Salta i links e vai al contenuto

Il Privé che vorremmo

Una coppia che conoscevamo da lunghissimo tempo, un giorno ci ha proposto di gestire il loro locale per un paio di settimane in quanto dovevano assentarsi per risolvere un loro problema.
Noi non conoscevamo né il locale, né l’attività che vi si svolgeva e poi non avevamo mai gestito alcunché e quando lo abbiamo fatto presente, loro ci hanno assicurato che non era difficile, e poi potevamo affiancarci a loro per un po’, giusto il tempo per capire ciò che serviva e così abbiamo accettato, anche se con qualche riserva.
Ci spiegarono che si trattava di un locale in cui non bisognava scandalizzarsi, ma la loro evasività ci aveva spinti a pensare che si trattasse di uno di quei locali notturni, dove una schiera di ragazze più o meno svestite ballavano ed intrattenevano gli uomini parlando e bevendo ai loro tavoli, e la cosa ci era alquanto sgradita, ma decidemmo comunque di andare a verificare con il proposito di decidere con maggiore cognizione di causa.
La sera che ci presentammo, capimmo subito che si trattava di qualcosa di completamente diverso da quanto avevamo immaginato; l’ambiente era carino e si capiva subito che le donne presenti non erano ragazze assoldate dai gestori, in realtà si trattava di coppie “più o meno regolari”, sedute sui vari divanetti a parlare tra loro, qualcuna ballava su una piccola pista con musica suadente e tutto si svolgeva in un’atmosfera molto rilassata e senza tensioni di sorta.
I nostri amici, allo scopo di introdurci nell’ambiente, ci presentarono ad alcune di queste coppie ed in fine ci lasciarono al tavolo con una di esse. C’intrattenemmo con loro per diverso tempo approfondendo le nostre reciproche conoscenze; si rideva, si beveva, si parlava con grande naturalezza anche di argomenti alquanto spinti, fu una sensazione nuova ed entusiasmante, sentivamo palpabile una spregiudicatezza ed una libertà che non avevamo mai sperimentato prima e questo ci faceva sentire leggeri, senza quella costante oppressione che l’etica impone costantemente.
La mattina, quando tornammo a casa, io e la mia donna restammo a lungo a descriverci a vicenda ciò che avevamo provato, alla fine concordammo entrambi su quella piacevole condizione di leggerezza generale che ambedue avevamo percepito.
La sera successiva eravamo euforici ed impazienti di provare ancora quel sottile piacere ma purtroppo non ci fu possibile in quanto non trovammo una coppia capace di stuzzicarci come era avvenuto la sera precedente.
Curiosammo nei vari ambienti del locale che la sera precedente non avevamo visto, scoprendo cose indicibili, alcune abbastanza imbarazzanti, altre divertenti, curiose, stimolanti, ma di quelle sensazioni della sera precedente neppure l’ombra.
Al termine della settimana, grazie anche alle varie spiegazioni dei nostri amici, eravamo pronti a portare a termine il nostro incarico cosa che, devo aggiungere, facemmo con successo, ma soprattutto potemmo trarre delle conclusioni alquanto precise su quanto avveniva in quel luogo ma ancor più su ciò che ritenevamo vi potesse potenzialmente accadere.
Oggi possiamo affermare di aver vissuto un’esperienza unica che ci ha permesso di comprendere molto su questo mondo ma anche e soprattutto su noi stessi. Complessivamente siamo rimasti positivamente segnati, tanto che oggi, dato che nel frattempo ci siamo trasferiti, saltuariamente ci ritroviamo a frequentare locali simili nella speranza di rinverdire quell’esperienza. Purtroppo il più delle volte dobbiamo convenire che l’ambiente, ma soprattutto i frequentatori, non si rivelano assolutamente soddisfacenti e perciò ci scopriamo spesso a disquisire su quei momenti e su come ci piacerebbe che fosse un nostro locale ideale.
Dopo innumerevoli dispute abbiamo deciso di lanciare un appello per conoscere anche altri pareri; modi diversi di porsi verso questa realtà, avviando così un’approfondita analisi su ciò che possiamo aspettarci in futuro.
C’è qualcuno disponibile? Che ne dite, vi andrebbe di fantasticare con noi a tutto tondo su un ipotetico privé ideale? Su come vorremmo che fosse e su cosa ci piacerebbe trovare in questo privé? Quali sono le fantasie che vorremmo vedere realizzarsi in esso?
Speriamo ardentemente di avere tante adesioni, e conoscere i vostri punti di vista e forse chi sa…, anche di trovare il modo di realizzare queste fantasie.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

4 commenti

  1. 1
    ross -

    io penso che tu vuoi solo opinioni per iniziare un’attività… vai a
    fare le tue ricerche di mercato fuori di qui. qui c’è gente seria. e non
    tirare fuori inutili commenti del tipo “ma io chiedevo e basta, è solo
    per diletto che ho scritto” non servirebbe a niente, i tuoi intenti sono
    palesi… fuori su!

  2. 2
    Mau -

    Insomma vuoi realizzare le tue fantasie……
    Ho l’impressione che hai sbagliato posto.

  3. 3
    Ricercatore -

    Caro ross, sono rimasto molto colpito dalla tua perspicacia e dalla serietà che mostri d’avere, cosa dire poi di Mau che si è aggregato a piè pari e senza appello!
    Ho girato in diversi forum che trattavano dello “scambismo” ed ho trovato solo qualche sprazzo di lucidità in un mare di idiozie, mi sono perciò chiesto: come si fa a comprendere ciò che pensa chi frequenta il “Live style” se non utilizzando meglio quella che oggi è l’agorà per eccellenza; internet.
    Io e la donna che con me condivide la vita, abbiamo colto alcune visioni di questo strano universo che sembrano, pur nella loro interezza, come sospese nel vuoto. Secondo noi sarebbe utile porle in un contenitore unico, aggregandole organicamente tra loro; un privé virtuale ci è sembrato il posto ideale dove i frequentatori possono esprimere ciò che cercano e noi con loro, ed insieme capire.
    Quale scopo migliore che comprendere e crescere ha un forum? Sparare ca…te qua e là non mi sembra un buon modo per utilizzare uno strumento tanto potente come questo, si tratta solo di definire lo spazio in cui muovesi ed il gioco è fatto. Se non siete interessati a frequentare questo luogo in cui esprimere liberamente ciò che ci si aspetta in una riunione tra adepti, ciò che il nostro “Io” più profondo desidera, beh! Nessun medico ha ordinato questa cura. Grazie comunque; il vostro apporto è in ogni caso apprezzato. Resto tuttavia in attesa di conoscere le circostanze che spingono una persona a frequentare questo mondo, cosa prova a seguirlo e che vorrebbe trovarvi.

  4. 4
    p_1975 -

    Senza offendere nessuno, ma non ho mai avuto tempo per falsi perbenismi. se sei interessato scrivi pure a p_1975@libero.it

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili