Salta i links e vai al contenuto

Una preghiera per il ritorno di mio marito

Lettere scritte dall'autore  

Salve a tutti, ho letto diverse richieste di preghiera di ragazzi e ragazze e mi sono tanto intenerita e di cuore ho partecipato con la mia piccola preghiera per loro. Non sono ragazzina, ho 40 anni ed una bimba di 8 mesi, mio marito mi ha lasciata da tre mesi, soffro molto per me, per lui e per la nostra piccola stellina che meriterebbe una famiglia unita. Non ci siamo traditi, ci siamo non compresi e lui è scappato ma sono certa il sentimento ancora ci sia, preghereste per me? Ve ne sarei grata tanto ed anche la mia piccola bimba sarebbe felice se lo faceste, magari avrà mamma e papà uniti e non ricorderà nemmeno quanto sta accadendo adesso che è un cucciolo!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Spiritualità

9 commenti

  1. 1
    Mau -

    Non so se pregare per una circostanza di riappacificazione sia corretto. Certamente lo è per chiedere, attraverso la preghiera, Pace nel mondo, che scompaia la fame e la sete per tanta gente, che non ci siano più malattie, violenze, ecc…
    Io posso solo augurarti che ci sia un concreto chiarimento sui motivi che vi hanno fatto dividere e possiate tornare insieme e felici.
    Permettimi però di registrare il fatto che ….’per qualche incomprensione’…. un uomo…un padre….scappi via lasciando moglie e bimba di 5 mesi.
    Sono certo che, per maturità acquisita, in questi 3 mesi avrai riflettuto a lungo sul vostro rapporto.
    Sinceri auguri.
    Mau.

  2. 2
    fabia -

    condivido ciò che dici.. ma una preghiera non esclude un’altra, no? E poi, il motivo sono le incomprensioni durante la gravidanza e dopo la nascita della bimba, cosa che accade in molte coppie, ahimè mio marito, si è spaventato. Ovviamente se chiedo aiuto lo faccio a cuor sincero.

  3. 3
    vava -

    spero le incomprensioni non siano nate dall’interferenza e invadenza della suocera, cioè di tua madre… perchè se è cosi sarà difficile farlo tornare

  4. 4
    Mary -

    Ciao Fabia..pregherò per te secondo le tue intenzioni A volte gli uomini cambiano dopo la nascita di un figlio, si sentono, a torto o a ragione, messi da parte. Spero che chiariate quanto prima i motivi che l’hanno indotto a scappare..Certo non penso che lui non provi amore per la sua creatura e che si disinteressi completamente da tre mesi di lei che non ha chiesto certamente di venire al mondo..Se alla base del vostro rapporto matrimoniale c’è un vero sentimento l’importante è chiarirsi tra coniugi senza interferenza di nessun altro e per esperienza personale ti posso dire che una donna prima di essere mamma è una moglie..Fra Modestino (non so se ne hai sentito parlare,era il frate, morto alcuni mesi fa, a cui Padre Pio aveva lasciato in “eredità” i suoi figli spirituali) un giorno, mi “rimproverò” con queste parole “ricordati che nella tua vita viene prima tuo marito e poi tua figlia sono due amori diversi..quello per tua figlia è naturale, quello per tuo marito lo devi coltivare giorno per giorno, tua figlia resterà sempre tua figlia, tuo marito sta a te farlo restare tuo marito”.Pregherò comunque perchè la tua bimba possa vivere la sua vita serena insieme alla mamma e al papà, perchè quando tra gli adulti c’è qualcosa che non va chi ci rimette sono sempre i piccoli che non hanno colpe..Un abbraccio

  5. 5
    fabia -

    caro/a vava, mia madre non ha proprio preso parte a nulla, questo proprio non è mai stato un problema…. anzi… discreti i miei genitori. Voleo ringraziare Mary tanto e voglio dirti che condivido pienamente il pensiero! e ci tengo a precisare che mio marito adora la bimba, non l’ha abbandonata affatto, ma in realtà è vicino anche a me e tanto, io lo vedo solo confuso, non determinato e Intanto continuo a pregare e ad impegnarmi per risolvere le cose. Aiutatemi ancora. Grazie

  6. 6
    Mary -

    Buongiorno Fabia l’avevo immaginato che tuo marito adorava la piccola e che non l’aveva abbandonata..La sua confusione e la sua mancanza di determinazione probabilmente sono il frutto della consapevolezza delle responsabilità che gli derivano dal fatto che ora non è non più solo un marito ma anche padre. Sono convinta che all’iniziale gioia di aver appreso che sarebbe diventato padre gli sia subentrata la consapevolezza di ciò che significa diventare genitore e in lui sia subentrata la paura di non essere all’altezza del compito..Essere genitori è il “mestiere” più difficile del mondo..non c’è nessuno che lo possa insegnare…e sempre per esperienza personale ti posso dire che essere mamma è ancora più difficile, appunto perché prima di essere mamma una donna è una moglie e bilanciare i due aspetti non è facile.. perché occorre agire in modo di dare amore e attenzioni a tutti e due in modo che nessuno dei due si senta trascurato. Se dai più amore al marito il figlio ne risentirà, se dai più amore al figlio/a ne risentirà il compagno di vita. Nella tua lettera iniziale dici di avere 40 anni e di avere una bimba di 8 mesi..Suppongo che tua marito sia tuo coetaneo o forse poco più grande..Io e mio marito avemmo la nostra unica figlia quando entrambi avevamo 42 anni.Ti posso assicurare che la nascita di nostra figlia pur se desiderata tantissimo da entrambi scombussolò parecchio il nostro rapporto..Diventare genitori in età matura è ancora più difficile..A 40 anni si è acquisito un certo modo di vivere, certe abitudini che un esserino per quanto lo hai desiderato con tutto te stesso, ti sconvolge la vita..A mio marito capitò la stessa cosa..Poi per fortuna tutto si sistemò..E’ quello che di cuore auguro anche a te..Comunque prega si ma agisci..Io pregherò per te. Buona giornata

  7. 7
    Robert -

    Io la preghiera te la faccio. Più per il cucciolo

  8. 8
    erofelice -

    Signore aiuta questa famiglia e fa ritornare la serenità e la felicità nei loro cuori.
    Ti chiedo di ricambiare la mia preghiera perché anch’io sto soffrendo tanto.

  9. 9
    Nene -

    Cara amica, ti chiamo così perchè sono nella tua stessa situazione. Mio marito però si è innamorato di un’altra donna ed ha lasciato me con due gemellini di poco più di un anno (avuti non naturalmente). Credo non voglia nemmeno bene a queste due creaturine visto che passa a casa a trovarli 10 al max 30 minuti una volta alla settimana se non ogni 15 giorni. Mi domando come facciano a chiamarlo ancora papà. Io quest’uomo (insieme a me da 13 anni), nonostante tutto quello che mi ha fatto, lo amo ancora e sarei disposta a perdonarlo per poter tornare ad essere una famiglia. Io pregherò per te, e tu, fallo per me. Sii forte! Un abbraccio

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili