Salta i links e vai al contenuto

Nata sotto una cattiva stella o con con un’anima tormentata

Non so perché mi trovo a scrivere qui, ormai non so quasi niente di me, so che ho quasi 17 anni e che mi sento tremendamente insoddisfatta della mia vita, e anche sola. Da bambina sono sempre stata un po’ timida, timidezza probabilmente dovuta alle mie insicurezze, quasi inconsce, soprattutto sul mio aspetto fisico, ma nonostante ciò ero una bimba felice. Non ho mai avuto difficoltà a fare amicizia ma semplicemente avevo bisogno di un po’ più di tempo, volevo capire se fossero le persone giuste per me e, una volta superato questo momento ero una bambina molto socievole. Crescendo e iniziando la scuola superiore ho incontrato sempre meno amici o semplicemente gente con cui ci fosse una buona sintonia, anzi direi che potrei definire il mio primo anno di superiori come una vera e propria lotta con gli altri ma soprattutto verso me stessa. Questo fu dovuto tutto al fatto che una parte della mia classe parlava male di me, in parte per il mio aspetto fisico che non era dei migliori e anche per il mio carattere “polemico” che è venuto a crearsi sempre peggio in quel periodo. Nel corso di questi anni mi porto dietro un po’aio di amiche che non so se definire tali, per una esisto solo quando pare a lei e per le altre non fanno altro che parlare dei loro problemi (sono un’ottima ascoltatrice, ma credetemi, è veramente troppo) e non facciamo quasi mai niente di quello che dovrebbero fare le ragazze della nostra età, facciamo sempre le stesse cose, non sono una ragazza da discoteca o robe del genere ma mi piacerebbe fare qualcosa di diverso e inoltre sono anni che non esco con altra gente, siamo sempre e solo noi e questo rapporto sta diventando davvero insopportabile. Più andiamo avanti più capisco che non sono persone con cui vorrei stare, e quindi quelle pochissime cose che facciamo le facciamo con cattiva voglia. Conosco altre ragazze ma ognuna di loro ha un “gruppo” di appartenenza con cui esce e io ammetto di non essere così sfrontata da riuscirmi a inserire anche se sono molto socievole. Ammetto di essere ipocrita, perché se potessi lascerei queste mie “amiche” ma anche se non voglio ammetterlo ho paura di rimanere sola. Per non parlare dei ragazzi, a 17 anni non ne ho mai baciato uno, neanche un bacio a stampo o sulla guancia, niente di niente, e ho anche pochissime amicizie maschili. Nel frattempo ho imparato a essere più sicura di me e crescendo sono migliorata (anche fisicamente, tanto che alcuni che non mi vedono da tanto fanno fatica a riconoscermi) e quest’anno scolastico che è appena passato è andato decisamente meglio, ho frequentato una nuova classe e mi sono trovata molto bene ma purtroppo la scuola che frequento è lontana dal mio paese e non ho possibilità di svagarmi con queste persone anche quando non sono a scuola. Insomma, è la prima estate che vorrei tornare a scuola! E la ciliegina sulla torna è la mia situazione familiare, so che mia madre e mio padre mi vogliono bene e nonostante tutto posso ritenermi fortunata ma purtroppo in casa ultimamente è sempre peggio. Con mia sorella ho un pessimo rapporto, mi ignora totalmente (lei è parecchio più grande di me) e da quando sono piccola lei e mia madre non fanno che litigare anche violentemente (soprattutto negli ultimi tempi) o si ignorano totalmente ed è veramente insopportabile. Per di più fra un paio di settimane mio padre perderà il lavoro! Sono una persona abbastanza riservata, credo che nessuno (neanche i miei genitori) sanno tutto questo, tutto quello che ho dentro, non trovo nessuno davvero disposto ad ascoltarmi e proprio perché nessuno sa sono quasi costretta a dover sembrare sempre serena e felice per non dover dare spiegazioni che non sarebbero ascoltate. mi sento davvero spenta e sola, non so cosa sarà della vita, mi sento un vero fallimento e sento che la vita mi sta sfuggendo dalle mani!!
Scusate il papiro lunghissimo!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

4 commenti

  1. 1
    alis -

    Nel leggere la tua storia mi sono rispecchiata tantissimo. io ho quasi 22 anni e ho pochi amici non perche non sia socievole ma perche non riesco a trovare persone con cui parlare seriamente dei miei problemi o dei miei pensieri. Esco raramente e ci soffro parecchio per questa cosa quindi capisco benissimo come ti senti.Ti auguro di trovare la felicità e la serenità che ti meriti

  2. 2
    Fab -

    Scrivimi se ti và di parlarne.

    lastbreath325@ yahoo.it

  3. 3
    Soucit -

    Ciao carissima, io ho più o meno la tua età e, so che può sembrarti inutile sentirtelo dire, ma ti capisco.
    Questo periodo di cui parli l’ho passato tra i 14/15/16 anni soprattutto, ora ne ho 18.
    E’ stato un periodo nerissimo per me, anch’io mi portavo dietro insicurezze e timidezze dovute a situazioni mai risolte con me stessa, a loro volta causate dalla cattiveria dei miei compagni di classe alle elementari che mi prendevano in giro per ogni cosa.
    In primo superiore anch’io ho avuto l’anno forse peggiore della mia vita. Mi sono ritrovata in una classe a combattere con gente completamente diversa da me. Delle enormi teste di ca**o, devo dirlo, ma, col senno di poi, posso dire che forse anche io non mi ponevo nella maniera più giusta nei loro confronti e in quelli del mondo.
    Non so se tu sia mai arrivata ai miei livelli, ma io ho sfiorato la depressione. Non mangiavo più, non dormivo, piangevo per ogni cosa e senza motivo, non avevo voglia e forza di fare nulla e mi sentivo completamente e totalmente vuota.
    In ogni caso l’anno dopo sono andata in un’altra scuola e mi sono trovata meglio.
    Non è che nessuno può aiutarti, è che si tratta di una cosa che deve partire inizialmente da te. Io dopo aver toccato il fondo, mi sono risollevata grazie ad un ragazzo. Lui è stato tutto per me.
    Ora che se n’è andato infatti, sto rientrando nel tunnel.
    Mi sento di nuovo sola perché ho i miei amici “fissi” ma a loro volta loro hanno dei gruppi a parte. E io mi ritrovo senza una “comitiva” vera e propria come mi piacerebbe. Anche per quanto riguarda la situazione familiare, la mia è simile alla tua. Non ho un buon rapporto con i miei genitori, ultimamente abbiamo anche dei problemi economici e mia sorella non mi rivolge la parola. Lei è più piccola di me, ma mi odia completamente. Posso capirti, che altro dirti?
    Io però sono fiduciosa, sento che posso, puoi e possiamo essere felici davvero senza far finta. Prima o poi.
    Fidati di me, è un periodo.
    “Sopporta e resisti, un giorno questo dolore ti sarà utile”.
    Un abbraccio.

  4. 4
    Steela44 -

    Ciao soucit,so che per uscire fuori da questo periodo l’iniziativa deve patire da me. Io ho davvero voglia di vivere,anzi direi più una vera e propria ansa di vivere perchè come ho già detto nella lettera sento che la mia vita mi sta sfuggendo dalle mani,questi dovrebbero essere gli anni più spensierati e belli e per me non lo sono e facco difficoltà anche ad immaginarmi in futuro perchè ho paura che la mia vita continui ad essere un fallimento,anche se infondo spero sempre in un migliramento. Ho capito anchio che se voglio stare meglio deve partire tutto da me e credimi,sono migliorata molto,mi setto davvero cambiata,più matura forse,non so,ma a me sembra che tutto quello che ho intorno non cambi,anzi vada sempre peggio. Persone,situazioni e cose che non posso cambiare ma a cui mi sento quasi incatenata. Per quanto riguarda le amicizie,bè come ho detto potrei lasciarle perchè le cose vanno sempre peggio,non è ho molte ed addirittura non vanno daccordo fra loro e sono costretta a risolvere queste situazioni finendo spesso anche,secondo loro,nel torto e sfociando in ulteriori litigi che odio,ma allora rimarrei davvero sola,e non potrei uscire anche quelle poche volte che lo faccio anche se ammetto che con queste persone faccio tutto controvoglia perchè non ci sto bene. La situazione famigliare ormai è da quando sono nata che è così ed è sempre peggio e tutta la mia vita ormai sembra aver preso questa piega. Come si fa quando tu hai voglia di vivere ma sembra che la tua vita non voglia essere vissuta?

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili