Salta i links e vai al contenuto

Lui in comunità, io rimasta ferma a quando era qui

Lettere scritte dall'autore  Piuma

E’ dal 3 Novembre che il mio ragazzo si trova in comunità… non lo sento da allora e non lo vedo da ancor prima (31 Luglio).. Dovrei approfittarne per sistemare tante cose della mia vita personale che proprio a causa sua ho trascurato, ma invece continua a rubarmi tempo, energia… anche adesso che non c’è. Continuo a sentirmi totalmente in ostaggio del pensiero di controllo che ho sempre avuto verso di lui, a causa delle tante bugie dette, delle omissioni, dei sotterfugi… mi ha tramutata in un carabiniere, un investigatore privato, perché mi ci ha trattata lui da tale, scegliendo la doppia faccia invece che la sincerità, e mi ci ha fatta diventare.
Non riesco a smettere di pensare a questa situazione durante la mia giornata, anche mentre lavoro… sento il bisogno di sfogarmi, di parlarne, di chiedere consiglio… e quando arriva la sera comincio a preoccuparmi di cosa starà facendo anche su cose sciocche, privandomi del mio relax (non sempre fortunatamente) per arrovellarmi il cervello su di lui. Sembrerà una cosa sciocca ma spesso l’ho reguardito perché vedeva troppa tv e in particolare troppi programmi incentrati sulla donna che deve a tutti i costi far sbavare, e arrivo a preoccuparmi di cosa guarda in tv ora in comunità. Si trova infatti nella fase di accoglienza in una struttura apposita. La vera e propria comunità non so quando la inizierà.
Poi mi preoccupo del grado di avvenenza che potrebbero avere inservienti o altre tossiche in questo posto in cui sta, perché quando l’ho conosciuto presentava tratti pesantemente donnaioli (non nel senso che andava con tutte, ma che gli piacevano tutte e se le cercava apposta su siti porno, instagram, facebook, vita reale…) Insomma in 11 giorni non sentirlo non mi è servito a niente. Sto tale e quale a prima. Non mi fido di lui e nonostante questo continuo a sentire un’irragionevole attrazione (che non è nè fisica nè mentale) che non mi permette di distaccarmi emotivamente da questa situazione e dalla sua persona. 
Dubito che lui si senta come me, perchè la compagnia 24/7 di persone nuove certamente lo terrà distratto e appagato. Il suo problema al massimo può essere l’astinenza dalla droga. 
Alla fine si trova in un posto dove accolgono massimo 31 persone. E’ una comunità piccola rispetto a posti enormi come San Patrignano, ma sto così lo stesso e anche se sono stata io a tirarmi indietro e a non essere coinvolta nel percorso, lo sto vivendo con difficoltà spero solo iniziale.
Il motivo per cui l’ho mollato prima della comunità è stato il suo comportamento recente, unito a vicissitudini varie che in 3 mesi si sono accumulate.
Per la cronaca lui ha sempre incolpato la droga per come era quando l’ho conosciuto. Sostiene di essere cambiato e di fregarsene zero di altre donne, di volere solo me, ecc, ma comunque nella situazione attuale non è questo il problema.

Non so come staccarmi mentalmente da sta storia, almeno finchè non avrò sue notizie.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Lui in comunità, io rimasta ferma a quando era qui

Lettere correlate a:

Lui in comunità, io rimasta ferma a quando era qui

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

6 commenti

  1. 1
    Deluso58 -

    Ma bravi, seri ragazzi, mai, eh, sempre a scegliere questi soggetti di cui mi chiedo sempre quale potere abbiano sulle donne che i primi pare non possiedano.

  2. 2
    Piuma -

    Te lo spiego subito che cos’hanno : la capacità di intercettare momenti di debolezza altrui, crisi esistenziali, e sfruttarli a loro vantaggio. Il tempo poi fa il resto… creando legame, affetto, forse anche inceppo psicologico perché si cerca di insegnargli quanto è bello vivere nella verità, scoprendo sempre che è invano; inoltre non ci si capacita di come una persona possa mancare di coerenza al punto tale da sembrarti attaccatissimo e al tempo stesso menefreghista al massimo. E’un bel macello. Io sono pienamente consapevole, a livello razionale, del pessimo partito che è, ma non posso negare di sentirmi intaccata da tutto quanto accaduto in quasi 3 anni con lui, e sfortunatamente, di sentirmi anche COINVOLTA, forse per i motivi sbagliati, ma pur sempre coinvolta. Dovrei stare a godermi la sua assenza e invece… bah.

  3. 3
    Captain Rhodes -

    Lo hai capito da sola che questi vincoli te li sei autoimposti. Questa consapevolezza è il primo passo, ma ora appunto cerca di usare le tue energie per migliorarti e colmare le tue debolezze. Per quanto riguarda il tuo oramai ex, si tratta di una persona altamente problematica e giustamente deve essere preso in carico da chi ne ha le capacità. Benchè possa sembrare egoistico, è meglio se gli stai distante. Forse è meglio anche per lui. Buona fortuna.

  4. 4
    Darkitty -

    Intanto tranquilla perchè questo tipo di percorsi sono una cosa seria e lui non avra’ tempo ne di pensare ad altre donne ne di guardare chissà quali programmi etcc..
    Sarà seguito da psicologi ed educatori che lo accompagneranno in questo difficile cammino..ora è in un posto più che tranquillo e tu devi pensare che c’è chi in questo momento lo sta aiutando e sostenendo e vedrai che quando vi rincontrerete sarà una persona completamente diversa..nel frattempo prenditi cura di te e non perdere la speranza. (Esperienza simile)

  5. 5
    Piuma -

    E’ stato furbo. Per il primo periodo mi ha abilmente tenuto nascosto il suo problema, o meglio, l’entità del problema. Una volta raggiunto il giusto livello di attaccamento, è cominciata a fuoriuscire tutta la sua inadeguatezza, la sua scorrettezza, che alternava a melodrammi tipo pianti ecc… sono manipolatori. Non so se consapevoli o inconsapevoli, ma solo così posso definire la doppia personalità con cui ho avuto a che fare. Come si può pensare di definire una donna il grande amore della tua vita, e intanto agire come lui ha agito? La droga può giustificare fino a una certa, ma per me non giustifica niente. Se aprissi il vaso di Pandora della nostra storia ne leggereste delle belle e vi domandereste dove l’ho scordata la mia autostima… Il mio errore è stato contrastare questi comportamenti con la rabbia, le punizioni momentanee, quando l’unica cosa efficace sarebbe stata lasciarlo alla prima sparizione o menzogna e concedergli al massimo una seconda possibilità, non di più.
    Grazie per l’augurio Rhodes

  6. 6
    Piuma -

    Ciao Darkitty devi scusarmi ma il tuo commento non c’era quando ho risposto a Rhodes. Mi ha fatto particolarmente piacere perché viene da te che hai avuto un’esperienza simile. La sua tossicodipendenza é stata purtroppo fonte di mancanze di rispetto come recarsi di nascosto ad un rave party rendendosi per un’intera notte e mattinata irreperibile, poi per un paio di mesi ad inizio relazione recarsi 3/4 ore a notte in una crack house frequentata da tossiche che si prostituivano per pagarsi la droga… insomma ne ho passate tante, per questo sto amareggiata. Lui sostiene di non avermi mai tradita, ma mentire e fare sotterfugi é un tradimento umano non da meno di quello sessuale. Ti ringrazio

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili