Salta i links e vai al contenuto

La mia canzone malinconica che ascolto continuamente

Lettere scritte dall'autore  

È una settimana che mi ha lasciato. Non ho voglia di raccontare la mia storia, ma voglio che qualcuno condivida la canzone che ascolto in continuazione, spesso piangendo.
Non era la nostra canzone, lei forse non la conosce nemmeno, è la MIA canzone per questo mio momento triste.
Al dolore dell’abbandono si sono aggiunte altre malinconie che con lei non c’entrano, malinconie che avevo conosciuto tanti anni fa e che credevo svanite.
Qualcuno mi fa il piacere di ascoltare questa canzone per farmi sentire meno solo?
la canzone
Ciao.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Cultura - Me Stesso

7 commenti

  1. 1
    alice -

    io l’ho ascoltata,e mi ha emozionato e mi ha permesso di versare lacrime che credevo di avere perso…l’ho sentita pensando che anche tu la stessi sentendo nello stesso modo… spero che ora tu ti senta un po’ meno solo…
    un abbraccio.

  2. 2
    kiply -

    Io l’ho ascoltata…

  3. 3
    Giusy -

    L’ ho ascoltata anch’ io.Non la conoscevo e mi ci sono ritrovata in una lettera che forse molti di noi hanno scritto nel proprio cuore.

  4. 4
    Fabi -

    Kiply grazie per averla ascoltata e Alice davvero mi sento meno solo dopo aver letto quello che hai scritto!

    Ho trovato una parola che stona un po’ nel testo bellissimo, la parola “cervello” proprio alla fine della canzone. io avrei usato un altra parola come “mente” o comunque un altra meno “anatomica”.
    ciao.

  5. 5
    Fabi -

    Grazie giusy di averla ascoltata.

    Oggi mi sento un po’ più tranquillo e alterno la canzone ad un’altra sempre di fiorella mannoia, forse più nostalgica ma meno triste

    http://www.youtube.com/watch?v=4iflub5U89g

    Se vado avanti così nel 2012 arriverò alla macarena.

    Un abbraccio.

  6. 6
    carletten -

    Fabi… morto un papa se ne fa un altro. Sai quante donne ci sono al mondo… dammi retta, non vale la pena intristirsi per la fine di un amore. per curare uno shock ce ne vuole un altro: fatti un viaggio, una vacanza magari, che so, in un paese esotico. lavori? prenditi un periodo… tanto le donne son tutte str…. servono solo per soddifarci……… chiaro? tirati su e ricorda che “acqua passata non macina più”. Un saluto sincero.

  7. 7
    Fabi -

    grazie carletten,

    si in effetti mi sto rendendo conto che lei c’entra relativamente, diciamo che sto appoggiando a questa cosa certe mie nostalgie che già esistevano prima e che ogni tanto tornano a galla (e forse è meglio che vengano alla luce piuttosto che continuno nascoste a crescere in silenzio).
    ciao.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili