Salta i links e vai al contenuto

L’Amore che nasce dalla Morte

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a Tutti
sono nuovo, il mio nickname è Zaffiro, ed ho trovato questo sito per caso, mentre navigavo in cerca di “condivisione” per le mie pene d’amore.

Si, finalmente sento quella sensazione meravigliosa che è l’amore, fatta di tanta sofferenza e di tante piccole gioie, che a volte possono scaturire anche dal gesto più insignificante della persona di cui sei innamorato.

La mia storia, è questa :

ho cominciato a frequentare, prima per sincera amicizia e poi per qualcosa di più… una ragazza bella dentro e fuori, ma con alle spalle un trauma terribile, ovvero la perdita del fidanzato, morto in seguito ad un blocco cardiaco. Terribile ferita che forse porterà dentro per sempre. Questo è anche accaduto relativamente di recente, quasi cinque mesi or sono.

Anch’io vivevo un periodo davvero brutto, la fine di una storia molto importante, che aveva lasciato con se l’usuale strascico di dolore e sfiducia nel sentimento per cui un pò tutti noi viviamo.

Conosciuta però quest’altra ragazza, abbiamo cominciato dopo un pò di tempo ad uscire da soli, fino a terminare in effusioni meravigliose, ed a sviluppare un rapporto di sincerità ed onestà, un dialogo aperto e chiaro dove le ho dato la possibilità di esprimere sempre le proprie paure e perplessità verso un amore che non si aspettava, che forse per lei non è ancora amore (giustamente) e verso la mia volontà ferma di aspettarla, attendere il giorno in cui potrà aprirsi con totale libertà.

Si, perchè un altro suo problema è anche quello di dover condividere con la sua famiglia, con la famiglia del suo fidanzato defunto, la volontà (che mi ha chiaramente comunicato) di ricominciare daccapo e di non voler essere presa per la ragazza “da commiserare”, ma una persona che ha già reagito.

Eppure, quanti momenti di buio, è normale non mi aspettavo rose e fiori, ma ho abbracciato la croce con tutto me stesso, e da questo ho capito di esserne veramente innamorato, nel vero senso della parola, rendendola primo ed ultimo pensiero di ogni giorno… anche quando lei disse “e se dovessi scoprire che sto insieme a te per solo per essere felice per forza?”, e le risposi chiaramente, cosa di cui sono convinto, che anche se mi avesse allontanato o scoperto questo avrei continuato ad amarla con tutto me stesso.

Ed è questo che mi da pena, il sapere che un suo momento di paura o di sbandamento possa portarmela via, in questi giorni è tornata in crisi e, al contrario delle scorse volte, rimane in un silenzio che mi fa paura e che non mi lascia pensare nulla di buono. Non so se chiamarla, contattarla, perchè è una donna che esige i suoi spazi di riflessione, che sto rispettando attendendo un suo segnale, senza slanciarmi nel più banale squillo di cellulare. Farò bene? Oppure bisogna osare, come ho osato avvicinandomi a lei nel suo periodo più nero?

Per me è un fiore prezioso di cui ho paura a sgualcire il singolo petalo, perdonate la frase melensa ma non penso che riuscirei a spiegarmi meglio.

Vorrei quindi condividere con qualcuno quello che non posso confessare a nessuno, essendo questo amore vissuto nel silenzio.

Grazie per aver letto fin qui,
Zaffiro.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

22 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    claudio -

    Atai vicino a lei con delicatezza. Tranquillo che se e’ l’inizio di un vero amore, questo momento passera’. Purtroppo non hai conosciuto una ragazza che si e’ lasciata ma una ragazza che ha perso il ragazzo che amava. Quindi tempo al tempo e saprai la verita’.

  2. 2
    Walter -

    Ha gia detto Claudio quello che c’era da dire ,posso aggiungere non condividere solo problemi e tristezza se no diventi l’eterno amico :-)) Buona fortuna

  3. 3
    Elvis -

    Ti capsico benissimo questo destino anni fa mi stava per toccare da vicino.Nel senso che io stavo morendo.Ma vissi altri 6 anni da llora con la mia ex.Poi lei ad un tratto ha comunque finito di amarmi inspiegabilmente.tutti pensavano che la nostra storia durasse x sempre.Unita da dolore amore ed emozioni rare.. Ma alla fine ho capito che nulla è eterno e nulla è xfetto.Lei a gennaio di questa’nno mi lacsia x sempre.(sembrerebbe dato che è scomparsa)Da allora non mi ha chiamato.Nulla di nulla.Quindi non avere paura passerà anche a lei.Se vuoi un mio consiglio racconta a lei la mia storia.Perchè capisca che stare male x una persona che muore non serve a nulla.Anche xchè comprendo che il dolore amplifica l’amore.Dille queste mie parole(dille che è quasi come se gliele dicesse l’ex)lei deve andare avanti,anche x lui.Xchè nulla è eterno. in questa vita.

  4. 4
    claudio -

    Caro Elvis e’ vero che non c’e’ niente di eterno in questo mondo, ma e’ anche vero che tante coppie riescono a rimanere insieme per tutta la vita finche’ morte non ci separa. Bhe’, questo per me e’ eterno. Se poi come dice qualcuno lassu’ che la vita continua……………..io ci spero.

  5. 5
    Zaffiro -

    grazie a tutti dei vostri commenti,
    sono felice già del fatto di aver condiviso ed esternato quello che diventava un “peso” nell’essere trattenuto dentro.

    Sono daccordo con chi scrive “non diventare l’eterno amico…” infatti non si sfoga più della sua sofferenza ma si parla di “Noi” e delle possibilità che abbiamo di andare avanti : cerchiamo (cerca) di superare i timori legittimi di questa situazione.

    E’ tornata a parlarmi, e le ho chiesto di darmi la possibilità di poterle stare accanto, di dimostrarle la sincerità e la profondità del mio sentimento.

    Certo non è più come la scorsa settimana, dove c’era un intenso scambio di effusioni e la continua voglia di sentirsi, ma spero come scrivete che il momento passi, e che torni fra le mie braccia, scoprendo che la sua vita continua, che sia con o senza di me; voglio comunque il suo bene.

    Grazie per i commenti, mi sarei aspettato un “lascia perdere” genereale, lo ammetto :-p !!!

  6. 6
    Ari -

    Ma caro! che animo gentile… sei una benedizione per la tua ragazza. La vita restituisce, prima o poi, quello che prende, in questo lo ha fatto molto presto.

  7. 7
    Leyla -

    Anch’io ho una situazione simile. Lui ha perso l’amore della sua vita più di 10 anni fa e io ho lasciato il mio fidanzato per lui. Stiamo insieme da 6 mesi e lui dice che preferisce me, ma io lo so che certe cose non passano e mi chiedo: se lei fosse viva mi avrebbe amato? Mi sento al posto sbagliato quasi come avessi preso il suo posto. Mi sento in colpa ma so bene che non dipende da me. Io ero piccolissima all’epoca dei fatti e non lo conoscevo. Lei era una modella bellissima e per quanto so bene che lui mi ama (mi parla di matrimonio e mi ha fatto una corte serratissima per un anno nonostante fosse molto richiesto da altre donne) ho sempre paura ma lo amo da impazzire e lo consolo quando capita che pensi a lei in certi momenti. Vorrei solo mi amasse al 100% ma forse questo non succederà mai perchè chi come il mio lui e come la tua lei hanno un trauma così non ameranno mai più al 100%. Non so che dire forse sono esagerata ma non è bello consolare l’uomo della propria vita quando piange per un’altra donna. Ti capisco davvero…vivo il tuo dramma…e soffro anch’io. Chissà forse il tempo…

  8. 8
    Laura -

    anche io ho perso 1 mese e mezzo fa il fidanzato con cui stavo da 8 anni e ci dovevamo sposare alla fine del mese di settembre…penso anche io che non riuscirò più ad amare un altro uomo..ho solo lui nella testa e credo che se frequentassi un altro lo illuderei soltanto e lo farei soffrire per cui ho deciso di restare da sola.
    Non so se e quando finirò di soffrire ma credo che ci vorrà molto tempo.
    Credo sia molto difficile per una persona stare vicino a chi ha perso in modo tragico il proprio uomo..io non so come uscirne..ma non è un altro rapporto che cerco..vorrei solo un amico con cui riempire questo grande vuoto che ho dentro di me.
    Laura

  9. 9
    annamaria -

    quasi un anno fa ho perso tragicamente anch io il mio fidanzato.. lo amavo più della mia vita, lo amo ancora e Dio solo sa quanto mi manca, quanto sto male ancora. Prima di morire mi ha detto che solo in quel modo il nostro amore sarebbe stato eterno e che mi avrebbe aspettata li.. si perchè sono sicura anch io che da qualche parte c’è un’altra vita, migliore di questa,più vera,più bella. guardo costantemente le nostre foto,ascolto di continuo dei cd in cui lui cantava al karaoke e anche se tutto ciò mi distrugge,mi fa star malissimo sento che lo devo fare perchè in quei momenti è come se lo avessi vicino,se fosse tra le mie braccia. quanto tempo ho sprecato a litigare quando lui era in vita, quanto tempo perso.. ma che nostalgia di quei tempi, che voglia di baciarlo, di toccarlo. purtr ho paura di non riuscire più ad amare,ho paura che una futura persona possa di nuovo lasciarmi da sola, ho paura di essere presa in giro,di piangere ancora, di sentire ancora quel nodo in gola che ti stringe talmente tanto forte che non ti fa respirare. mi chiedo se lui mi vede, se riesce a sentirmi quando parlo con lui, quando gli chiedo di darmi un cenno, quando gli dico di portarmi da lui.. si perchè ormai dentro di me c’è solo tristezza, rabbia nei confronti di questa vita che ti toglie le cose più belle.. e ormai vivo con la speranza di raggiungerlo al più presto perchè sarò felice solo quando arriverà quel momento

  10. 10
    Leyla -

    Torno a scrivere dopo tanto tempo…
    Non sapevo neanche se fosse il caso perchè questo tema mi sconvolge. Purtroppo io come Zaffiro mi trovo ad amare una persona che ha perso il grande amore, ma tanto tempo fa. Lui dice che con me ha trovato la serenità e tutto il resto ma che lei avrà sempre un posto nei suoi ricordi. Sono giù per questo, ma soprattutto perchè mi sento in colpa per questo assurdo egocentrismo. Avrei voluto essere per lui quello che era lei. Sono arrivata a dirgli persino che avrei preferito essere io dall’altra parte. Sono sbagliata io mi sa, ma non riesco a controllarmi e sono triste perchè se è vero come è vero che ha scritto per me un racconto (per altro pubblicato e che nella nostra regione sta andando bene) ne ha appena terminato uno che parla di lei e dell’amarezza della perdita. Lui dice che in realtà lei è coprotagonista, nulla di più ma io sto male…
    Zaffiro scusami tanto. Tu sì che sei forte. Vuoi conquistarla e aspetti accontentandoti, per così dire, di essere arrivato dopo con il rischio di essere secondo, io invece ci sto insieme e lui fa per me cose belle ma non ci riesco a non piangere la notte perchè mi sento l’eterna numero due. Zaffiro ti ammiro. Vorrei essere come te.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili