Salta i links e vai al contenuto

Lettera alla donna che mi rubava papà

Questa lettera è per la donna che entrava in casa mia e tentava mio padre… lui non è vittima ha chiesto perdono per il suo errore scegliendo la sua famiglia…
Il mio non è un urlo ad una donna per gelosia…
la spietatezza dell’odio mi destabilizza e devo urlare al mondo il dolore di una figlia verso una donna spietata… Grazie a tutti…

Sono ferma mentre cerco di tradurre in parole i miei sentimenti… si… il mio sentire..
Sai quella sera, forse l’ultima che sei entrata in casa mia… ti guardavo e pensavo: “chissà forse non è come dicono”
Non capisco perché ma all’improvviso mi parlasti dei messaggi che ti avevo inviato per informarmi dello stato di salute del mio papà… pensai che era un tuo modo per comunicare con me… era un mio tentativo di vedere la realtà bella… un mio modo per difendermi dalla merda che riempie il mondo…
Se penso a te… penso al fatto che accogli la vita, ne vedi la magia e la meraviglia…
Aiuti le donne nel dolore a mettere alla luce una vita nuova… che bello sei la prima a vedere la vita…
Mi commuovo se ci penso… vedi una donna mentre custodisce la vita, l’assisti in un dolore lacerante, la conforti, la sostieni, le stringi la mano e poi gioisci con lei… forse sei la prima a sollevare i papà deboli e impauriti… che dono ti hanno fatto…
Sei questa?
Penso ai palazzi imbiancati, belli e puliti che nascondono scale lercie e maleodoranti… cadenti…
Penso a donne che comprano creme chanel e lasciano che i lavandini si otturino con i loro stessi capelli…
Penso ai loculi puliti e candidi che custodiscono corpi marci in putrefazione…
Penso a te…
Non riesco a trovare le parole giuste, forse non esistono… e utilizzo le metafore perché i colori del mio linguaggio non sono adatti a te… tu colori la vita con sfumature che non conosco ma che oggi “riconosco”
Sei come quei palazzi, quei loculi e quelle donne chanel… ma non per il candore di un loculo, né per l’eleganza chanel, né per l’imponenza di un palazzo imbiancato…
Ma sei così per la vita che ostenti e quella che sei…
Ogni mia lacrima versata sarà pugnale dentro te… ma non nel cuore… non ce l’hai…
Ogni tuo minuto passato in casa mia sarà minuto di sofferenza quella più atroce…
Accogli la vita… e distruggi la vita… i giorni di dolore che mi hai dato saranno per te giorni di atroce follia…
Tu non sei lacerata nel volto… tu sei lacerata dentro…
Ogni momento passato con la tua vicinanza è motivo di vergogna e imbarazzo…
Hai seminato cause orribili nel mondo… se immagino gli effetti che raccoglierai… provo paura… paura per quello che l’universo ti restituirà…
Quanto dolore ha trafitto il mio cuore e la mia anima…
Ma l’amore… ne sono immersa e sommersa… e questa è la ricompensa di Dio per me…
Ti perdono perché il perdono è la mia salvezza…
Ti perdono per la tua spietatezza
Ti perdono perché sono una donna pulita e sana
Ti perdono perché non sono nessuno per condannarti
Ti perdono perché non sono un giudice
Ti perdono perché provo una grande pena per te
Ti perdono perché sei spietata ma non è colpa di nessuno se sei così
È inutile che cerchi di bruciare tutti… perché alla fine continui a bruciarti da sola…
Ti perdono ma ti disprezzo e sono arrabbiata con te ma incanalerò la mia rabbia per amore di Dio…
Hai visto mia nonna soffrire nel suo letto… sei una traditrice senza eguali…
Spero che Dio ti perdoni semmai ti pentirai del male che fai…
Il suo comandamento… te lo ricordo “non desiderare l’uomo di altri” soprattutto se è padre…
Addio e buona vita che Dio sia con te… da oggi tu per me di nuovo non esisti!
Angela…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

1 commento

  1. 1
    cassandra8 -

    Ciao “Angela80”! Non scusarti per lo sfogo, ogni tanto serve per stare meglio. Devo dire che le tue parole mi hanno davvero colpito. Mi sono piaciute le tue “metafore”… Parole di disprezzo, ma dette con eleganza e con intelletto. Non sei stata volgare e questo non è poco di questi tempi… Non ho ben capito cosa ti abbia realmente fatto questa donna, ma spero comunque che troverai pace e smetterai di soffrire. Nel frattempo ti mando un abbraccio.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili