Salta i links e vai al contenuto

Non è cambiato nulla (2)

Lettere scritte dall'autore  sicily

Buonasera sono Sicily di Busto Arsizio e’ da molto tempo che non vi scrivo, il motivo e’ perché ormai mi sono arreso. Non riesco piu’ a trovare un lavoro nonostante i numerosi curriculum presentati e i diversi colloqui di selezione che alla fine vieni scartato. Ho 49 anni ho lavorato sempre nel settore tinto stamperia e gli ultimi anni nel settore gomma plastica come operaio e non mi sento per niente vecchio ma sfortunatamente per il mondo del lavoro non e’ cosi. mi sono iscritto in tante agenzie di lavoro mi sono candidato per diverse mansione anche avendo i requisiti ma nulla di che, ancora dopo tre anni di disoccupazione a parte un paio di contratti della durata di un mese il nulla. Per essere sinceri ho avuto anche delle raccomandazioni ma non sono valse a nulla tante promesse ma niente di concreto, anche se vuoi lavorare in nero cosa non del tutto legale, non ti prende nessuno perché la gente ha paura nonostante conosce bene la tua situazione familiare. Qualcuno molto probabilmente non ci crede ma quelli che non credono sono quelli che hanno un lavoro e quindi non hanno nessuna necessita’ di cercarlo, ma vi assicuro che e’ proprio cosi e quindi alla fine sei costretto ad arrenderti. Io adesso sono arrivato all’ultimo stato quello in cui diventi di pietra nel senso, che non avendo piu’ lacrime dopo averne versate tante, aspetti la condanna a morte. La mia casa ormai e’ pignorata dal condominio, le due finanziarie anche loro dopo le continue telefonate e visite a domicilio al momento si sono calmate, il mutuo ce l’ho bloccato fino al mese di marzo, la bolletta della luce e del gas al momento me la paga la Caritas mentre per il cibo una volta la settimana la San Vincenzo ci da una borsa di alimenti che durano un giorno perché siamo in 4 io mia moglie disoccupata, mio figlio di 20 anni disoccupato e mia figlia di 15 anni che studia. Dobbiamo ringraziare tanto la Caritas della parrocchia di San Michele e al San Vincenzo che al momento anche se non e’ tanto ci sostengono ma soprattutto dobbiamo ringraziare qualche conoscente che ogni tanto ci fa la spesa di carne o qualche altro alimento che la San Vincenzo non ci fornisce. Noi viviamo solo di carita’ e in una casa dove non e’ piu’ la nostra quindi penso che potete immaginare il nostro stato d’animo. Avevamo proprio nostro un mezzo per poter andare a lavorare o per la necessita’ della famiglia ma adesso non ce l’abbiamo piu’ anche se era vecchia era la nostra la usavamo poco perché non avevo i soldi della benzina ma ce l’avevamo, adesso siamo senza soldi e senza macchina usiamo la bici e pure in prestito perché tempo fa ce le hanno rubato sotto casa. Comunque la mia storia l’ho gia’ raccontata in altre lettere precedenti e speravo che qualcuno ci potesse aiutare specialmente qualche persona di Busto Arsizio e limitrofi che ci offrisse un lavoro a me e a mio figlio perché e’ brutto vivere cosi, se non faccio qualche fesseria e’ solo per la mia famiglia altrimenti l’avrei gia’ fatto. questa e’ la mia mail faso.64@hotmail.it e che Dio e gli uomini ci aiutino.

UN saluto a tutti i lettori

Giacomo Fasone.

L'autore ha scritto 33 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Non è cambiato nulla (2)

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Me Stesso

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Angelo -

    Posso solo dirti che ho appena tetminato di leggere la tua lettera e sto piangendo. Ho anch’ io moglie e figli, capisco bene. Abito in una zona d’Italia distante dalla vostra e comunque non ho un lavoro da darvi. Prego Dio per voi e spero che si aprano delle possibilita.’ Un saluto alla tua famiglia.

  2. 2
    selvatika -

    Prova all’estero, in Svizzera o Germania, molti hanno trovato fortuna lì.

  3. 3
    asia -

    Ho le lacrime agli occhi leggendo questa lettera. Ho letto anche le precedenti. Leggo la disperazione e rassegnazione di un padre.
    Io sono poco più grande di suo figlio, e dopo un’immensa fatica,per il momento lavoro,anche se non so quanto durerà.
    Mio padre, che ha sempre fatto sacrifici per noi, per non farci mai mancar nulla,si è trovato senza lavoro a 50 anni, e ho letto la stessa rassegnazione e disperazione nei suoi occhi.
    Sono molto solidale con lei, e sento di dare un consiglio a suo figlio. Deve insistere e non arrendersi. Lavorare in un fast food, in un bar,in un call center, purché entri nel mondo del lavoro. E’ un consiglio piuttosto banale forse, ma se comincia a bussare a tutte le porte degli annunci, qualcosa uscirà fuori, anche se non qualcosa di ottimo. Se ha capacità relazionali, un lavoro per iniziare potrebbe essere il dialogatore. Essendo la retribuzione spesso in base ai risultati, è un lavoro che si trova facilmente. Pochi poi riescono effettivamente ad andare avanti ma, per dare una speranza a suo figlio, per mantenerlo attivo mentalmente, per non farlo arrendere, crdo vada bene tutto. Quando si tocca il fondo, basta poco per ricominciare a sperare.

  4. 4
    sicily -

    Buongiorno! sono Sicily di Busto Arsizio ringrazio i lettori della mia lettera ( NON E’ CAMBIATO NULLA ). Sono molto felice dei vostri commenti e della vostra solidarieta’ e commozione per la nostra situazione anche andare all’estero non e’ molto facile devi avere degli appoggi e anche delle disponibilita’ che io non ho sarebbe un idea solamente se fossi piu’ giovane ma a 50 e dura a ricominciare. Per quanto riguarda mio figlio sarei molto felice se trovasse un lavoro in un fast food, in un bar o call center ma nonostante abbia fatto dei colloqui di selezione andati positivi non e’stato chiamato, adesso senza nulla togliere alle donne, tanto di cappello per le loro capacita’, sono privilegite rispetto agli uomini. Io lo so che la mia lettera commuove tante persone e soprattutto tanti padri di famiglia che vivono o hanno vissuto questa mia realta’ ma credetemi che e’ veramente un incubo dal quale chiunque vorrebbe sfuggire. Il mio pensiero immenso va a mia moglie che ha perso la sua femminilita’ e ai miei figli che si svegliano non piu’ con il sorriso che avevano una volta. Io ringrazio tutti di cuore tutte le persone a me solidali e chiunque volesse veramente aiutarci gli ne saremo molto grati. Sia fatta la volontà di DIO e degli uomini.

    Un saluto a tutti.

    Giacomo Fasone

  5. 5
    selvatika -

    certo non è così semplice andare all’estero, però da Busto Arsizio sei a due passi dalla Svizzera! prova a mandare il tuo curriculum (e di tuo figlio) all’Adecco di Chiasso

  6. 6
    sicily -

    Ciao! Selvatika tu hai ragione ma sinceramente ti devo confidare, anche se un po’ mi vergogno, che oltre ad essere senza un mezzo proprio non abbiamo neanche i soldi per affrontare uno spostamento per andare da Busto A. a Castano Primo luogo nel quale si trova una sorella di mia madre che con la sua piccola pensione ci da qualcosa per mangiare. Se hai letto le le lettere precedenti, capirai la nostra la reale situazione in cui ci troviamo, non abbiamo piu’ nulla, solo internet che per la meta’ ce lo paga la Vodafone e l’atra meta’ la Caritas perché serve a mia figlia per studiare. Amica mia senza soldi purtroppo non si puo’ fare nulla, sono loro che muovono i fili. Tu lo sai quante porte ci hanno sbattuto in faccia e quante umiliazioni subite da gente che quando stavamo bene ci erano attorno, se non fossi andato in chiesa, cosa che all’inizio mi e’stata difficile, saremmo gia’ senza luce, senza gas e senza mangiare. Purtroppo la mala sorte ci perseguita e speriamo in Dio che che le cose cambino se no Addio.

  7. 7
    selvatika -

    Mi spiace molto, però guarda hai solo 49 anni, non buttarti giù, sono convinta che hai ancora molto da dare. Mi rendo conto che senza soldi non si possono fare neanche le cose più elementari, cmq tu prova a mandare lo stesso il tuo curriculum via email, non sai mai cosa può accadere. Spero davvero che tu e la tua famiglia possiate superare questo momento difficile.

  8. 8
    sicily -

    Ciao Selvatica ti ringrazio tanto per le tue parole di conforto, io accetto sempre tutti i consigli positivi che le persone mi danno e faro’ cosi anche con te. A 49 anni non si vecchi ma quando si trovi cosi si diventa vecchi dentro.Spero davvero che per la mia famiglia si possa aprire uno spiraglio di luce dopo questo buio di tristezza.

  9. 9
    selvatika -

    Perchè subentra la depressione che fa vedere tutto nero, i lati negativi di ogni situazione, però obiettivamente a 49 anni sei giovane! Devi assolutamente contrastare i pensieri negativi, non è facile nessuno lo nega, focalizzati su quello che è in tuo potere di fare e fallo con tutte le tue forze..Non ti arrendere, tutti combattono per qualcosa nella vita..vinci la tua battaglia.

  10. 10
    Sicily -

    Ciao selvatika tu lo sai che a tre anni che combatto questa battaglia e come dici tu il nemico da combattere e’ la depressione, ma quando ti disarmano cosa puoi fare? o ti arrendi o muori in battaglia. Io mi sento giovane a 49 anni ma l’enorme perso che ho sulle spalle mi ha fatto invecchiare. Per noi ci vuole per prima cosa un lavoro e poi qualcuno, qualche benefattore che ci aiuti a liberarci dalla ragnatela dei debiti. Al momento noi siamo nella morsa del ragno, che non aspetta altro che divorarci. Io mi metto nelle mani di Dio, sia fatta la sua volonta’.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili