Salta i links e vai al contenuto

Paura del futuro… dovremmo essere noi gli “Indignati”!

Mi rivolgo a voi giovani, voi che chiamano “il futuro” e “la speranza” dell’Italia.
Volevo esprimere una delle paure ormai più diffuse nei cuori dei giovani di questo periodo. Sono una sedicenne da sempre molto studiosa e previdente, frequento il liceo scientifico e non ho idea di cosa fare “da grande”.
Mi accorgo sempre più ormai che oggi giorno scegliere un lavoro non significa (come dovrebbe essere) conciliare abilità e desideri per svolgere tutta la vita un lavoro che ci faccia sentire in qualche modo realizzati.. Significa invece prendere ciò che promette meno disoccupazione e più guadagno anche a costo di sottostare tutta la vita ad un macigno indissolubile,lavorando come muli per un tozzo di pane.
Vedo ragazzi con predisposizioni straordinarie all’arte,alla musica ecc rinunciare ai loro sogni e accontentarsi di un lavoro qualunque. Vedo regazzi preparatissimi e laureati che lavorano come commessi!
E ho paura.. paura che tutti gli sforzi che faccio,ho fatto e farò fino ad ottenere la laurea risulteranno inutili e la mia vita non sarà poi così stupenda come l’ho sognata.. e come ho iniziato a sudarmela fin da piccola..
Cosa ci offre il futuro in questo paese allo sfascio? saremo costretti ad emigrare anche noi, come i nostri nonni,in cerca di condizioni migliori in altri paesi? Quali paesi poi?
Destra, centro, sinistra, Berlusconi, Monti,… potranno cambiare mille governi e mille governanti,intanto in questo paese se non sei figlio di papà rimani con il culo per terra.

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Me Stesso

2 commenti

  1. 1
    Davidino -

    Mary io ho 24 anni e sono sincero… ho tanta paura del futuro. Ce l’ho per me.. per te… per tutti i ragazzi e le persone che si trovano nelle nostre condizioni. L’Italia è un paese arretrato… e lo sarà finchè avremo dei fannuloni, vecchiacci e incapaci a governare il nostro paese. Al giorno d’oggi sembra che ci si debba accontentare di qualsiasi cosa.. studio 5 anni per una cosa, ci metto soldi, sacrifici e passione, e mi ritrovo magari a 30/40anni a fare un lavoretto che non mi porta neanche un minimo di certezze per il futuro, sottopagato e magari neanche centra con quello che hai studiato. Mary magari io e te ci ritroveremo da qualche parte all’estero…intanto non c’è niente di più vero nella tua ultima frase.. o sei raccomandato… o sei spazzatura e ti devi adeguare. Bel paese… belle prospettive.. e intanto cari politici continuate a fare i vostri porci comodi che l’italia sprofonda sempre di più… e con l’italia anche noi italiani.

  2. 2
    Mariù -

    Sai a quale conclusione sono giunta io? Che il problema dei nostri politici non è ke sono fannulloni o incapaci. No! Loro sono EGOISTI! Perché se loro si accontentassero di uno stipendio e di una pensione normale (1200,1500 euro al mese) e rinunciassero a tutti i loro sfrenati lussi a discapito dei cittadini, la situazione italiana migliorerebbe! E di gran lunga!
    Invece no,ovviamente non c’è nessuno disposto a rinunciare alla bella vita per amore del proprio Paese..per non vederlo annegare del tutto.
    Una volta i partigiani morivano per la patria. Oggi per “i capi” un’Audi vale molto più dei sogni di un giovane italiano.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili