Salta i links e vai al contenuto

La colpa del part time

  

Non sto a ripetere i motivi per cui il part time è diventato l’unica mia speranza di vita, ma perchè si vocifera che si può chiedere solo per motivi di salute e che riduce l’anzianità contributiva? Ho letto le leggi e chiesto a colleghi che si occupano di pensioni e contributi e gestione del personale e non è così. Perchè il parttimista è così disprezzato da capi e colleghi? Cosa toglie per quelle ore in meno che non gli vengono pagate e che creano nuovi posti di lavoro? Una mia collega fa 18 ore e riceve i commenti quotidiani ‘alle 11.30 se ne va”chissà come farà con la consuntivazione e il rendimento’. Ha pure avuto un rimprovero scritto per rendimento lavorativo in un settore di quasi 10 persone, definito sovradimensionato dall’ordine di servizio, che è terribilmente indietro. La colpa di un settore sovradimensionato è di una che fa 18 ore e si è assentata recentemente 3 settimane per avvelenamento da pesce inquinato? Inutile dire che anche questa collega ha problemi di salute che non ha voluto sbandierare con la legge 104, si è avvalsa di un suo diritto accontentandosi di uno stipendio famelico. Ma c’è qualche capo che non chiede straordinari?Da me prima li riconoscevano a riposo compensativo,poi sottobanco e allo stesso tempo ferocemente li chiedevano gratis per il bene dell’ufficio.Mi fecero il lavaggio del cervello che tutti fanno i sacrifici e lavorano gratis per l’ufficio,tant’è che quando mi chiesero di firmare per gli straordinari a pagamento firmai NO.Se tutti lavorano gratis e sono per l’aumento dei posti di lavoro che bisogno c’è di chiedere straordinari pagati?Per sentito dire sono proprio i precari a rifiutare questo genere di richieste per gli infiniti maltrattamenti di chi difende i propri diritti.

L'autore ha scritto 10 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro

10 commenti a

La colpa del part time

  1. 1
    Isis -

    Non so Lupetto…
    Io ho chiesto il part time a 30 ore settimanali,per problemi di salute,ma da me c’è chi lha chiesto per problemi personali, per questioni di famiglia..insomma se servesi chiede,punto…in quanto ai contributi…va beh ne versiamo di meno per cui dpvremmo lavorare di più quello è logico….Poi ovvio io non lavoro in P.I. per cu non so se le cose sono diverse da voi..
    Per quanto riguarda il mal vedere chi fa part time posso dirti che tutto il mondo è paese….seuno fa full poi passa a part time….si..crei posti di lavoro si, ma in realtà fai un toro a chi ti ha assunto e non ha la minima intenzione di assumere altre persone da formare e da affiancare ( perdita di tempo… ???!!!)…Poi dipende se chi fa part time è da molto tempo che lavora o meno perchè se hai anzianità, insomma ti vedono un pelo meglio se invece sei nuovo….ti vedono proprio male, poi dipende dalla mansione….da noi per dire chi fa part time a 20 ora fa un pò fastidio, per problemi logistici più che altro e anche se sono risolti ora, se queste persone facessero almeno 30 ore settimanali sarebbe più comodo in una visione produttiva….ma parlo non per me, seconod me è ovvio che se si ha bisogno ( logistico) di lavorare meno non è che fa piacere farlo e prendere meno….ma al livello industriale e privato…nelle P.I…..non capisco questo astio…

  2. 2
    lupetto -

    Se vedessi cosa si produce nella p.a.,si fanno migliaia di pratiche inutili per raggiungere l’obiettivo.L’anno scorso in estate per arrivare a quota 1500 pratiche si chiesero i duplicati agli studi privati solo per farne figurare il numero.L’ultimo giorno l’obiettivo era già raggiunto,uscii un’ora prima in flessibilità secondo i regolamenti dell’ufficio e ebbi il rimprovero del capo’Non puoi stare un’ora di +?’.Cosa serviva a obiettivo raggiunto?Non rubavo niente a nessuno,avevo 30 ore di credito orario da godere.E’ una mania chiedere straordinari.L’istanza va fatta alla regione e inoltrata dall’ufficio locale,non si capisce quale sia la discrezionalità di un ufficio locale in merito.Comunque è soprattutto la donna a sentirne il bisogno perchè nonostante la parità tanto acclamata sul lavoro la donna ha sempre + problemi.Secondo la parità sul lavoro la donna al pari dell’uomo ha moli di lavoro,sposta i pacchi pesanti,serve il primo utente che gli capita,va in giro,finisce tardi alla sera e viaggia coi rischi dei mezzi pubblici.Inutile,quelle belle e brave femministe che fanno finta di difendere le donne per la loro poltrona sono da prendere a calci nel c…,provino loro la parità sul lavoro.Mi sta bene parità nell’assunzione ma non nelle mansioni.Allora mettiamo gli uomini a fare i segretari,a cucire,a cucinare,a fare i baby sitter.Già solo l’essere donna dovrebbe dare priorità al part time.Oppure bisognerebbe stare a tempo pieno e pestare giù mesi di malattia coi propri acciacchi,almeno si prende lo stipendio pieno.

  3. 3
    Leilaluna -

    non si lavora mai per la gloria, e soprattutto per il bene dell’ufficio, perchè non pensano al tuo di bene?? che sporchi approfittatori. Anche io se faccio degli straordinari non mi sono retribuiti, ma vengono compensati dai riposi.
    A me va più che bene perchè tanto se anche fossero stati pagati mi avrebbero tolto tutto in tasse.
    meglio una bella vacanza di qualche giorno come ora.

  4. 4
    Isis -

    Non dirlo a me…io faccio part time per motivi di salute ma in realtà al lavoro faccio anche il magazzinieree il meccanico…per cui…e pensa un pò, prima avevamo un magazziniere /meccanico uomo e veniva pagato più di me….oltre al danno la beffa….
    Non ho mai capito comunque sta storia della produttività per mole di pratiche oltre al fatto che penso che la buracrazia italiota sia alla fine dei conti oltre che ingombrante anche inutile per certi casi ( molti)….oltre tutto se l obiettivo era raggiunto…perchè non potevi uscire prima…. ma che ambiente di lavor…non ti invidio per nulla…

  5. 5
    Isis -

    Hai ragione Leilaluna, a me li pagano ma vanno tutti in tasse…. magari mi andassero in ferie, o riposi retribuiti…. magari…

  6. 6
    lupetto -

    Lo stato è definito il peggior datore di lavoro.Pensate che l’ufficio in cui lavoro non ha nemmeno il pavimento,c’è una lastra di plastica nera orrenda e ruvida che ricopre il suolo.I soffitti sono di lastre e neon che affaticano gli occhi.Le postazioni hanno i tavoli bassi e le sedie sporche e luride di acari.Molte finestre sono rotte e alcune tapparelle bloccate.Il riscaldamento è dato da vecchissimi termosifoni che soffocano e il lusso dell’aria condizionata è utopia.Le biro macchiano e scarseggiano,i pennarelli si spappolano,le colle straripano o si seccano immediatamente.Le stampanti non ne parliamo.Che c…. produce lo stato?

  7. 7
    Isis -

    bella domanda, >Lupetto, non pensavo ci fossero uffici messi così male…a prorposito di mal vedere chi fa part time, oggi una collega si è lamentata perchè a parer suo noi non abbiamo responsabilità, essendoci di meno sul lavoro, a differenza di chi fa full…seee, come no…che noia queste lamentele insulse e senza senso…

  8. 8
    Leilaluna -

    ah bè, il mio datore di lavoro è così taccagno che non vuole sganciare i soldi nemmeno per gli straordinari che vanno in tasse.

  9. 9
    lupetto -

    Su questo beata te,da noi fanno un c… così ai giovani per gli straordinari,magari pure gratis perchè pagarli o riconoscerli a riposo compensativo dà troppa responsabilità.

  10. 10
    Leilaluna -

    beata me.. no.. credo che se tu lavorassi dove lavoro io non lo diresti.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili