Salta i links e vai al contenuto

Non ho amici, a me basterebbe anche uno solo

Ciao a tutti, sono un ragazzo di 17 anni che non ha mai avuto amici. Da piccolo, a causa della separazione dei miei genitori, mi sono ritrovato a fare ogni anno delle elementari in una città diversa. Alla fine, sono stato “dato” ai miei nonni, nella città in cui vivo tuttora. Aggiungo che a”casa”si litiga di continuo, si vive nella menzogna, mia nonna si lamenta di ogni cosa e mia sorella, non avendo nessuno che le impedisca di fare ciò che vuole, risponde male, sta attaccata sempre al telefonino, non va a scuola, non aiuta, ecc. Anche essendo molto più piccola di me. Le medie sono state un incubo, compreso il primo superiore,  venivo sempre presto in giro e non riuscivo a ribattere, (alle superiori anche fisicamente) e fu allora che diventati dipendente dal computer, là avevo tutto gli amici che volevo. Tornano da scuola e accendevo il computer. Rimasi ossessionato dal computer fino a mesi fa. Dal 2 in poi, cambiai scuola e mi ritrovai in una classe senza bulli. Adesso frequento il 5 e non ho amici, ogni giorno lo passo chiuso in casa a eccezione di alcuni giorni in cui vado in palestra. Ho provato, e provo sempre a farmi amici, ma non funziona niente. Mi sento anche inutile, non so fare niente,negli sport faccio schifo,  pure nel disegno che io adoro, lascio a desiderare. Oggi ad esempio, due compagne, mi hanno detto in modo costruttivo, che sto male fisicamente, non ci azzecco mai un taglio decente, vesto male, e che non sono come gli altri ragazzi che sono “stronzi”. Anche se l’hanno detto in modo gentile e costruttivo, mi sono sentito distrutto. Come per ogni cosa. Ogni minima critica mi distrugge ma non capisco il motivo, ho vissuto così tante cose che ormai, tutto mi dovrebbe scivolare addosso eppure non é così. Non capisco perché cos’è del genere mi facciano malissimo. Comunque, vorrei avere degli amici, qualcuno con cui parlare o confidarmi, ho provato con i compagni di classe, abitano tutti in paesi diversi e hanno le loro comitive. Chissà cosa si prova ad uscire con un gruppo di amici… Ma a me basterebbe anche uno solo. Sono anche timido, però cerco sempre di affrontare le cose che mi fanno paura, anche se per gli altri possono sembrare ridicole. Eppure voglio farmi degli amici, come posso fare? Non conosco nessuno, non so da dove incominciare, non so cosa dovrei fare e soprattutto dove cercarli; mica posso andare in giro e chiedere alla prima persona che mi capita : “ciao, vuoi diventare mio amico?” Se avete dei consigli, rimprovero, altro, finché sono costruttivi li accetto, voglio migliorare, cambiare, ma non so come fare; chiedo il vostro aiuto.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Me Stesso

8 commenti

  1. 1
    Rossella -

    Io ti consiglio di continuare a credere nella vera amicizia perché esiste. Allo stesso tempo vanno rispettate anche le persone che si chiudono in difesa di un interesse anche quando non c’è niente da difendere. Io accetto tutto, ma francamente non riesco a tirare avanti (magari con una pacca sulla spalla) quando mi rendo conto che l’altro non mi ha dato la giusta considerazione. Buon per lui. Mi sembra un rapporto sbilanciato, fondato su sentimenti ancestrali quali la vergogna, l’imbarazzo e il senso di colpa. Sentimenti che mi rendono suddita di una personalità che di fatto mi priva del dominio che cerco di avere su me stessa. Della mia libertà. Allora io non sono “quella che…” No. Parlo del presente. Adesso sono una donna. Non voglio abbassare lo sguardo davanti ad un uomo. Il discorso cambia quando dal principio si mantengono quelle distanze che sono il sale di un rapporto civile tra persone che si sentono parte di una grande famiglia. Quando si passa il segno la partecipazione per forza di cose deve essere totale. E qui abbiamo persone che non hanno vissuto il matrimonio o l’appartenenza ad un partito come un ostacolo. Nel bene e nel male si sono messe in discussione e mi hanno dato la possibilità di comunicare con loro… il mio istinto mi dice che possiamo guardarci negli occhi e magari scambiarci il saluto perché non mi sento in dovere (davanti a Dio) di arrampicarmi sugli specchi per conservare un briciolo di dignità.

  2. 2
    unknow91 -

    L’amicizia non esiste più cresci e più te ne renderai conto la fuori sei tu e il mondo, comunque i consigli sono sempre quelli volontariato, sport, circoli, corsi (cucina, fotografia, ecc…)

  3. 3
    Cuore -

    Eddai! Ma non vi abbattete così! Provate e basta, prima o dopo, anche per una questione statistica, -probabilmente- riuscirete! Su con la vita!

  4. 4
    cami -

    Frequenta un posto abitualmente e prova a scambiare due parole con chi c’è e frequenta quello stesso posto. Due parole oggi, due parole domani e così approfondisci la conoscenza. Forse la palestra non è frequentata da gente con cui ti senti in sintonia. Hai provato col volontariato? Potrebbe aiutarti a conoscere persone buone. O l’azione cattolica se può interessarti, sono posti di aggregazione. Lascia perdere i tuoi nonni se non ti fanno star bene, nel senso ignora le lamentele. Tua sorella avrebbe bisogno di una guida, cosa che le manca per via della separazione dei tuoi, infatti sono loro che devono guidarla, i tuoi, prova a parlar con loro e diglielo che devono essere presenti nelle vostre vite. Tu sei un po’ più grande di lei e anche vedo più forte da badare a te stesso, rispetto a lei, da capire cosa è giusto e sbagliato, per lei invece è più necessario l’aiuto dei tuoi genitori.
    Riguardo le tue compagne che ti hanno criticato il look lasciale perdere, già da questo dimostrano di essere superficiali e badare troppo alle apparenze, e avranno sempre problemi nella vita, saranno infelici perché non sanno cosa conta di più, cioè come si è dentro. Secondo me sei un ragazzo in gamba, si capisce da quello che racconti. Quello che hai vissuto purtroppo è stata una conseguenza degli sbagli dei tuoi, che ti hanno privato di una guida e di punti di riferimento, ma tu sei riuscito a crescere bene lo stesso, si capisce da cosa scrivi, perché scrivi cose giuste. Per esempio…

  5. 5
    cami -

    affronti le tue paure è indice di grande maturità, coraggio e forza interiore. Tu farai strada, perché sei intelligente e hai imparato ad affrontare le difficoltà, sii sereno. Solo una cosa però: leggi molti libri, di tutti i tipi, quelli che vuoi, sia perché i libri danno grandi insegnamenti di vita, sia perché devi migliorare il tuo italiano scritto (e forse anche parlato), è importante per il tuo futuro lavorativo. Ciao! Stai sereno farai grandi cose, ne hai tutte le capacità.

  6. 6
    Max1983 -

    Vai a fare il volontario alla croce rossa o cose simili li dovresti trovare gente della tua età oppure prendi la moto e iscriviti al motoclub poi dipende dal posto dove abiti. Oppure vai ai viaggi organizzati per single sai come ti diverti . Un metodo per trovare amici e amiche è pure fare pena, basta che ti lamenti con qualche post su Facebook fai pena a qualcuno e vedrai che ti cercano 😀

  7. 7
    Yog -

    Nel tuo caso la narda è sconsigliabile e addirittura vietata, perciò non so che dire. Però, però… dato che sei bravo al computer, partecipa a un meet up delle Local Guides di Google, basta abitare vicino a uno scalo aereo perché quelli divertenti li fanno a Dubai.

  8. 8
    SR90 -

    Ciao, è passato un po’ di tempo da quando hai scritto questa lettera di sfogo e spero che nel frattempo sono cambiate le cose, anche solo di poco ma in meglio. Ho qualche anno in più di te e nella vita ho conosciuto sia la solitudine totale che il piacere di avere delle amicizie e una comitiva. Ora sto vivendo un momento difficile perché sto scoprendo che la maggior parte delle persone che frequentavo non hanno il senso della vera amicizia e in un mio momento di difficoltà sono spariti. Ti vorrei dire che non è strano che le critiche ti facciano ancora male. Però se notiamo che si può migliorare qualcosa di noi, possiamo usare le osservazioni degli altri come sproni a cambiare (senza ovviamente stravolgere la nostra persona). Mi dispiace per tutta la sofferenza che hai subito finora, però sei giovane e la vita sta iniziando solo ora. Possono cambiare così tante cose e puoi vivere molte esperienze nuove. Ti auguro il meglio e pregherò per te.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili