Salta i links e vai al contenuto

Non abbiamo mai fatto l’amore, sono 3 mesi che tentiamo

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti. Ho bisogno di un consiglio. Sto con un ragazzo da quasi 4 mesi e non abbiamo mai fatto l’amore. Per lui sarebbe la prima volta, ma per me no. Lui ha 19 anni e io 17. La mia prima volta è stata a 15 anni. Sono 3 mesi che tentiamo di provarci, ma il suo problema è che non ha l’erezione quando siamo lì lì per farlo. In totale sono 7 VOLTE che lui mi da carta bianca. Io già più volte gli ho detto che se non è pronto non fa niente e che l’avremmo fatto quando lui si sentiva pronto. Ma lui ha voluto provarci tante volte. Ma con zero risultati.
La scorsa settimana glielo ridetto, e dopo una lunga discussione mi dice che adesso è veramente sicuro, che non vede l’ora di farlo con me, eccetera. Io premetto che ci sto veramente male. Non per il fatto che non lo si fa, ma per il fatto che mi dice che è pronto e poi in realtà non lo è. Più volte ho provato a spronarlo, nel senso a farlo sentire a suo agio. In tutte le maniere esistenti!!
Devo sempre fare attenzione a ogni particolare. SEMPRE. Se faccio troppo cosi, gli si abbassa, se faccio troppo cosà pure, devo sempre fare attenzione a ogni piccolo particolare.
Ma io non c’è la faccio più. Perché se davvero una persona è convinta, non si preoccupa quasi più di niente. Io quando l’avevo fatto, anche se avevo paura del dolore, è andata bene. Perché ero davvero convinta. E niente mi disturbava. Ieri pomeriggio sono andata a casa sua dalle 14 alle 19. Io volevo spronarlo a fare l’amore.
Lo stavo mettendo a suo agio, avevo iniziato a farli dei massaggi e so che a lui queste cose lo fanno eccitare da matti e poi lui ha iniziato con me, ma poi lui ha smesso e si è sdraiato affianco a me. Non ha più detto nulla, mi abbracciava e sospirava. Io avevo capito, non aveva avuto nessuna erezione.
Ma perché questo? Non gli piaccio più abbastanza? Sono io che ho qualcosa che non va? Non mi ha nemmeno più detto nulla su questo, nemmeno accennato. Sono sempre io che ogni volta gli dico ste cose. E stavolta ho paura di dirgliele. Ho paura della sua reazione.
Però è da ieri che mi sento strana. So di amarlo, ma in questa ultima volta mi sono sentita strana come se mi fossi stancata di questa situazione, e come se non mi importasse più nulla. MA PERChé??? vi prego. Aiutatemi.

L'autore ha scritto 9 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Amore - Sesso

6 commenti

  1. 1
    Davide -

    Forse sono io che sbaglio, ma state insieme da 4 mesi e già da 3 mesi state cercando di fare l’amore. Ma non è meglio forse conoscersi prima più a fondo? Mi sembra davvero troppo presto per fare un passo del genere. Il fatto che comunque il tuo primo rapporto l’hai avuto a 15 anni mi fa pensare parecchio. Siete giovanissimi, ma godetevi la vita e andate con i piedi di piombo.. prima del sesso ci sono un sacco di altre tappe. A 15/17 anni non ci pensavo neanche al sesso, pensavo a divertirmi con gli amici. (e ora ne ho 24 di anni). Mi spaventa moltissimo come la società a cui appartenevo io e, se vogliamo appartengo ancora, sia diversa in tutto per tutto dalla società di oggi, dove si vivie con più superficialità e molta leggerezza. E questa cosa mi spaventa moltissimo. Non voglio farti cambiare idea nè voglio fare il professorino, dato che non lo sono e non è nel mio stile esserlo, ma per lo meno ti invito a pensarci su quello che ti ho scritto. Ciao, Davide

  2. 2
    Marty. -

    La sua viene comunemente chiamata ansia da prestazione… è tutta una cosa psicologica.. lui ha paura di fare brutta figura, magari non sa nemmeno bene cosa succederà quando entrerà “dentro te” ha paura di tutto e quindi di conseguenza per lo stress non ha l erezione! secondo me state facendo le cose fatte male.. evitate di provarci.. fate andare avanti con il tempo.. vi conoscerete meglio.. alla fine 4 mesi sono pochi.. andateci piano. perche ora ? se tanto le cose non vanno?!! aspettate.. vi conoscete ancora un po. fate altri tipi di esperienza e poi piano piano iniziate a fare i primi preliminari… non avete fretta. se la cosa non va non deve essere forzata cosi . tu a mio parere ci provi troppe volte.. ma lascialo vivere!!!! poi vedi come va a finire? che piano piano ti stanchi di questa situazione e finisce per rovinare tutto il rapporto

  3. 3
    maestro di vita -

    Che ti stia stancando, è indice che vivi questa componente con molta ansia!!
    Perche’,sempre se lo ami, evitate di parlarne,e quando vi trovate in intimita’ lasciare a lui decidere ogni cosa,tu lascia sia solo lui prendere iniziative,sia solo lui agire,lui sta cogliendo la tua ansia di volerlo fare,e per quanto, tu sia delicata nei suoi confronti,lui percepisce questo tuo bisogno di realizzare!!E questo crea in lui mille insicurezze,dal timore di deluderti,al fatto che tu possa fare raffronti!! La psicologia di ognuno di noi,è spesso incomprensibile per altri!! Ora questa tua,è la prima vera prova d’ amore!! Saprai aspettare?? Perche’ credo che lui nn abbia vere propie problematiche,e vedrai che prima o dopo ci riuscira’,ma solo se saprai aspettarlo!!

  4. 4
    Elena -

    Grazie mille per le vostre risposte!!! Le apprezzo tantissimo. Davide hai sicuramente ragione su questo. Si, sono 4 mesi che stiamo insieme. Ma in maniera ufficiale. Perchè io e lui ci conosciamo da un sacco di tempo! Infatti da dopo che ho scritto questa lettera ho aspettato a farlo. Ci sono andata più con calma. La sua è ansia da prestazione.Era sempre lui che voleva provarci a farlo , non era sotto mio obbligo. Non è che ci siamo conosciuti ieri e allora oggi voglio farlo! NO. Conoscendolo da un sacco di tempo, ormai , ho capito che persona è. E le sue attenzioni e bisogni. Ho provato a smollare un pò. Ma si ricomnicia sempre tutto daccapo. Però io non è che lo fatto a 15 anni perchè non sapevo cosa fare e allora voilà! Lo fatto perchè me lo sentivo ed erano la persona giusta per me in quel momento! Infatti adesso ci sto andando con calma. Ancora molte GRAZIE per le vostre risposte ed aver buttato il vostro tempo qui a rispondere a un mio problema.

  5. 5
    Rossella -

    Io penso che il benessere economico abbia un suo peso. Infatti in genere mi trovo quasi sempre in disaccordo con mia madre, ma in questi giorni abbiamo visto una struttura molto confortevole che a lei non è piaciuta perché è una donna molto pratica. Ma ha ragione. Secondo me un certo benessere ha senso quando vai in un posto toccate e fuga. Io al massimo riuscirei a godermi una serata tra amici in una location di questo tipo… e comunque, proprio perché per natura non prendo mai possesso di un’ambiente che non mi appartiene, non mi sentirei a mio agio. Quando torno in un posto è segno che ho perso qualcosa o che mi sono persa. Quando in un posto non ti costruisci una storia è meglio che lasci perdere. Non comunichi stabilità. Questo è un linguaggio femminile che viene comunemente accettato da tutti perché evoca un ideale di castità. Quando ti esponi faresti bene a tenere a freno il tuo desiderio di andare in avanscoperta. Devi avere una mappatura del territorio per andare sempre nel posto preciso in cui hai lasciato qualcuno. L’istinto è importante quando è unito al sesto senso. Allora ti muovi perché non ti senti sicura. Allora stiamo parlando dell’istinto di sopravvivenza. Per questa ragione non è possibile fare i cosiddetti conti della serva. Come ti dicevo questo posto tanto bello e raffinato a tutto mi faceva pensare fuorché ad una fuga d’amore. Questo per come sono fatta io. Non critico nessuno.

  6. 6
    Rossella -

    […] Per pernottare in una struttura di questo tipo avrei avuto bisogno di raddoppiare il servizio. Tutto doppio… in caso contrario tutti quei confort non avrebbero avuto la funzione di dividerci… di distoglierci, o comunque di farci uscire, da noi stessi. Ci saremmo potuti anche divertire (caratteri permettendo), ma fine della storia. Ci potrebbe stare, ma quando questo modo di stare insieme diventa la regola si perde l’affiatamento… almeno io mi sentirei dominata dalla passione e la cosa sarebbe frustrante perché non riesco a lasciarmi andare. Si tratta di una cosa che fa parte di me.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili