Salta i links e vai al contenuto

Non riesco a farmene una ragione

Sono una ragazza di 26 anni e scrivo qui perché certe volte, come adesso, ho un disperato bisogno che qualcuno mi aiuti a capire…
Sono stata insieme ad un ragazzo per 5 anni. È stata la mia prima storia, la mia prima volta e lo stesso è stato per lui.. La mia storia è finita 3 anni fa per mio volere.. o meglio sono stata la “più coraggiosa” tra i due a metterci una pietra sopra per non soffrire più.. Dopo tanti anni insieme le cose non andavano più bene, io avevo esaurito le mie forze per andare avanti.. sono stati anni intensi, ho amato molto questa persona, mi sono dedicata a lui con tutta l’anima, mi sono annullata, sono diventata tutto ciò che lui voleva.. dal canto suo invece, è sempre rimasto una persona fondamentalmente eccentrica, egoista e poco generosa nei miei confronti, mai disposta a scendere a compromessi per rendermi felice.. in fondo io non chiedevo molto, solo di uscire con le mie amiche ogni tanto, o di fare tante piccole esperienze con lui.. ero giovane, piccola e avevo voglia di “crescere” e lui invece arroccato nella sua torre d’avorio, troppo sordo per ascoltarmi o sentire la mia voce, troppo cieco per vedermi soffrire..
In 5 anni ha finito per rinchiudermi sotto una campana di vetro, troppo possessivo, geloso.. non c’era niente che io potessi fare senza di lui e se qualche volta gli chiedevo di fare qualcosa che piacesse a me, non c’erano versi, si faceva solo ciò che lui voleva.. Io che avevo sempre sognato di condividere tutto con lui.. mi sono sempre sentita sminuita e qualche volta anche umiliata, toccata nel profondo da chi credevo essere mio complice.. ed è così che ho cominciato a vederlo come un nemico, non più il mio complice, il mio amante, il mio migliore amico, ma solo uno che mi metteva i bastoni fra le ruote perché troppo “superficiale” (sue parole) in ciò che pensavo e facevo..
Ho cominciato a vederlo come un nemico.. io avevo i miei sogni, troppo stupidi per lui.. ma non riuscivo a sganciarmi da tutto questo.. in fondo lo amavo e volevo solo che mi prendesse per mano e mi seguisse.. invece no.. sempre e solo per la sua strada… così tra le sofferenze più atroci ho deciso di dire basta.. basta perché avevo troppa voglia di vivere.. Abbiamo sofferto entrambi, ma io ero pronta ad andare via.. avevo voglia di qualcuno che mi accettasse così com’ero, anche nella mia imperfezione.. Mi sono innamorata di un’altra persona con la quale sto tutt’ora.. è una persona speciale.. mi ha saputo tirare fuori tutta la forza e la bellezza che possedevo, mi ha affidato il suo cuore e prendendomi per mano è come si mi avesse detto “ti seguirò ovunque”.. mi ha tirato fuori da miei brutti momenti, dalle mie cadute, dalle mie crisi e mi è sempre restato vicino… ma dopo tanti anni io sto ancora qui a pensare al mio ex, sospesa tra il disprezzo e non so cosa, facendomi ogni giorno mille domande sul perché sia finita, cosa ho sbagliato.. a sentirmi in colpa per essermi innamorata di un altro e scacciandolo dalla mia vita.. ma io l’ho fatto per difendermi.. perché ero continuamente schiacciata dalla sua presunzione..
Ogni giorno della mia esistenza mi autoconvinco che è stato giusto così.. ma non riesco a lasciarlo completamente andare via… a volte sono furiosa con lui che è stato così sordo nei miei confronti e vorrei cercarlo per urlargli contro tutto quello che ho dentro, ma poi mi rendo conto che non è giusto, che ho preso una decisione, e che l’amore è giusto regalarlo a chi sa apprezzarlo..

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

25 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Sergio -

    l’hai lasciato, dici di amare un altro…

    forse ti sei resa conto che ciò che era tuo, con pur i suoi difetti, ora non lo è più?

  2. 2
    Ariel -

    Non hai scritto tutto quello che pensi del tuo ex.
    C’è ancora qualche legame che ti è oscuro alla coscienza. Trovati qualche attimo per riflettere su cosa ti lega ancora a lui. Analizza ogni minimo pensiero riguardo a lui e cerca di capire cosa ti spingerebbe ad andare da lui a spiegargli dove ha sbagliato.
    Non ha senso comunque andare da lui a spiegare cose e cose. Se non ha capito cosa provavi dentro quando eravate insieme non lo capirà nemmeno adesso.

  3. 3
    melusina83 -

    Ciao..grazie delle risposte..
    Non so cos’è che ancora mi lega a lui, non riesco a capirlo..forse è quel senso di protezione che avevo nei suoi confronti, quella voglia di salvarlo dalle sue debolezze, dai suoi tormenti..avevo la sindrome della crocerossina..lui ha insediato dentro di me questa idea, l’idea che tutto dipendesse da me..per questo il mio amore non era mai abbastanza, dovevo sempre dimostrare..fare attenzione a tutto..ero esausta..come alcune persone mi hanno detto, lui era il mio carnefice e io mi sono innamorata di lui..Quando ho queste cadute improvvise,per riprendermi, cerco di analizzare a fondo il tutto e tra le mille domande che mi pongo c’è anche quella: ci torneresti insieme a questa persona? E la risposta è No. No perchè oggi sono una persona migliore,più equilibrata, indipendente e meno tormentata e questo grazie alle mie scelte,alla persona che ho accanto. Forse andrei da lui solo per fargli vedere che sono cambiata, che non dipendo più da lui, che sono forte..ma perchè ho questo desiderio? Il desiderio che lui mi veda e capisca di aver perso tanto…o forse sono ancorata a quell’idea di amore perfetto che mi ero creata..

  4. 4
    Bruno -

    molto bella l’ultima frase, te l’ho rubata e l’ho messa su facebook, hai proprio ragione, e che l’amore è giusto regalarlo a chi sa apprezzarlo..

    in bocca al lupo ciao

  5. 5
    andy -

    Mi viene lo schifo.
    Io so solo questo.
    “atrocità..”.. Ma pensa te.
    Ma vi farei vivere un pochino in palestina, in congo..
    Peraltro ho vissuto la parte del “bravo ragazzo”.. E sol dopo mi è stato chiaro di aver fatto il principe con una come te, in famiglia pure.
    Quando.. L’ex è tornato all’attacco dopo ben 4 anni!
    Una cosa vorrei fare.
    Una.
    Aver tutti i numeri di telefono delle persone ke usate e qui sopra sputtanate.
    E far legger loro le vostre skifose parole, ricche di finto-buonismo, carike di ipocrisia totale, voi, le vere voi, ki siete davvero, nn quelle maschere ke indossate quando parlate a dei poveracci come il tuo “scrocco-fidanzato-convenienza”, fiero di te, mentre tu pensi al tuo ex ke hai mollato, ke tu hai fatto soffrire con le solite scuse.
    Perkè se davvero ti avesse trattato male, come avresti potuto anke solo pensarlo dopo 3 anni e mentre stai con un altro!!
    Ma è allucinante.
    È allucinante: anke io ho patito questo, mentro indagavo e mi veniva persin negato.
    È ski-fo-so.
    Voi nn sapete cosa sono i sacrifici.
    Le famiglie si sfascian perkè siete solo delle viziate.
    E bisogna ke finalmente ci si arroghi la forza di dir le cose come stanno!
    Basta co sti buonismi, figuriamoci col consolarvi!
    Uomini tiriam fuori le palleee!!
    Bastaaaa!!!
    Bisognerebbe fare una legge dove ki sta più di due anni con una persona e nn subisce violenza fisica, non può lasciare se nn consenzialmente il partner.
    Altro ke divorzi.
    Bisogna avere le palle nella vita.
    Nn lasciare un uomo solo perkè ci son gli altri ke fan la fila.
    Lasciarlo cioè per pura convenienza (ke tanto questo è, a me non la date a bere) con le solite pseudo-ridicole-scuse da bambine dell’asilo.
    Dopo aver conosciuto bene una persona, nn avete il diritto di lasciarla.. Ci pensavate prima!
    È troppo facile così e ci van di sotto quasi sempre gli uomini ke la fila se la devon creare e nn l’avranno mai come quella delle donne ke devon sol dire: “si, ci sto”.
    Ma dov’è la parità?!?!
    E fan pure lo stalking!

  6. 6
    melusina83 -

    Andy mi dispiace per quello che hai vissuto e credo ancora stai vivendo, ma mi dispiace ancor di più che tu possa pensare e scrivere certe cose..”atrocità”..forse avrò esagerato se confronto il mio vissuto con altre realtà come dici tu, ma io ho scritto qui per provare a capire determinati stadi d’animo..a tutti può capitare di “cadere” e non per questo stiamo usando o sputtanando qualcuno..perchè non sai quello che io ho dato e quello che io do..
    Parli di convenienza..è una parola che davvero non può essere usata per la mia storia..
    Ciao

  7. 7
    andy -

    e cosa vuoi che sia quello che dai in confronto all’assurdo che hai scritto?
    e che è sta cosa che capita a tutti?
    ancora?
    perchè a me e a sergio non capita?
    chissà come mai ci sono donne che mi vengono dietro e NON CEDO alla solitudine, sapendo prima di cominciare, che non hanno i requisiti che cerco e le prenderei solo in giro?
    se vogliono fare sesso si accomodino.
    ma siete talmente ipocrite che per fidanzarvi è un sì, per fare sesso no.. “io sono una ragazza seria”.
    poi vanno in disco e ci stanno col figo.
    vi conoscoooooo mascherineee
    chissà come mai ho le palle e pur di non far soffrire un’altra persona, le dico PRIMA che non posso darle quello che vuole, invece di FAR FINTA DI NULLA per non sentirmi solo, rimpiangere le mie ex e farmi TRAGHETTARE per un periodo verso chi mi piace DAVVERO, per poi lasciare la poveraccia, inconsapevole di tutto, senza pietà?
    io non parlo a caso, so quello che dico, ho l’esperienza per parlare.
    le tue parole sono tipiche, inconfondibili per quanto mi riguarda.
    e tutto quello che hai dato e dai al “tuo ragazzo” se ne va con quello che hai scritto.
    sai che bello se lui andasse in un forum di estranei e scrivesse esattamente quello che hai scritto tu, ma la vittima fossi tu..
    mettiti nella situazione al contrario dai..
    anzi perkè nn gli fai leggere questa lettera al tipo con cui stai?
    dai su un pò di palle.
    poi ne riparliamo.
    ps: io non so chi sei, dove sei, come sei.
    ma ti dico ke se il tuo ex cominciasse a romperti le scatole per un mese o due, faresti in modo di rovinare tutto il tuo attuale rapporto con i soliti finti litigi, organizzati dall’inconscio.
    altro che “non lo rivoglio”.
    per poi magari toglierti lo sfizio, ritornare indietro.. insomma i soliti teatrini ke solo pochi anni fa.. mamma mia non oso pensarci.
    tutto ciò ancora non avviene, perchè il tuo ex chissà dov’è.
    ma come si può stare assieme così?
    uomini rifletteteeee.
    chissà quante situazioni analoghe esistono.
    intrise di convenienza spicciola.
    aiutooo

  8. 8
    Ariel -

    @ andy:
    Molte cose del genere accadono per colpa della mancanza di comunicazione e di comprensione.

  9. 9
    melusina83 -

    ..perchè non è così semplice non cedere alla solitudine!Perchè a volte ci si aggrappa con tutte le forze a qualcuno! Perchè a volte non è facile dare un nome ai propri sentimenti!Perchè a volte non riesci ad essere forte! Perchè sei inesperto e insicuro e giovane e come dice Ariel, manca la comunicazione e la comprensione! Non è tutto così come dici tu…Io ogni giorno provo a scaccciare certi ricordi e se non ci riesco non è colpa mia!

  10. 10
    Toxicity21 -

    Sono rimasta, per un attimo, senza parole perchè nel mentre leggevo la tua storia ho rivisto me stessa, le mie lotte d’amore, il mio essermi annullata, i miei sacrifici, l’indifferenza e l’egoismo del mio ex. Ho rivisto tutto ciò che è appartenuto anche a me e mi son sentita male perchè mi son detta: “Cazzo, se lei pensa ancora al suo ex dopo tre anni, nonostante stia con un’altra persona, succederà la stessa cosa anche a me?”. La tua storia è molto simile alla mia (l’unica differenza consiste nel fatto che da quando ho lasciato il mio ex non sono più riuscita a stare con qualcuno perchè non avrebbe senso e mentirei a me stessa) e forse posso capirti più di chiunque altro (se ti va di leggere la mia storia, il titolo è “Amo una persona con la quale so che che è impossibile stare”).
    Credo che tu abbia la voglia di urlargli la tua rabbia perchè hai donato tutta te stessa ad una persona che non ha saputo apprezzare la tua persona e ciò che riuscivi a donargli e perchè forse non hai ancora accettato il fatto che questa persona fosse troppo vuota per riuscire a ricevere il tuo amore. Hai creduto in quel rapporto, annullandoti, perchè non ti amavi abbastanza e non riuscivi a trovare il tuo equilibrio personale, senza metterti in secondo piano. Ed ora stai con questa persona. Voglio dirti questo: io non credo che sia una vergogna ciò che senti nei confronti del tuo ex ragazzo perchè credo che nessuna sensazione, nella vita, debba farti vergognare. Le sensazioni sono lo specchio della nostra anima ed è giusto ascoltarle, ma ciò che vorrei domandarti è: ami il tuo attuale ragazzo? Se la risposta è no perchè senti di provare un grande affetto, ma non AMORE, è giusto che tu faccia chiarezza in te stessa ed è giusto sia per te che per il tuo attuale ragazzo perchè se provi ancora dei sentimenti per il tuo ex, è bene che tu stia da sola e che ritrovi la tua vera strada. Non devi nè accontentarti, nè devi far soffrire una persona che ti vuole tanto bene e che ti ha aiutata nei

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili