Salta i links e vai al contenuto

Ossessionato da…

Lettere scritte dall'autore  Whyme

Sono un ragazzo di 24 anni, fidanzato da due e con una vita sessuale apparentemente attiva. Dov’é il problema? Sono ossessionato dal sesso,o meglio, credo di esserlo. Non passa giorno che, da solo o in coppia con la mia lei, arrivi al piacere massimo. E se faccio da solo con materiale pornografico annesso. Ma questo non é tutto. Molte volte mi capita di pensare e di domandarmi come sarebbe fare l’amore con una ragazza diversa dalla mia, non perché piu attratto dalle altre, ma per il gusto di scoprire cosa piace alle altre o come esse possano ansimare, e da qui mi domando come sia con una straniera, di un’altra razza ecc ecc. Non prendetemi come un pervertito, non faccio nulla di trasgressivo, ma mi rendo conto che questa mia fissazione per il sesso mi rende spesso infelice e incompleto. Non mi sono mai ritenuto un ragazzo da una botta e via, però forse dovrei iniziare per sentirmi appagato? E preciso che fare l’amore con la mia lei é bellissimo

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Ossessionato da…

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Me Stesso - Sesso

4 commenti

  1. 1
    Angwhy -

    Da non credere,che strana ossessione.pensa che io mi eccito ad andare dal dentista

  2. 2
    Alex -

    Più che un problema di ossessione del sesso io vedo un problema di routine con la tua fidanzata. Probabilmente hai perso quella sensazione di “novità” e la cerchi in altre donne in quanto tutto ciò che concerne la tua ragazza lo conosci fin troppo bene.

    In ogni caso come tutti gli uomini avrai sempre quell’istinto da predatore quando vedi una succulente preda, sta alla tua coscienza decidere cosa fare.

  3. 3
    Rossella -

    Io non riesco a vivere il sesso come un problema perché anche se sono ancora nubile ho avuto modo di crearmi delle certezze che mi rendono spettatrice di un mondo in cui i padroni sono i più potenti. Ma non potenti intesi come uomini di potere. Quando parla di potenti non penso ai leader eletti dal popolo, verso i quali nutro un rispetto illimitato dal momento che rappresentano una maggioranza… mi riferisco a i più forti tra gli uomini. Io non giudico l’uomo che fa sentire in colpa la donna perché ha messo qualche chilo perché la sua sincerità mi fa capire che nell’intimità non saremmo compatibili neanche se io fossi un grissino. A differenza delle femministe accetto la realtà per quello che è… il presidente Berlusconi in una tribuna elettorale su rai due (mi sembra) ha fatto delle affermazioni sulle donne che non mi sono sembrate sconvenienti perché ci sono cose che devo capire prima della prima notte di nozze… Io ho conosciuto non uno, ma almeno due o tre uomini che sono entrati in sintonia con me e mi hanno dato delle sicurezze che non incidono sul desiderio perché mentalmente sarò sempre bloccata. La mia sicurezza di donna dipende dal fatto che ho conosciuto degli uomini che della difesa della persona umana ne fanno una religione (questa è la loro vocazione naturale) e nel momento in cui entro in relazione con loro mi dimentico del mio sesso e mi sento una cosa sola con loro. Questa sintonia non ha sesso.

  4. 4
    Rossella -

    La questione del gender mi sembra abbastanza machiavellica perché ci rende schiavi del nostro orgoglio. Infatti ho notato la loro fatica. In realtà non sono meno forti degli altri. La loro prerogativa è quella di non imporsi. L’amore dal quale scaturisce l’atto sessuale è un’altra cosa (e spero dal profondo del mio cuore che la chiesa possa tornare indietro su tante questioni) e per quanto mi riguarda chiama in causa l’onestà intellettuale del maschio. L’idea di fondo è che non basta trovarsi ad un ragazzo onesto per riuscire a stabilire con lui un intesa che va oltre la sistemazione della vita. E’ chiaro che quando penso alla sistemazione comincio a sentirmi meno donna rispetto ai nostri presunti leader… dico presunti perché io non riesco a viverli come dei miei possibili corteggiatori. E neanche come degli amici… mi sentirei molto più propensa a stabilire con loro un rapporto di tipo fraterno o filiare. Come dire? Non li vedo come i cattivi della situazione. Rispetto la loro posizione. Se fossi un uomo la penserei in maniera completamente diversa… non farei questo genere di distinzioni perché la donna insieme alla sensibilità ha delle qualità che le conferiscono fascino e mistero.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili