Salta i links e vai al contenuto

Il maschio, essere debole

Finalmente, finalmente ho capito tutto. Ho capito tutto di te, e tutto quello che ti passa per la testa.
Ho capito che non mi devo illudere che le brave ragazze possano conquistare completamente una persona, ho capito che è così, lo stereotipo di una situazione, dove c’è la perfida e maliziosa ragazza che conquista il cuore del ragazzo, lo fa soffrire, e lui si rifugia nella brava ragazza che gli riserverà solo buone cose, solo allegrie e soddisfazioni.
Poi arriva il momento in cui il ragazzo rivede l’altra ragazza, la maliziosa e perfida ragazza, e lì la debolezza maschile si esprime ad un tale livello da far paura. Finalmente ho capito cosa sei, “amore”, ho capito che la ragazza maliziosa della nostra situazione ti è tornata in mente, come una tempesta devastante, come qualcosa che non si può fermare, il fascino del male ci attira, fin dalla creazione. E ora, io, che sono stata sempre così innamorata di te, mi sono illusa, come una stupida, mi sono illusa che questa battaglia l’avessi vinta io, finalmente. Ma poi la tua vita gira intorno alla ragazza perfida. Giustamente, quella che ti ha lasciato un segno indelebile, una cicatrice profonda e scura, che mai si potrà cancellare. Ti ha lasciato quel segno che mi fa tanto soffrire, e mi dici che non dovrei soffrire, quando il primo che mi fa soffrire sei tu. Ero così innamorata, e ora l’unica cosa che voglio è esserlo ancora. Ma sarò così fredda…
Tu non sai di queste cose che sto scrivendo, fortunatamente. È la prima volta che parlo a qualcuno di questa cosa. Ti da molta noia che ti consideri un ragazzo come gli altri? Be, mi dispiace, ma non posso farne a meno. Sei il classico maschio che cade davanti alla malizia. E ti voglio pubblicamente fare i complimenti per quanto sei stato schifosamente falso, bugiardo e stupido.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

7 commenti

  1. 1
    Spectre -

    Molto vera ‘sta lettera, anche se chiunque di sesso opposto potrebbe cambiare qualche aggettivo e i sessi, ed ottenere lo stesso risultato. Non è il maschio debole, o la donna tr***a. è l’essere umano ad essere debole e corruttibile, poi i sessi hanno le loro fastidiose tendenze e si cade nel clichè tipo “donna sciacquetta” e “uomo senza palle”.

  2. 2
    terrona78 -

    Cara Chiara Viola,

    il problema di fondo in queste situazioni e’ sempre all’inizio.
    Ognuno di Noi ha il diritto di andare avanti e di rifarsi una vita.
    Il tuo lui mollato e abbandonato ha fatto cosi!
    Ma come ? In che condizioni?
    Lo ha fatto quando ancora non era completamente guarito , lo ha fatto quando ancora poteva confondere il dolore con l’amore, lo ha fatto perche’ e’ un debole.
    Debole perche’ quando ancora non si e’ in grado di ricominciare una storia d’amore si dovrebbe star da soli..ma tanti uomini e tante donne non riescono a star da soli questa e’ la debolezza piu’ grande!!
    E in queste circostanze vengono coinvolte persone come te, brave persone con un sano equilibrio e con le idee chiare.
    Ma c’e’ sempre un pero’…che puo’ ribaltare queste inette condizioni… che la persona come te in grado di amare e di dare realmente amore con sincerita’ vivendo il rapporto si renda conto prima molto prima che colui che ha accanto non e’ presente cosi come dovrebbe .. e per presenza non intendo quella fisica ovviamente!
    Lui e’ un debole ma chi vede tutto questo forse lo e’ anche…!!
    Certo tu sei innamorata ma di chi??
    Certo tu sai quello che vuoi…ma da chi??
    Il troppo amore, la troppa comprensione ma perche’ ??
    L’amore e’ reciprocita’, l’amore e’ scambio equo , l’amore e’ anche serenita’???!!!
    Ci vuole coraggio non essere freddi..
    Ci vuole coraggio a mandare a fanzullo chi ha occhi per una maliziosa e non per noi…
    La colpa non e’ mai di una sola persona….

    baci

  3. 3
    gisellacapuano -

    la ragazza tosta e violenta ha sempre fatto, sempre farà, breccia nel cuore a zolle di teste a mosaico, generalmente adolescenti. dalla lettera sembri adulta, suppongo anche lui. andrebbe considerato se è un problema di autostima, che viene sfogato nella ricerca costante di conferme al poco valore che ci si attribuisce, oppure è proprio Amore così com’è: doloroso e difficile. comunque sia, comunque vada, penso che tu sia arrivata al nocciolo del problema. quindi, l’hai risolto.comunque, la dolcezza vince sempre e se ti manterrai tale, vincerai due volte. il miele piega il ferro. ciao,gisella

  4. 4
    andy -

    spectre sveglia.
    i contesti sociali si risolvono e si spiegano con i numeri.
    non con i singoli casi, ma con la somma di tutti i casi.
    è così che si capisce dove e quali sono i problemi.

    una donna lasciata oggi, trova subito e viene consolata da una marea di uomini.
    un uomo lasciato oggi, se non è lo strafigo da 5%.. beh povero lui.
    questo è tutto, questa è vita pratica.
    il resto sono parole e le parole se le porta via il vento che non servono a niente a nessuno.
    per ogni uomo senza palle ci sono 50 donne sciacquetta.
    eppoi sono le donne che se li vanno a cercare sti tipi di uomini.
    hanno l’imbarazzo della scelta sui bravi ragazzi proprio per un fatto di numeri, mentre al contrario, quelle rare volte che capita, l’uomo è costretto alle sciacquette.. perchè di sciacquette ne siamo colmi.
    e cmq la donna dopo un paio di mesi di pianti (dove cmq la solitudine vera non la proverà mai e se avrà voglia impellente di sesso risolverà basta che scenda da casa), è già lucidata a nuovo e pronta sulla scena.
    mentre un mese loro, per noi è una dozzina e anche di più.. spesso.. di solitudine aspra.. quella vera, quella dei due di picche.

    spectre sveglia.

  5. 5
    lyra -

    Andy grazie sempre per le tue generalizzazioni.
    Ti parla una che la solitudine l’ha provata e la prova tutt’ora.Ma quella vera.Il tuo discorso è vero in parte,magari per la donna è più semplice,bella(ancor di più) e brutta(sfruttando altre caratteristiche magari) che sia.Ma su Quest’oggettività non si può fondare il ragionamento che tutte le donne sono facili all’innamoramento e quindi non rimaranno mai sole.
    Ma questo perchè? perchè si ha paura di affrantore questa benedetta solitudine.Perchè molte persone non sanno che esistono molti strumenti per immergerci in essa e VIVERLA,piuttosto che andare tra le braccia di qualcun’altro,e fare il punto e accapo.Molte persone non sanno quello che possono scoprire di se stessi rimanendo soli con il proprio io.Anzi questo fa paura.
    Gli uomini (maschi) non hanno paura della solitudine? tutti gli uomini(maschi) preferiscono la solitudine e l’attesa? così come: tutte le donne si buttano subito in altre relazioni?
    Ti parla una persona che dopo un anno e più di sofferenza dalla fine del suo rapporto(dico un anno eh!non 1 mese,2,3,ecc…) ha provato a iniziare un altra relazione(durata poco più di un mese) ma non ci è riuscita.Ora me ne sto per fatti miei e ho capito che potevo starmene anche prima così.Forse non sono ancora pronta e chissà per quanto ne avrò…ma non mi interessa.
    Però ti prego.evita queste assurdi discorsi sulla donna che se ne trova n’altro e ti fermi lì.Pecchi di egotismo.sai cos’è?hai studiato filosofia? bè se non lo sai te lo dico io: l’egotismo è la tendenza a rendere uniche ed assolute Le PROPRIE ESPERIENZE DI VITA.non faccio scuola…ma se puoi,rifletti su quello che scrivi,che ripeto, non è del tutto sbagliato,ma troppo assolutisistico.
    Gli assolutismi si trasformano in degenerazione di un concetto che può meritarsi tutto il mio rispetto.
    saluti.

  6. 6
    andy -

    lyra ma di che parli.
    il concetto è chiaro e si fonda su numeri come dicevo a spectre.

    in italia:
    -il 90% delle donne, alla fine di una relazione, può SCEGLIER se vivere in solitudine o no, o ricominciar domani a FAR SESSO (hai detto niente).
    -al 90% degli uomini, alla fine di una relazione, VIENE IMPOSTA la solitudine, a causa dei vostri infiniti due di picche, “siam solo amici”, o “o ci fidanziamo, o niente patatina”.

    ma quale egotismo?
    un cittadino di trieste fa la pacchia perkè è così:
    nella sua città ci son servizi di autentico spessore, mentre uno di agrigento nn è “egotista”, fa bene a incazzarsi perkè la sua provincia è piena di problemi.

    “Il tuo discorso è vero in parte, magari per la donna è più semplice, sia se bella (ancor di più) che se brutta (sfrutta altre caratteristiche).
    Ma su quest’oggettività non si può fondare il ragionamento che tutte le donne SONO FACILI ALL’INNAMORAMENTO e quindi non rimarranno mai sole”.

    ma ke travisi?
    io ho solo detto ke voi scop*te quando e con ki volete.
    noi no.
    e questo nn è egotismo, è la verità PROVATA fedelmente dall’asfissiamento ke gli uomini italiani son soliti adoperare sulle donne.
    donne EGOTISTE ke a pancia piena (col figo di turno) parlano di amicizia con ki considerano sfigati.

    tutta sta disparità di scelta sul sesso fa si ke gli uomini vengan tenuti costantemente sotto ricatto, perkè una donna ke lascia SA BENE ke NELLA PRATICA trova subito.
    poi ok, può SCEGLIER di NON lasciare.

    mentre un uomo sa già ke se lascia la fidanzata.. deve cominciar a preveder la solitudine per X tempo e lo fa raramente!
    cioè è UN’IMPOSIZIONE di sto perverso meccanismo.

    ve lo ripeto sempre, se volete sapere come si vive da uomini normali (il 90% ed ecco perkè BISOGNA generalizzare.. come posso parlare del 2% dei fighi, del 3% dei ricchi, del 2% degli atleti, del 3% dei potenti? ma chi se ne frega ke loro hanno scelta?), diventate GRASSONE (il 5% delle donne ke vivono male).

    così poi lo capite.. cos’è la solitudine.. IMPOSTA!

  7. 7
    alpha_beta -

    Uomini e donne, soli e non soli, vorrei consigliarvi un libro che ritengo sia utile a tutti: J. Krishnamurti – Sull’amore e la solitudine, Astrolabio.
    Peccato che però non lo leggerete…

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili