Salta i links e vai al contenuto

Me, me stesso e… molti altri @_@

Salve a tutti, sono un nuovo User di “Lettere al direttore”, mi chiamo Alex e ho 22 anni; sentivo da tempo il bisogno di raccontare me stesso attraverso un blog e quindi oggi ho deciso di controllare se sulla rete ce ne fosse uno ben fatto e “serio” e mi sono imbattuto in questo sito da cui ho letto alcune lettere che mi sono piaciute molte e quindi Eccomi! , pronto a parlare della mia frenetica quanto monotona vita. Ebbene si, sembra strano descriverla con un tale ossimoro ma purtroppo o fortunatamente (questo ancora devo capirlo io stesso) la mia vita è un insieme di casini e problemi creati sempre dalla mia odiosa indole che mi porta a correre dietro alla gente sbagliata. Che poi, mi chiedo, è mai possibile che qualsiasi persona dietro cui si corre è sempre quella sbagliata? diciamo che ad un certo punto mi viene anche il dubbio che sia io quello sbagliato anche se, facendomi bene un esame di coscienza , non credo di aver fatto mai errori così irreparabili da tenermi tutta la gente lontana; certo, come ogni essere umano, ho fatto errori , magari ho sbagliato un approccio iniziale con qualcuno, ho sottovalutato qualcun altro e mi sono trovato nei casini ma non penso di aver mai causato fatti così gravi da essere visto come la peste e non suscitare l’interesse di nessuno trovandomi anzi, al contrario, ad essere allontanato dalle persone con cui ho condiviso moltissime cose fino ad oggi.  Sono una persona abbastanza selettiva in fatto di amicizie e non mi accontento di chiunque: ho bisogno di gente che sappia farmi ridere, sappia accettare di me sia le cose belle che quelle che possono sembrare strane e che abbiano la voglia di condividere con me dei loro particolari momenti, una gioia, un dispiacere, qualsiasi cosa che la vita ogni giorno ci presenta; questo mi ha portato sempre ad avere pochissimi amici , 1 o 2 per intenderci; prima dell’estate che è appena finita ho però perso l’unico amico che mi era rimasto ma stavolta non è stato lui a staccarsi da me e a rompere il nostro rapporto ma io stesso; detta così potreste pensare “beh? chissà quante volte hai rotto un rapporto non è mica qualcosa di stupefacente!” e invece no ragazzi! Io sono sempre stato quello che nella nostra società è conosciuto come “L’inetto” , colui che non reagisce agli stimoli che lo circondano , che si lascia fare qualsiasi cosa da chiunque e anche calpestato continua a stare con le persone che se ne sbattono altamente di lui ,quindi per me l’aver rotto un rapporto è stato qualcosa di nuovo , totalmente sconosciuto a me stesso fino ad ora; Ho dovuto farlo, sono stanco di essere “amico” soltanto al momento del bisogno, al momento di prestare appunti, al momento di consolare e al momento di “fare numero” per le uscite altrimenti si è troppo pochi e si rischia di rimanere a casa; io valgo molto di più; qualsiasi persona vale molto di più se solo se ne accorgesse; nessuno nella vita è indispensabile e a maggior ragione quando questo qualcuno si adopera per farvi stare male. Magari prossimamente scriverò un’altro post e vi racconterò meglio la vicenda che ho avuto con questo mio ormai “ex” amico. Sapete, spesso il trovare qualcuno con il tuo stesso problema ti fa sentire meno solo, ti fa vedere qualcosa diversamente da come l’hai sempre vista tu , nella tua stanza , seduto sul letto a pensare , pensare, pensare e ripensare fino a quando non ti sei bruciato il cervello; io sono qui anche per questo: leggendo gli altri riesco a prendere spunto su come migliorare la mia vita e allo stesso modo spero possiate fare voi con questo post o prossimamente con gli altri che pubblicherò.  Se vi va, lasciate sotto un commento, mi farebbe molto piacere sapere cosa ne pensate; un caro saluto a tutti i lettori Alex

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

3 commenti a

Me, me stesso e… molti altri @_@

  1. 1
    stranita -

    Carissimo Alex,
    ti capisco benissimo. Anche io ho passato un periodo della mia adolescenza molto duro. Una grandissima delusione in amicizia mi ha “sbarrato” tutte le strade e mi ha rinchiuso in me stessa quasi non facendomi più “vivere”. Sicuramente non vivevo come un normale adolescente. Ti sento molto maturo (già la solitudine ti fa maturare) e mi rivedo nella frase “seduto sul letto a pensare , pensare, pensare e ripensare fino a quando non ti sei bruciato il cervello”. Quanti pomeriggi e serate a ragionare sulla mia esistenza, a cercare di capire se il problema ero io ecc ecc…
    Non è facile…anzi! Uscirne è ancora più dura…fidarti degli altri inizia a diventare difficile e hai solo paura che ritornando nel mondo, qualcuno possa farti nuovamente soffrire! E così ci si chiude sempre di più in se stessi. Cosa dirti Alex? Ogni persona è diversa dall’altra e un mio consiglio potrebbe rivelarsi sbagliato….perciò l’unica cosa che ho fatto io e che posso dirti è: ascolta il tuo cuore, esso conosce tutte le cose!”.
    Vedrai che inizierai a capire cosa è giusto o sbagliato per te, quali strade ti senti di intraprendere e come vuoi continuare la tua esistenza! Io in fin dei conti….nella mia sfortuna sono anche stata fortunata nell’aver incontrato persone che mi hanno fatto “del bene” nonostante le respingessi…e oggi gliene sono grata….perchè se i miei anni sono stati “un pochino” migliori è grazie a loro. Prima o poi ne uscirai…io ci ho messo tanto….tanto tempo e ancora oggi sento di essere debole da quel punto di vista, ma cerco di lottare e nello stesso tempo di “difendermi” dal mondo che mi circonda. Spero che un giorno tutti troveremo la nostra felicità 🙂
    Ti abbraccio forte e ti auguro tanta fortuna!

  2. 2
    Serena -

    Ciao Alex anch’io mi sono rispecchiata nelle tue parole devi sapere che mi sono lasciata dopo quasi tre anni e da lì è colato tutto a picco per me è stato un trauma che ci è voluto tanto tempo per attutire il colpo. Nel momento del bisogno mi sono fidata anzi affidata in amicizie sbagliate amiche che mi trascinavano nei loro casini nelle liti altrui si cambiava spesso comitiva perchè preferivano circondarsi di persone infantili che creavano solo situazioni spiacevoli tra noi e a volte il rispetto reciproco non esisteva o perlomeno solo da parte mia loro si comportavano a seconda di come gli diceva la testa. Io oltre a stare male di mio ad un certo punto ho dovuto dare un taglio netto non ne potevo più oltretutto proprio nel periodo che provavo un dolore straziante per il mio ex quando mi vedevano spesso giù risultato pesante perche stavo male bella spalla da amica…dovevo essere allegra e pimpante con loro camuffare tutta la sofferenza che provavo tanto il fardello che portavo sul cuore era il mio e loro invece di farmi sentire più serena stavo peggio di prima. Con l’allontanarle mi sono ritrovata completamente sola di sera ogni tanto esco sola per non marcire a casa. Anch’io sono una tipa che in generale non ho fatto del male a nessuno e purtroppo mi ritrovo sola ho difficoltà a rifarmi amicizie vivendo in un piccolo paese chiuso anche se ci ho provato e mi sono ritrovata con persone che hanno solo fatto figuracce nei miei confronti altre che più avvertono che sei nel baratro più totale e più se ne sbattono di te. È dura a volte se ci penso mi viene una tristezza e unarabbia infinita pperche non lo merito con delle persone ho dato l’anima e alla fine mi hanno chiuso le porte in faccia come nulla fosse a loro piacimento. Non voglio perdere la speranza ma è davvero dura a volte penso che siamo creature sensibili quindi troppo speciali per questo mondo popolato gran parte da egoisti,ipocriti e calcolatori. Ti abbraccio

  3. 3
    alexboyblogger -

    Ragazze, vi ringrazio moltissimo per avermi esposto la vostra storia e quello che avete passato; Questi mesi di solitudine sono comunque serviti a fortificarmi.. il vedermi in quella condizione mi ha fatto credere che non avessi ormai più niente da perdere e quindi ho avuto il coraggio di affrontare molte più situazioni di quante ne affrontassi prima per paura di restare solo! Ma quando poi sono rimasto solo, niente poteva farmi restare più solo di così e quindi ho avuto il coraggio di dire in faccia quello che pensavo alle persone che mi trattavano malissimo. In più, io sono stato fidanzato per 2 anni passati con un ragazzo (si,sono gay, ma non credo che importi molto) e lo amavo moltissimo; purtroppo con questo ragazzo è finita per colpa di queste persone di cui mi circondavo; si può essere così stupidi da farsi scappare la persona più importante della propria vita, per delle persone che se ne fregano di te e che se ci sei o no non gliene sbatte nulla? Assurdo
    Vi ringrazio ancora ragazze, un abbraccio e un bacio a entrambe 🙂

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili