Salta i links e vai al contenuto

Litigo con lui perché sua figlia mi tratta male

Lettere scritte dall'autore  
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

71 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5 8

  1. 21
    Rebecca -

    Helmut, è da un po’ che dico che provocatori come luc e i suoi cloni (vedi tale Petrus) andrebbero ignorati: si sgonfierebbero subito, da quei palloncini gonfiati di aria che sono.
    Già l’ho scritto in diverse parti: chi ha il mito ingenuo di certe straniere e mostra un disprezzo generale verso le donne tutte, non può che essere una mezza calzetta di maschietto retrogrado.
    Ma rimaniamo al tema del post e ignoriamo gli sciocchi.

    P.S.: gente che blatera sui bimbi “malati e nevrotici” in Italia e sorvola ad esempio sulla tragedia dei ninos de rua brasiliani, così come dei ninos che in Brasile sono costretti a lavorare come schiavi nelle miniere, dovrebbe solo tacere, per pudore almeno. Ci vuole anche un bello stomaco a fare gli allegri maschietti in un Brasile in cui, a due passi da casa magari, ti ammazzano i ninos de rua con la complicità della polizia o te li fanno prostituire agli angoli delle strade, con la complicità silenziosa di tutti quelli che vedono e stanno zitti facendo finta di non vedere. Ma fate il piacere e statevene zitti, se avete un minimo di dignità e se non siete del tutto fumati nel cervello.

  2. 22
    luc -

    guerriero, che fai, la butti in politica? ma non erano quelli come te e i tuoi amici a mandare le truppe in caso di “manifestazioni”? tipo g8 di genova? o è giusto manifestare solo nei paesi cattivoni comunisti che mangiano i bambini? io non sono comunista, se lo vuoi sapere, sono coerente con me stesso e se fossi comunista me ne sarei andato in corea del nord.

  3. 23
    luc -

    monk, bravo, mi sei piaciuto. gli italiani ci hanno messo poco a dimenticare l’origine di tanti cognomi come DIOTALLEVI, ESPOSITO ecc.

  4. 24
    guerriero -

    OT.
    luc nn la butto in politica sono considerazioni che nn puoi smentire dato che sono reali , e poi mica sono un carabiniere io??Ma in caso di necessità stai tranquillo che il 112 o 113, lo fanno anche quei “MANIFESTANTI” che tu conosci bene
    E chiamale manifestazioni quelle!!, io la chiamo guerriglia,con tanto di devastazioni che forse si sono verificate “da sole”.
    I comunisti nn mangiano bambini,ma più semplicemente li fanno morire di fame.
    I veri comunisti stanno nei paesi liberi , perchè scemi nn sono.

    comq a parte le tue solite parole al vento, mi spieghi che colpa ha una bambina di 8 anni, se vive una situazione del genere?? è una colpa nascere e vivere in una famiglia del genere??

  5. 25
    luc -

    perchè non cominci TU ad ignorarmi? beh, rebecca, almeno sappiamo che in fatto di lingue sei una frana: in portoghese si dice “meninos”, in brasile si parla portoghese, non lo sai? quanti hanni hai vissuto in brasile? i meninos, d’accordo con la polizia, AMMAZZANO A TE per rapinarti! non sai un cacchio, NON SAI NEMMENO CHE A ROMA O A LOS ANGELES CI SONO CENTO VOLTE PIU’ PERSONE CHE DORMONO PER STRADA CHE A RIO DE JANEIRO! vieni a farti un giro, invece che startene in pantofole a fotterti il cervello con la demagogia televisiva italiana, non sanno più come fare nemmeno per impedire alla gente di spendersi i soldi con le ferie all’estero e ricorrono alle minchiate televisive. che cavolo c’entrano gli schiavi nelle miniere col problema di mirella? se c’è gente schiavizzata qui è a causa dei borghesucci come te. ……

  6. 26
    Helmut -

    REBECCA:

    Sono dalla tua e sottoscrivo in pieno tutto quello che dici. Mi trova d’accordo col suo pensiero anche Raganella3, Liù, Leilaluna, Saretta, Silvietta. Le signore tutte, insomma, che a parer mio una profondità d’animo la dimostrano. Mi trova d’accordo anche Isis, che dimostra dalle sue esperienze seppur negative d’aver ricavato il meglio.
    Mi schifano invece tutti quei cloni, come dici giustamente tu, che prima sputano dove mangiano, mettono al bando bambini .(e in proposito a tale porcheria mi si sentirà a parte)e poi fanno i moralisti come Petrus e altri che si preoccupano delle condizioni dei paesi del terzo mondo dietro alla sfaccettatura di un diamante. Esaltando Freud e la psicanalisi, e confermando la tesi UNIVERSALE dell’ esser pazzi smentendo d’esserlo loro per primi.

    Io non sono pericoloso, carissimi ragazzetti, avete detto giusto. I pericolosi siete voi, ma stavolta avete trovato pane per i vostri denti. Peraltro, ciò che più mi rallegra è che finalmente le donne di questo sito si siano svegliate dal torpore e dalla sottomissione psicologica in cui le avevate relegate prima che HELMUT le risvegliasse di nuovo col “Bacio del Principe”, regalando loro – tutte – l’autostima che avevano perduto. E che meritano!

  7. 27
    Helmut -

    Il complesso di Edipo e Elettra sono ritenuti sani dagli psicologi, ossia l’amore o innamoramento per il genitore del sesso opposto è giusto che ci sia, a meno che non sconfini in un comportamento che porta all’incesto. E allora tutti concordiamo sul fatto (spero) che tutto è giusto finchè non si oltrepassa il limite della decenza.
    Peraltro, tutti noi restiamo innamorati del genitore del sesso opposto a vita. Faccio un esempio terra-terra: ai MASCHIONI che ormai la mamma l’hanno buttata giù per le spalle, e fingono di fregarsene, provate a dire loro che l’avete vista con un altro uomo che non era il loro padre…e poi scrutatene attentamente la reazione. Prima pensano, elaborano, NON digeriscono, gonfiano petto, guance, gli occhi si iniettano ed escono dalla testa, e alla fine esplodono in un: “Impossibile, mia madre è felice così.”-
    Ipocrisia o eterno complesso di Edipo?!

  8. 28
    Monk -

    Quanto alla bambina in oggetto… sicuramente è un trauma la separazione dei genitori, ma se il padre non prende il toro per le corna, tra dieci anni, quando la bambina scoprirà che esistono i maschietti e passerà le sue serate in discoteca, il padre si ritroverà SOLO, e pure mandato a fanculo dalla sua “piccolina”, quando cercherà di passare più tempo con lei mentre a lei importerà solo toglierselo di torno per uscire con gli amici.

    Mi dispiace, ma i figli crescono e si separano dalla famiglia d’origine: è egoismo di un figlio quello di pretendere che i genitori vivano come sacerdoti, devoti al figlio-totem stesso. Ed i genitori non se ne ritrovano niente.

    E’ finito l’italiota tempo de “i figli so’ pezz’ i core” (o come si scrive, sono di Roma quindi non so scrivere il dialetto napoletano, tantomeno parlarlo). I figli crescessero, e vengano abituati a crescere e ad assumersi le proprie responsabilità, sin da piccoli. Basta con questi bambocci (lo si vede alle medie) viziati, che poi fanno i bulli quando hanno ancora la bocca sporca di latte, perché le famiglie gli danno TUTTO quello che vogliono.

    Ok, la bimba ora ha solo 8 anni, per lei è difficile capire: ma se non viene abituata ora ai “no”, e la vince sempre, e le si dà anche il potere di trattare male chi vuole o di fare la viziata maleducata senza darle una sacrosanta sculacciata quando si comporta così (e gliela deve dare UNICAMENTE il padre), non crescerà tanto bene, e soprattutto imparerà, come lezione assolutamente NEGATIVA, che sbattendo i piedi per terra può controllare la vita delle persone.

    Non c’è cosa peggiore che trattare una persona che ha una difficoltà (dalla persona diversamente abile alla prole di genitori separati) come una persona “anormale”, circondandola di ECCESSIVE attenzioni e cautele che, se non avesse quella difficoltà, non le verrebbero accordate. E’ stupido trattare queste persone diversamente; ed è umiliante per loro.

    P.S.: parlo da figlio di separati (avevo 14 anni – ora ne ho 29 – quando è accaduto il fattaccio, e mi sono preso la responsabilità di crescere e di aiutare mia madre, facendole forza nei momenti più bui che abbia mai attraversato nella propria vita, mentre dovevo farmi forza anch’io, ma in silenzio, per non darle a vedere che anch’io avevo ricevuto una bella mazzata).

  9. 29
    silvana_1980 -

    sono figlia di genitori separati, e la vedo così

    entrare nella vita di un uomo sposato con figli, e pretendere che i figli avuti con la moglie ti accolgano a braccia aperte gentilmente ed educatamente con il sorriso sulle labbra…E’ FANTASCIENZA.

    Le opzioni sono due:
    -affrontare il fatto che la figlia per quante belle belline ti possa fare in futuro ti vedrà sempre come l’intruso…e te lo farà volutamente notare
    -mollare tutto e optare per un uomo libero

    mio padre se n’è andato di casa per 4 anni, in quei 4 anni non ha fatto neanche una telefonata a casa per sapere come stavo, si è trovato una compagna che non ho mai conosciuto di persona…e poi quando è stato scaricato da lei si è ricordato di avere una figlia

    io non ho mai fatto scenate, il rapporto tra i miei non è mai stato idiliaco, mio padre in casa è stato sempre più un fratello che si faceva i ca%%i suoi che un papà…che se ne sia andato di casa è stata una liberazione

    tuttavia, restavo pur sempre sua figlia e con una telefonata ogni tanto non perdeva del suo…comunque, è andata così cosa volete che vi dica

    non lo odio ma non l’ho mai capito come persona

    ora…cerca di recuperare aiutando me e mia mamma con le spese per i mobili della casa, offrendoci pranzi e cene facendo finta che siamo la famiglia del mulino bianco

    sto al gioco, ma credetemi…delle volte quando lo sento parlare dei valori di una famiglia trattengo a stento un “va a keghèr”

    quando poi ha proposto di tornare a vivere n’altra volta assieme la proprio non ce l’ho fatta più e ho detto NO (troppo comodo…va…torna…non la sua famiglia siamo…un albergo…si attacca al tram la sua scelta l’ha già fatta e nel frattempo l’ho fatta anch’io. Meglio ognuno per se)

    sua figlia non ti potrà mai volere bene, e forse non potrà più volerne come prima neanche al padre…starà al gioco, ma sparlerà di voi in vostra assenza

  10. 30
    Monk -

    @Helmut: dici che ognuno di noi rimane innamorato del genitore di sesso opposto a vita.

    Mai sentito che una cosa simile sia normale, anzi: non so quale Tribunale frequenti, ma nelle separazioni giudiziali, quando si tratta di valutare se sia conveniente o meno disporre l’affido condiviso nel caso in cui uno dei genitori manifesti qualche squilibrio, la permanenza, in quel genitore, del complesso di Edipo o del complesso di Elettra in età adulta, ravvisata a seguito di C.T.U., è elemento determinante che fonda il convincimento del giudice che sia meglio, per il minore, incontrare quel genitore con le opportune cautele, in una struttura adeguata e/o con la presenza degli assistenti sociali, ma MAI da solo/a.

    Un complesso di Edipo o di Elettra in età adulta è un problema, un grosso problema, a detta di qualsiasi psicologo competente (e in genere le C.T.U. non vengono affidate al quisque de populo).

    Quanto ai Paesi poveri, dietro alla sfaccettatura di un diamante (come la chiami tu), o dietro i pozzi di petrolio, ci sono guerre civili e atrocità volutamente ignorate, approvate o addirittura perpetrate (Iraq, anyone?) dal cosiddetto mondo occidentale. Ci si può andare a battere il petto in Chiesa (e lo dico da cattolico!) come fanno in molti, con i loro bei gioielli in vista (salvo poi uscire dalla Chiesa e prendere a calci il primo senzatetto che chiede loro l’elemosina), e tapparsi le orecchie sulla provenienza di quei gioielli (un po’ come si faceva prima con le pellicce, quando si faceva finta di non sapere come volpi, visoni e foche venissero trucidati). C’è anche chi compra al mercato nero, dai bracconieri africani, mani di gorilla per farne un bel portacenere nella propria lussuosa casa; oppure chi cerca di procurarsi avorio a tutti i costi, ed illegalmente, per farcisi una scacchiera da esibire con gli amici.

    E’ proprio grazie alle persone che si tappano le orecchie e non accettano dati di cronaca che quei Paesi sono e rimarranno poveri. La guerra civile, peraltro, fa lì comodo alle grandi multinazionali che dovrebbero altrimenti pagare, a legittimi e stabili Governi, fior di quattrini per poter sfruttare i giacimenti minerari e/o petroliferi.

    Chi non lo vede è un grande ipocrita o un grande cieco.

Pagine: 1 2 3 4 5 8

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili