Salta i links e vai al contenuto

Nucleare, chi ha la coscienza a posto?

Lettere scritte dall'autore  

Nel seguito riporto il messaggio e-mail che ho scritto al Presidente Prodi e, per conoscenza, al suo portavoce (On. Silvio Sircana), al suo Capo Ufficio stampa (Sandra Zampa), al suo Responsabile Comunicazione del Consiglio dei Ministri (Mariantonietta Colimberti), al Ministro Pecoraro Scanio, al suo Vice Capo di Gabinetto Vicario (Avv. Andrea Falzone), al suo Vice Capo di Gabinetto (Dott. Gaetano Benedetto), al Capo della sua Segreteria Tecnica (Dott. Fabrizio Fabbri) e al capo del suo Ufficio Stampa (Dott. Giovanni Nani).

Sono sicuro che nessuno mi risponderà mai!

Sun, 11 Nov 2007 16:53
Da: “paolo ercolani”
Oggetto: … e siamo convinti di avere la coscienza a posto!

Onorevole Presidente,
Le sarei molto grato se volesse riscontrare o volesse fare riscontrare la presente, mediante la quale Le chiedo alcuni chiarimenti in merito alle scelte energetiche del Suo Governo. Mi riferisco, in particolare, allo sfruttamento dell’Energia Nucleare.

Come noto, il vantaggio del Nucleare è immediato, ma i costi economici verranno pagati dai figli dei figli dei figli dei figli dei nostri figli (intanto, però, la Francia si fa ricca vendendoci la sua energia elettrica, ottenuta con le centrali nucleari, che a lei costa molto meno di quello che a noi costa quella prodotta con il petrolio!).

Come noto, chi al Referendum votò contro il Nucleare, non votò “pro effetto serra”, ma per una società a basso consumo energetico. La realtà attuale, però, non rispecchia quelle aspettative del passato.
L’eliminazione del Nucleare nel nostro Paese ha infatti aumentato le emissioni di CO2 (visto che da almeno 20 anni “siamo legati mani e piedi al petrolio” e che nessuno è capace di rinunciare al benessere conquistato – si veda l’enorme uso ed abuso dei condizionatori d’aria in estate!).

Solo ora si sta pensando seriamente al risparmio, all’aumento dell’efficienza degli impianti e alle
fonti energetiche rinnovabili di tipo innovativo; ma sono talmente minimali, che ne’ il risparmio ne’
l’aumento dell’efficienza ne’ l’uso intensivo dell’energia solare permetteranno di mantenere l’attuale consumo energetico.

Beninteso, sono del tutto d’accordo con quanti affermano che, oggi come oggi, di energia se ne spreca tanta. Ma questo, in Italia, lo pensiamo solo in qualche decina di migliaia di persone. Gli altri, anche la gran parte di coloro che votarono contro il Nucleare senza sapere che non sarebbero stati capaci di fare rinunce, … come la pensano veramente? …. sapranno fare i risparmi necessari? … o lasceranno che il nostro Paese sia sempre a rischio black-out?

Oppure lasciamo spazio alle iniziative “ipocrite” dell’ENEL, evidentemente avallate dal presente Governo Italiano (con tanto di Verdi al suo interno!!), che acquista o realizza le centrali nucleari all’Estero (si veda l’attuale impegno di riconversione di una centrale nucleare di fabbricazione russa, acquistata in Slovacchia).
Così, però, mettiamo la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Infatti le centrali nucleari in Italia non le vediamo ….. e siamo convinti di avere la coscienza a posto!

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate

Continua a leggere lettere della categoria: Mondo - Politica

1 commento

  1. 1
    filippo -

    Era più che ovvio che la strategia del Sistema sarebbe stata quella di ritardare il più possibile la ricerca e lo sviluppo verso le fonti rinnovabili in attesa che fosse l’emergenza petrolio a costringere a ricorrere alle centrali N spacciando per N sicuro ciò che non è sicuro manco per niente, oppure a morir di freddo e al buio.
    Di fronte a un’alternativa del genere, neanche l’ambientalista più convinto avrebbe più nulla da dire, a parte un VAF……… a caratteri cubitali e per quello che potrebbe servire.
    A Erice, un paio di settimane fa, c’è stato il congresso per lo stoccaggio della CO2, ma la cosa è di là da venire, perciò mettiti il cuore in pace e rassegnati a vedere l’orgasmo di Zichichi e la benedizione del Vaticano sull’inevitabile.
    Del resto, Bersani ha o non ha parlato di Nucleare di IV generazione?! è Nucleare di IV generazione, no?! naturalmente nel senso che sopravviveremo per IV generazioni prima della fine! e allora, ci sono almeno 100 anni di tempo!!!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili