Salta i links e vai al contenuto

Al mio papà così vicino, ma tanto distante

Sono ben 18 anni che sono tua figlia, tutti dicono che ti assomiglio, ma tu forse non mi vedi tua figlia. Ogni volta mi illudo che tu possa volermi bene, che per me faresti qualsiasi cosa, ma ogni volta l’ennesima pugnalata, dove sei???? Dov’è il mio papà???? Esiste????? Perché non mi vuoi?????? Perché quello che fai lo sai solo x pulirti la coscienza???? Se tu davvero mi vuoi bene forse mi faresti vivere + dignitosamente, mi basterebbe solo un tuo abbraccio niente di +. Ho imparato a nascondere di volerti bene, ma in cuor mio ne soffro… Io non ce la faccio + mi hai resa debole ed insicura e cerco nel mio ragazzo tanta di quella protezione anche morbosa, che grazie a Dio lui riesce a darmi. Cerco in lui quello che tu non sei stato capace di darmi. Sto male perché so che questa storia non si risolverà mai….. è un dolore senza fine….. Ti voglio bene…. anche se non so perché….. Non so a chi voglio bene esattamente…. Forse ad uomo che non esiste, ma che non si è mai esposto per sua figlia….. Chissà se in un altra vita mi vorrai…….

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

2 commenti a

Al mio papà così vicino, ma tanto distante

  1. 1
    io_Alex -

    Cara amabile smeralda, essendo cresciuto nella quasi totale assenza della figura paterna da oltre 10 anni, comprendo bene il tuo stato d’animo, il senso di rabbia che ci rende impotenti nel capire perchè siamo stati abbandonati.
    Alla tua età vivevo l’assenza del padre come un disagio catastrico, mi sentivo sbagliato ed ogni qual volta gli amici parlavano del loro papà o semplicemente lo nominavano, mi sentivo in forte imbarazzo, semplicemente perchè io non avevo nulla da raccontare ma sentivo dentro un vuoto che in quelli anni credevo mai sarebbe stato possibile colmare.
    Quel che posso dirti, per esperienza testata sulla mia pelle, è che non è la fine del mondo. La rabbia non passerà mai, ma col tempo riuscirai a sorvolare, a fartene una ragione.
    Avevo 14 anni, lui si innamorò di un’altra donna e ci lasciò nella convinzione che un bonifico bancario mensile avrebbe potuto sostituirlo. Trascorsero anni prima di rifarsi vivo, incontrandoci tuttavia sempre con larga sporadicità. L’ultima volta che l’ho visto o sentito è stato 9 mesi fa e ti dirò, non mi interessa neppure sentirlo, ci ho fatto l’abitudine. Sono cresciuto forte, grazie al cuore immenso di una mamma che mi ha amato quanto 10 padri come lui e nonostante la sua assenza sono riuscito a diventare un uomo stimabile.
    Sono situazioni delicate, ma con il giusto supporto della famiglia, riuscirai a superare questa mancanza.
    Ma ricorda, la famiglia; non buttarti in braccia sconosciute.
    Ti abbraccio.
    i.A.

  2. 2
    _Mya_ -

    Ciao smeralda, la mia storia è un pochino come la tua, ti capisco.
    Molto spesso si arriva a voler bene all’immagine che mettiamo al posto di quella persona, io stessa lo fatto e lo sto facendo con mia madre, una donna irresponsabile che in 15 anni mi ha inflitto più dolore che bene, anche involontariamente. Ho un ragazzo anche io e in lui cerco tutto l’affetto possibile e lui cerca di darmene molto ma mai riesce a darmene abbastanza perchè un ragazzo, un amico non riusciranno mai a colmare tutto il vuoto lasciato da un genitore..io pensa che non so neanche chi sia mio padre, cresco nel dubbio, ogni giorno mi chiedo chi sia stato quell’uomo che si è unito a mia madre ma non trovo risposta. L’unica cosa che so di lui è che ora è sistemato, ha una bella moglie e dei figli più grandi di me che lavorano e gia hanno delle future mogli. Io però un papà ce l’ho, il compagno di mia madre che lui è quello che mi ha dato tutto l’amore possibile ma l’amore di una mamma è insostituibile..tu smeralda devi farti forza e andare avanti..devi stringere i denti e lottare perchè tutto ciò servirà a fornirti un carattere che reggerà tutto, dalla tua storia dovrai ricavarne buone cose come ad esempio essere un genitore migliore per i tuoi figli e dargli tutto l’amore possibile anche quello che non è stato dato a te, devi imparare ad amare le persone e a ricordargli quanto sono importanti giorno dopo giorno..devi permetterti di essere felice! trova la felicità anche nelle piccole cose e vai avanti.
    In bocca al lupo un abbraccio.. 😉

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili