Salta i links e vai al contenuto

Ma quanta sofferenza…

Ciao a tutti,
sono nuova e mi sono iscritta in quanto ho tanto bisogno di amici che mi aiutino a sopportare la sofferenza.
Sono sposata da 25 anni, ma come tanti, un matrimonio fallito. Sono anni che non abbiamo più rapporti ed ora ho preso la decisione di separarmi, inoltre ho conosciuto un uomo circa due anni fa e anche con lui alti e bassi. A volte sembra la persona più innamorata di questo mondo, a volte come ieri sera, siamo andati a cena in compagnia e lui era molto freddo, per via del lavoro che sta andando male.
Sono disperata, sento che sto per crollare.
Aiutatemi con le vostre risposte.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

7 commenti

  1. 1
    magirama -

    Ciao. Premetto che non sono nè sposato e nè fidanzato, tuttavia sono uno che crede nei valori e nel matrimonio. Forse è per questo che sono single. Detto questo, io sono dell’idea che la separazione debba essere una scelta definitiva, un’ultima spiaggia, una via finale ed inevitabile di fronte a problemi gravi. E sottolineo, gravi.
    Lo so che per me è facile parlare, ma ti faccio notare che nel tuo caso i problemi sono dettati da una mancanza di attenzioni e di passione. Possibile che la separazione e la ricerca di nuove fortune sia l’unica soluzione? Insomma, la promessa che vi siete fatti tu e tuo marito 25 anni fa, non potete buttarla via così. Nella tua breve descrizione non fai alcun accenno a dei figli, se non ne avete, forse è il caso di riflettere al senso del vostro matrimonio, se invece ne avete, dovete pensare anche a loro.
    Io al tuo posto, in ogni caso, invece di pensare all’umore del mio amante penserei a parlare con mio marito e cercherei di ridare slancio a tutto. Non puoi buttare via 25 anni della tua vita in questo modo, non per uno che oggi ti mette al centro della tua vita e domani non ti guarda nemmeno in faccia, suvvia.
    Un matrimonio non può finire perchè dopo 25 anni non ci si guarda più in faccia, perchè non si fa più l’amore o perchè non si parla più, secondo me bisogna mettere da parte orgoglio e altre questioni personali e mettere la persona che si ama davanti a tutto. Almeno provarci. Almeno fare uno sforzo.
    Forza e coraggio. Se vi siete amati per tutto questo tempo, una possibilità anche misera c’è.
    In bocca al lupo.

  2. 2
    Sergio -

    Che vuoi che ti diciamo… Trovatene un terzo…

    Le corna sono la cosa più naturale del mondo, vero?

  3. 3
    ylaren63 -

    Non mi sono iscritta per farmi insultare, mi rendo conto che forse non ho spiegato bene la mia situazione ed difficile da comprendere, comunque non ho figli.
    Grazie lo stesso per aver risposto.

  4. 4
    toroseduto -

    ylaren, veramente non ti sei resa conto di aver detto cose che hanno bisogno di tutta la lucidità. Il tuo matrimonio dura da 25 anni, ma forse si è concluso molti anni fa. Prima di definire la situazione
    definitivamente con tuo marito, hai una relazione traballante da due anni.
    Non entro nel merito, posso solo dire che io avrei prima chiuso il matrimonio, dopo un certo periodo di relativa calma, penso che buttarsi alle spalle un matrimonio, richieda
    un certo periodo di affrancamento.
    Sono scelte dettate dalla propria indole, non stò a giudicare.
    Credo che debba ritrovare prima te stessa. Solo così potrai fare delle scelte coerenti.

  5. 5
    Sergio -

    Non mi sembra di averti insultata.
    Non puoi NON scrivere tutto e pretendere che gli altri capiscano.
    Non puoi parlare di sofferenza estrema quando hai già un amante da anni, e pretendere di non avere un giudizio.

    Se vuoi sapere come la penso, ritengo che il tradimento sia la più bieca delle vie di fuga dalle responsabilità e dalla verità.
    Chiaramente non ammetterai mai i tuoi errori…

    Per la cronaca il tuo amante ti tratta da amante, il tutto deve restare confinato a questa dimensione, se non fosse così risulteresti noiosa.
    Devi accettare il fatto che lui ti usa come diversivo.

    Per il resto fuffa, il tuo matrimonio è finito nel momento in cui sei andata con un altro, magari tuo marito ha fatto lo stesso e non l’hai scritto.
    Come fai a dormirci nell ostesso letto con la coscienza a posto?

  6. 6
    ylaren63 -

    Sergio, tu hai ragione sul fatto, che non si puo’ pretendere di esseri compresi e di non essere giudicata.
    Vi dico comunque sicuramente sono anche io dell’idea che prima bisogna chiudere una storia se le cose non vanno, ma voi pensate che non ho provato e riprovato a parlarene prima con lui dei nostri problemi?
    Pensate che io a 21 anni ( lui 31)fossi cosi’ matura da capire cosa voleva dire essere sposata?
    Non voglio autocommiserarmi e tantomeno non assumermi le mie responsabilta’, vi dico che io ce l’ho messa tutta per evitare questo e l’amante e’ arrivato quando la mia storia era finita definitavamente.Prima di dare giudizi comunque sarebbe opportuno fare delle domande per capire meglio ed aiutare una persona. Sputare sentenze non serve a nulla.Grazie

  7. 7
    Sergio -

    Torno a ripeterti che se ti limiti a scrivere che hai un amante e sei triste, porta chi legge a sparare sentenze.
    Non siamo dallo psicologo, questo è un forum di persone comuni, ognuno con la propria storia e il proprio modo di vedere le cose, nel bene e nel male.

    Per come intendo io il valore del matrimonio e della famiglia, un tradimento non ha giustificazione alcuna.
    Ne tantomeno l’età, e comunque non avresti mai avuto idea di cosa significa un matrimonio prima di provarlo.

    Non siamo noi a doverti fare delle domande, sei tu che devi scrivere, e poi avere un giudizio, un consiglio etc.
    Ma alla fine è solo un forum, non è la bibbia.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili