Salta i links e vai al contenuto

Non trovo la via…

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti,

Ho 19 anni quasi 20. Quest’anno è stato quello del grande salto all’università, quindi mi sono trasferita a roma, città in cui avevo vissuto già, in cui possedevo già una casa, ma da cui ero scappata a 13 per raggiungere mia madre al sud. I miei genitori si separarono quando io avevo 13 anni, decisi di vivere con mio padre, ma poi sempre per mia volontà mi trasferii da mia madre, lasciando mio padre e mio fratello di 25anni a roma. Non è l’unico fratello che ho, il più grande è morto quando avevo 8 anni. Abitavo a Torino a quei tempi, città dove sono nata, ma dopo la tragedia i miei genitori decisero di trasferirsi a roma, li divorziarono, e io andai a fare il liceo al sud. Ero la ragazza perfetta, con un ragazzo che stravedeva per me, vestiti stupendi, la ragazza più popolare della scuola, una delle più carine, con molte invidie alle spalle ma anche un po’ di amici. Mia madre ebbe una storia con un uomo distinto, una brava persona, che mostrava interesse anche nei miei confronti, nello studio, mi aiutava in tutto, per me era un punto di riferimento. Mia madre però, pur mantenendo la relazione con questa persona, continuava a guardare nel compiter di mio padre, frugando nelle sue cose scoprì che lui chattava(in malo modo)con delle donne. Quel Natale successe un finimondo, mio padre stava malissimo, lo sentivo al telefono, piangeva, mia madre non voleva più saperne niente di lui, e io…. beh io avevo attacchi di panico ogni notte. Non riuscivo a dormire, tremavo, sudavo freddo, mi sentivo morire, ogni sera così, prendevo gocce per calmarmi…poi dopo un anno i miei ritornarono insieme(dopo 5 anni di separazione), mia mamma la stessa estate aveva lasciato il suo uomo, lei dice per altri motivi. Passo l’ultimo anno di liceo con i miei genitori uniti, così sembra. Maturità, estate, si trasferiscono anche loro a roma con me:”per tenere unita la famiglia”. Pochi giorni fa mia madre scopre nel compiuter delle corna avvenute molto tempo fa, si incavola, dice che non ne vuole più sapere ma ke farà finta di niente e aspetterà che mio fratello si laurea, e che io mi sistemo. Passano tre giorni e si rimangia tutto, tornano d’amore e d’accordo. Ma lei…è strana, dice che non sono in grado di stare sola, di fare un passo senza di lei. Avevo chiesto di andare a Sydney ma mi hanno detto che sono piccola, tutti i miei fidanzati passano sotto il loro giudizio, e a mia madre gli vengono i nervi quando sa che vado a casa di un ragazzo, per non parlare di tutte le scenate che mi ha fatto negli anni, sberle tirate a persone che mi facevano il filo(ma che io non calcolavo)chiamate di minacce ai miei vari fidanzati. Apprezzo l’interesse ma secondome, non è vero che non sono io che non so vivere senza di lei, e lei che non sa vivere senza di me, e non mi mette nelle condizioni di vivere autonomamente, ma ho 20 anni!I suoi continui sbalzi di idea, prima ama poi odia mio padre, mi fanno stare male, ora è un problema uscire per me, mi prendono attacchi di panico ovunque, entro in un negozio e mi sento svenire, entro in un pub e mi sento male, e lei dice che sono una mozzarella. ma io penso di avere dei problemi, ho chiesto di farmi aiutare, da uno psicologo, ne ho bisogno, ma non vuole, certe volte mi sento proprio confusa, vorrei uscire da questo senso di chiusura, mi sento una marionetta, non capisco nulla, sono sicura di avere dei problemi(risolvibili). Lei dice che l’unico problema che ho è nel mio cervello, mio padre per non contestarla sta sempre zitto, e io continuo sempre ad aver paura di sentirmi male, ormai non vado più neanche all’università, e svengo sul serio a volte. Mio fratello che ora ha 29 anni non ha mai saputo niente, ne delle corna, ne della storia di mia madre fuori dal matrimonio, mia madre voleva proteggerlo. meglio, non ha sofferto queste schifezze.

Aiutatemi

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso - Salute

6 commenti

  1. 1
    Infinite -

    Ciao Valerym (…Valeria…giusto?), sicuramente quello che accade tra i propri genitori, quando non sono cose belle, non importa che si abbia 3 anni oppure 33…di sicuro ai figli non può fare altro che dispiacere e la vita poi in un modo o nell’altro non fa che riflettere le loro tensioni, i loro nervosismi. Però è chiaro che il cuore, il nocciolo delle loro questioni, non sei ne tu ne i tuoi fratelli ne nessun altro al di fuori delle loro incomprensioni. Quindi, ti potrà sembrare banale, ma ficcatelo bene in testa, NESSUN SENSO DI COLPA DA PARTE TUA, sarebbe inutile e immotivato…
    Per quanto riguarda il tentativo di controllarti, da parte di tua mamma, credo tu abbia proprio ragione… : è chiaro che tu sapresti vivere perfettamente senza le sue attenzioni ed è chiaro che E’ LEI ad avere molto più bisogno di te (e di pensare il contrario…) ma non perchè tua madre è una rompi, è solo perchè lei vede messa in difficoltà l’immagine della propria famiglia, e soprattutto vede un pò svanire il suo ruolo di madre, e forse è proprio comportandosi ragionando per ruoli (il suo ruolo di mamma) nel mezzo delle incomprensioni con suo marito, nonchè tuo papà, che lei si sente più tranquillizzata, esercitando il suo controllo sui suoi figli, e tu che sei la più piccola (anche se hai 20 anni…) probabilmente ti considera sempre come bisognosa ancora delle sue premure e delle sue attenzioni, come se fossi sempre piccola bimba…
    Ti scombussolano i loro continui allontanamenti e riavvicinamenti…ti scombussola non riuscire ad avere una immagine che sia ben chiara in un senso, o in un altro, della tua famiglia…chiaro.
    Io ho 30 anni, sono il più grande, e mia sorella ne ha 17, anche nella mia famiglia è successo qualcosa del genere…cioè del tipo che 11 anni sono trascorsi con mio padre, che si era fatto una amante (che io ho sempre visto come un tegame…più vecchia di lui, più ignorante…non ho mai compreso il motivo di andare a cercarsi un put.t.anon.e…!) ma lui giurava SEMPRE che non era vero, giurava sempre che lui amava solo sua moglie e la sua famiglia…
    Se ricordo bene ho contato almeno 7 giuramenti da parte sua e 7 ritorni a casa…ma almeno 8 sono state le volte che ha mentito…e almeno 8 sono state le volte che lui ha abbandonato la sua famiglia, almeno, il tetto coniugale…perchè ricordati anche che un marito e una moglie possono anche divorziare, ma un padre o una madre, non possono divorziare dai suoi figli. Questo continuo andirivieni, e questo continuo mutare della situazione non fa che creare confusione, ti capisco…però hai 20 anni, il che vuol dire che se senti il bisogno di andare a parlarne con uno psicologo nessuno può impedirtelo, nemmeno tua mamma. E dovresti cercare di fare capire a tua mamma anche che hai voglia di vivere in modo più autonomo, più libero, senza avere bisogno che nessuno ti regga il moccolo. Però cerca di farglielo capire non bruscamente…non farle avere l’impressione che tu voglia voltarle le spalle..

  2. 2
    Infinite -

    …e se a volte il disagio che avverti è così grande…se il panico e l’impressione di svenire ti assalgono, ricordati che sei giovanissima, sei bella, hai un mare di progetti davanti a te da poter realizzare, hai tutte le opportunità di questo mondo, sia nel lavoro che nell’amore…
    Lasciale perdere le gocce, mia madre si riempiva di gocce…ma è sempre stata una donna fragile e di carattere molto inca..zzoso, non si tranquillizzava neanche da lontano! Tranquillizzati, vivendo e gioendo della tua vita, anche se papà e mamma non sono del tutto dei punti di riferimento per te, come unione e armonia, ma sia l’uno che l’altra certamente vogliono tanto e tanto bene a te, non dubitarne mai, e ricambia il loro amore, mostrati sempre tanto affettuosa verso di loro…ma fai ben capire che tu non sei l’alfiere di nessuno, tu sei figlia di entrambi…(a me all’inizio, anni fa, è capitato di fare a pugni con mio padre…e di rompergli il naso…ma non ti dico che rabbia e che dolore avvertivo nel cuore…e fare scenate simili non ha fatto altro che farmi sentire peggio!)

    Coraggio Valeria, vai incontro alla tua vita con tanta ma tanta fiducia in te stessa!

    Ciao!!!

  3. 3
    Cleopatra -

    Ciao Valerym,quando i genitori si separano quelli che ci rimettono sono sempre i figli purtroppo!Sei una ragazza in gamba e si vede che hai sempre portato avanti i tuoi obbiettivi senza mai demoralizzarti,non tutte alla tua età lo fanno,soprattutto in adolescenza e dopo aver vissuto tensioni in famiglia,ora però tutta questa tua forza sta cedendo,è verissimo ciò che dice infinite,sul fatto che sei giovane e che hai una vita davanti a te,però INFINITE lei ha detto chiaramente che non sta bene,ha attacchi di panico ha espresso di andare da uno psicologo,sviene in alcuni momenti,sono sempre stata contraria ai farmaci,però se il sostegno psicologico i genitori non glielo danno e lei non riesce a reagire da sola,una seduta da uno specialista è sempre la cosa migliore,parlare con persone competenti,io Valery ti consiglio di andare da un neurologo o da uno psicologo,ti fai una bella chiacchierata come se stessi parlando con un’amica,gli racconti tutta la tua vita come hai fatto qui’,e gli dici i problemi di salute che hai,attacchi di panico,tremore,il fatto che non riesci a dormire,sicuramente lui ti darà una cura per un breve periodo,e stai tranquilla che piano,piano gli attacchi di panico e le altre cose andranno via,però dammi retta vai a parlare con uno psicologo,e lascia perdere tua madre che sottovaluta questo tuo problema,con la salute non si scherza,magari il medico ti dirà che no ne hai neanche bisogno,però tra il vedere e non vedere vai a farti una bella chiacchierata,poi ritorna qui’ e facci sapere com’è andata,stai tranquilla si risolverà tutto,sei una ragazza forte e intelligente!un abbraccio forte,forte!

  4. 4
    valerym -

    vi ringrazio molto per il vostro iuto,penso che se ho un problema non dovrei fare finta di non averlo.non riesco a stare più di 5 minuti in piedi,che sento il nervosismo salire,e mi gira la testa…grazie a tutti

  5. 5
    Cleopatra -

    Valery,dopo aver letto anche questa ultima frase,confermo ed evidenzio ciò che ho scritto su,vai immediatamente a parlare con uno specialista,non aspettare neanche un minuto!La salute è preziosa,vedi,ammetti tu stessa di non stare bene fisicamente e mentalmente,con attacchi di panico,tremori,svenimenti,mal di testa continuo giornaliero,non riesci a dormire,ansia,sudare freddo ect.non si scherza con queste cose,e se hai bisogno di un aiuto farmaceutico non c’è da vergognarsi,io immaginavo che non potevi farcela da sola,per questo ti ho consigliato di andare da un neurologo,vedrai che è una cosa risolvibile,delle volte sono cure lunghe,ma non è detto,tu vai a farti questa chiacchierata,il massimo che ti darà sarà qualche antidepressivo,ansiolitico per farti distendere un po’,però dammi retta non aspettare ancora,prima parli con uno specialista meglio è!ti abbraccio…

  6. 6
    DAGO44 -

    Ciao Valerym,ascoltami bene,ciò che stai passando ora non è certo un bel momento psicologico,e da quel che leggo,posso anche supporre che il fisico oltre la psiche non se la passi meglio.Lho scritto in un altra lettera,ma ora la scrivo anche a te e ora più che mai ascolta cio che ti dico.Ci sono dei momenti nella vita in cui non sappiamo più chi siamo,ne tanto meno dove andiamo.Vorremmo dire tanti no ai genitori che ci vogliono in un certo modo,che ci spingono verso progetti di studio,o di lavoro,che ci impongono stili di vita che non vogliamo,che non accettiamo.Così malvolentieri,con enormi sforzi psico fisici ci troviamo a camminare su una strada che altri hanno tracciato per noi.Lasciamo per un attimo la situazione famigliare,che per il momento non ti appartiene.Chi sta male ora sei tù,e tu hai bisogno di cure di affetto,che diritto abbia tua madre di vietarti di vedere medici specialistici che ti potrebbero aiutare,solo magari perchè lo trova umiliante? o perchè la gente potrebbe dire?Solitamente i disturbi di ansia,gli attacchi di panico sono spesso legati a un energia che che cerca di prorompere,Dammi retta Valerym,
    fatti aiutare,esistono tanti bravi terapeuti,che lentamente possono accompagnarti a fare scoperte importanti tra cui tè stessa.E tutto cio che oggi ti sembra un enorme macigno che ti soffoca e ti schiaccia,può essere sgretolato.Famm sapere.se hai bisogno sono qui,anche per due parole una lacrima,io ci sonoDAGO44

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili