il passato semplicemente vivendo il presente.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili