Salta i links e vai al contenuto

Lettera a Gesù Bambino

Lettere scritte dall'autore  

A NATALE VORREI AVERE IN DONO UN’ITALIA MIGLIORE!

Natale 2008

Caro Gesù Bambino, non sono un bambino ma un adulto, ti scrivo affinché esaudisca il mio sogno più grande, vivere in un’ Italia diversa, più civile, più saggia, più responsabile, più moderna. Vorrei vivere in un’Italia onesta, civilmente consapevole, dove non sia la regola il cercare di imbrogliare il prossimo, dove gli esempi di correttezza e rigore vengono dall’alto, da chi ci governa, da chi detiene le redini del potere, dell’economia, dell’educazione scolastica e universitaria, dello sviluppo scientifico e industriale. Desidererei un’Italia priva di malaffare, di malavita più o meno organizzata, di camorra e mafia, di commistione tra queste e la finanza, tra queste e la politica deviata, tra queste e gli apparati deviati dello Stato. Vorrei un’Italia capace di sorvolare i depistaggi e raggiungere la Verità sulle vecchie e nuove stragi, capace di onorare i molti Giornalisti eretti di fronte al potere torbido, dotata di una magistratura non politicizzata ed efficiente che pretende dalla politica leggi certe e moderne, adeguate ai tempi, capace di punire i disonesti in carcere, non nelle ville con piscina, capace di indagare anche gli intoccabili senza subire la rimozione o la “promozione”. Gradirei città emerse dai rifiuti, Napoli bella come le compete, una Capitale Europea, città prive di Commissari inefficaci e inefficienti nel risolvere i problemi dei cittadini, vorrei le dimissioni di certi personaggi loschi della politica, l’assenza di spalleggiamento politico, la coraggiosa espulsione delle mele marce dai partiti. Mi piacerebbe vivere in un’Italia con infrastrutture adeguate e al servizio del cittadino e dell’impresa, generatrici di sviluppo, in una Terra che non ha bisogno di un Ponte da Guiness dei Primati ma di una Salerno-Reggio finalmente ultimata, di acquedotti funzionanti nel Mezzogiorno e in Sicilia, di semplice manutenzione nelle Strade Ordinarie, di una linea ferroviaria ad alta velocità con costi a chilometro pari a quelle Europee, di semplici romantici stivali per l’acqua alta di Venezia o, meglio, di sistemi tecnologici semplici e simili a quelli adottati in altri Paesi Europei, che ha bisogno di Energie rinnovabili, di Tetti Fotovoltaici, non di anacronistiche centrali nucleari, di soluzioni razionali e relativamente economiche, non di progetti faraonici adatti agli appalti e al nutrimento del malaffare e della politica. Sogno un Paese dove lo Stato non svende i suoi gioielli regalandoli agli amici furbetti, privo di costosi enti-carrozzone infarciti di clienti dalla politica, dove funzioni la Sanità, con operatori veramente titolati e capaci, non dedita a garantire finanziamenti illeciti alla criminalità e alla politica, non solo una fiorente sanità privata, dove non si muore per una appendicite o una liposuzione, dove i Primari non sono calati sulle poltrone dalla politica per meri scopi speculativi, una Università priva di Baroni dove i concorsi sono limpidi, dove i Cognomi variano e dove ci si possa fare spazio per meriti personali. Pretendo un’Italia laica che sperimenti con responsabilità etica le nuove frontiere della biogenetica, lontana dal medioevo culturale riproposto dalla religione, lontana da ogni forma di potere parallelo allo Stato e alla Res Publica, lontana da vecchi e nuovi pagliacci con il grembiulino triangolare capaci solo di corrodere le Istituzioni dal loro interno nel tentativo di rinverdire i fasti, le caste e i privilegi perduti, lontana dai defunti echi di discutibili Reali, Conti e nobiltà decadute e sostituite dalla Costituzione, lontana da casate familiari di stampo ottocentesco, da un clientelarismo di stampo Borbonico. Caro Gesù Bambino, nei tuoi regali per gli adulti e i bambini poni un bigliettino: si può cambiare, come i Popoli Civili hanno fatto e fanno quotidianamente, si può cambiare partendo dall’educazione familiare, fulcro della Società, dall’educazione scolastica e dai valori civili; si può cambiare partendo dalle urne, liberandoci dei politici di professione, affaristi, opportunisti, iene, parassiti sociali.

Lo so, ti chiedo molto. E’ la disperazione che fa chiedere l’impossibile alle persone improbabili.

Con affetto, Babbo Natale.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini

4 commenti

  1. 1
    Bob -

    Caro Savio anzichè scrivere faresti prima a cambiare paese.
    Ciao.

  2. 2
    pieros -

    carissomo amico …mi sa che ti devi rivolgere a S.GENNARO…affinche’ faccia il miracolo….

  3. 3
    Pasquale -

    ciao a tutti! mi chiamo Pasquale e ho 16 anni. Con questa lettera voglio far sapere a tutti l’amore che io provo per Gesù nostro maestro e nostra guida!!!Io amo moltissimo Gesù più della mia vita!!!mi sento molto strano dai mie amici perchè secondo me sono l’unico che segue a Gesù,svolge le preghiere!!!io non ho ancora capito perchè sono nato,quale sarà il mio futuro,che persona sarò!!!vorrei tanto saperlo..sò solo che Gesù è sempre vicino a me e quando parlo di lui e ascolto musica classica piango sempre dalla voglia di vederlo e di aiutare i bambini meno fortunati di noi!!!vorrei vedere e ammirare questo mondo pieno di guerra,dolore,povertà e morte!!!!ma perchè tutto questo??secondo me perchè a volte le persone si dimenticano di Gesù,di quello che ha creato!!!perchè distruggere tutto quello che il Signore ha creato??non capisco…carissimi amici io vi supplico di seguire Dio con tutto l’amore che avete nel vostro cuore!!mentre scrivo questa piccola lettera sto ascoltando la colonna sonora di paolo buonvino chiamata “vita eterna”. sentitela pure voi e pensate a Gesù,pensate a tutto il dolore che c’è in questo mondo,alla sofferenza dei bambini,dei ragazzini che muoiono…Gesù io ti amo e continuerò a seguirti per tutto il resto della mia vita!!!!Gesù è amore,speranza,fede,salvezza e tanto altro!!!se volete parlare con me il mio contatto msn è alunno93@hotmail.it non ho problemi!!tutte l’età!!!ciao a tutti… Pasquale

  4. 4
    Karolina -

    ciao Gesù bambino per natale per favore vorrei un monopattino una bici e l’intendo 3d S
    con i giochi

    grazie
    un grosso bacio
    ciao da KAROLINA
    AUGURI DI BUON NATALE

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili