Salta i links e vai al contenuto

Invidio gli amici e sono felice dei loro insuccessi

Ciao a tutti, ultimamente (1-2 anni, ma è aumentato negli ultimi 8 mesi) mi sento sempre più demoralizzato, sento di valere poco e la mia autostima (o meglio, le mie aspettative verso il futuro) è crollata. Una cosa di cui mi vergogno, ma che è diventata una costante, è la seguente: non riesco a gioire dei successi dei miei amici, ma ne sono invidioso, e molto spesso spero che le cose non vadano bene per loro. Ad esempio: in ambito universitario vivo con angoscia il fatto che colleghi che reputo meno capaci di me abbiano un rendimento superiore al mio, e non riesco a spiegarmelo, consapevole del fatto che non sono uno stupido; ma questo è il meno. Se andiamo in campo sentimentale, le cose peggiorano: non ho mai avuto una vera ragazza (ho 23 anni) e l’unica persona di cui mi ero davvero innamorato, un’amica, ci ha ripensato dopo un mese…questo avveniva a Ottobre. Per uno come me, di aspetto normale, che contava parecchio sulla personalità ( mi reputo determinato, simpatico e non uno stupido) è stata una bella batosta:credevo che avrei solo potuto conquistarla di più, con il tempo, invece è avvenuto il contrario… sono una persona molto sensibile, ho tentato di riconquistarla ma senza successo. In ogni caso, anche da molto prima di questa parentesi, ho sempre vissuto con angoscia i “gossip” riguardanti i miei amici: sapere che avevano cominciato una relazione con qualcuno/a mi ha sempre abbattuto, perchè poi guardavo a me e capivo che la mia situazione era sempre questa, ovvero una condizione di solitudine vissuta con sofferenza. Ho un amico, ad esempio, che aveva cominciato a frequentarsi con una ragazza, dopo un po’ di tempo però lei si è riavvicinata al suo ex… bene, la notizia di questo allontanamento dal mio amico mi ha reso felice! Mi sento uno schifo, perchè dovrebbe accadere l’opposto! Quando il mio migliore amico, tre anni fa, ebbe la sua prima ragazza, per me fu come ricevere una mattonata in testa: è un ragazzo eccezionale, intendiamoci, ma molto timido, poco aperto e un po’ imbranato, se vogliamo; inoltre questa ragazza gli capitò fra le mani senza che dovesse impegnarsi in alcun modo, e non ho mai ritenuto giusto questo fatto. La settimana scorsa, questo mio grande amico (che ha lasciato da un anno la ragazza ottenuta senza sforzo) è stato avvicinato ad una festa da un’altra ragazza, anche questa piombata dal cielo, fatto che riconosce lui stesso, dicendo che era lì alla festa e non sa nemmeno lui come sia capitato. E’ in questi momenti che la mia parte orribile emerge, perchè, anche impegnandomi, non ho mai ottenuto nulla; sulla carta, anche per ammissioni di alcune amiche, dovrei essere un ragazzo d’oro, poi nella realtà nessuna si interessa a me. Quello che vorrei, anche per una sola volta nella vita, sarebbe di sentirmi importante per qualcuna, in cambio darei tutto me stesso… E’ egoistico, non è vero? L’amore dovrebbe essere solo dare, non ricevere, ma al momento ho bisogno di qualche iniezione di autostima, sono allo stremo. Sono ansioso di natura, ma tutti questi avvenimenti me l’hanno fatta aumentare, tanto che, negli eventi in cui dovrei dare il massimo (esami, o anche tornei sportivi, tanto per dire una stupidaggine) perdo ogni calma, vado nel pallone e rendo meno di un decimo di quello che valgo. E il circolo vizioso ricomincia.
Poi c’è un altro fatto: una volta compreso che la mia “ex” non era interessata per niente a me, ho deciso di non rivederla più, perchè continuo ad essere innamorato di lei; tuttavia, lei è nel gruppo di amici/amiche con cui uscivo spesso, e per non creare problemi e imbarazzi non vedere lei significherà non rivedere nemmeno loro ( è difficile dividere il gruppo).
Riassumendo sono a pezzi: vorrei solo essere felice, “vincere” qualche volta, o quantomeno essere ripagato degli sforzi, soprattutto in campo sentimentale. Mi sto arrendendo, perchè anche nelle piccole cose sto realizzando che non vale la pena lottare, tanto, almeno per me, il risultato non cambia. So di essere un pessimo amico, se non gioisco dei successi altrui. Come uomo evidentemente non valgo molto. Vi chiedo un aiuto, un consiglio

P.S.
Scusate per la confusione dei pensieri esposti, ma è un periodo difficile e lo sfogo è “pensato e scritto”
So che il 90% di voi mi suggerirà di andare da uno psicologo, ma sono purtroppo orgoglioso, vorrei salvare da solo la barca o affondare con essa, non dividerne i meriti con qualcuno ( e poi io non voglio cambiare il mio punto di vista in modo da rinunciare a i miei desideri, vorrei vedere i miei desideri esauditi!)

Grazi a tutti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Me Stesso

3 commenti a

Invidio gli amici e sono felice dei loro insuccessi

  1. 1
    Phil95 -

    Ciao Alex!
    Secondo me dalla tua lettera si denota una voglia di andare avanti, sei testardo (in senso buono!) e così dovresti continuare ad essere: riprovare finché non ottieni….e se non ricevi, guarda e cerca altrove!
    Per l’invidia non è che ci puoi fare molto (parere personale): tutti siamo un po’ invidiosi, chi più chi meno, di quello o di questo, quindi….non ci pensare!
    Se hai un esame o qualche competizione sgombra la mente da ogni pensiero, preparati una specie di rituale o gesto scaramantico….ma comunque abbi fiducia nelle tue possibilità e concentrati! Questo è ciò che faccio abitualmente anche io e nel mio caso funziona: perché non dovrebbe funzionare anche per te?
    Il tuo amico imbranato che ottiene subito una ragazza? Succedono questi casi e anche a me fanno bollire il sangue!
    Sì, è vero! La tua concezione dell’amore è egoistica ma fidati che un po’ di egoismo al giorno d’oggi non fa male, visto come vanno le cose.
    Saluti!

  2. 2
    Roberto -

    Mi sono ritrovato in ogni cosa che hai scritto, intendo dire di aver trovato cosi tante similitudini da sentirmi un tutt’uno con le tue parole.
    Le esperienze del mondo, in fondo, sono simili e si ripetono per tutti.

    Eppure, forse, qualche passettino in più di te l’ho fatto:
    come andare dallo psicologo e scoprire che non mi sarebbe servito a nulla, e fidati non servirà nemmeno a te.
    Io aggiungo alla tua esperienza un tradimento fulminante della mia ex., e un futuro che da due anni si è fatto “faticoso” e solitario.
    Dal sentirmi ucciso dentro ad oggi, due anni dopo, le sensazioni si sono attenuate ma non cancellate, e dall’enorme buco nato in petto, oggi mi sento pieno di ben altra pasta.
    Forte incalza il desiderio di “vincere”, eppure so non arriverà presto, dovrò lavorare ancora un poco..e come faccio a saperlo?
    Perchè grazie al mio “dolore” sono riuscito a guardarmi davvero e so quando arriverò al punto.
    La mia ex-t...a mi ha regalato “me-stesso”, mi sono incontrato nel punto più basso di me stesso e, abbracciando la mia ombra e la mia debolezza e la mia autostima azzerata, ho cominciato a capire chi ero.
    Caro Alexandros, quello che voglio dirti è questo, abbraccia il tuo essere “uomo di poco valore”, il tuo sentirti invidioso, egoista, frustrato, deluso, solo…abbraccia soprattuto la tua solitudine ed impara col tempo a non aspettarti nulla, a bastardi da solo, a volerti bene, a migliorare per te stesso e non per gli altri.

    Oggi vincono gli altri, quelli belli hanno le ragazze, quelli fortunati hanno tutto, quelli arroganti hanno la meglio, quelli belli ed arroganti si sbattono la tipa che tanto ti piaceva e cosi via….
    quelli che oggi ti sembrano in vantaggio un giorno sbatteranno il muso con una cosa ancora più grande di loro: la solitudine. E se non sapranno gestirla, abbracciarla, si ritroveranno a scappare e a vivere una vita da mezzi uomini.
    E fidati questa legge vale per TUTTI.
    Perciò se questa è la tua occasione, prima la affronti prima la risolvi. E sarai in vantaggio.
    Essere uomini davvero significa sapere chi si è, e non scimmiottare una pantomima nella vita di tutti i giorni aka “lo scopatore” “il furbo” “il vincente” “quello al centro dell’attenzione”.
    Pensare agli altri ti farà solo girare la testa.

    Il percorso sei tu con le tue imperfezioni e con le tue paure…impara a sconfiggere la Paura, perchè è quella che oggi ti annulla l’Autostima.
    Quando imparerai a domarla, emanerai fascino, eleganza e autorità..dominio di te stesso.
    Questa cosetta caro mio sarà la tua vittoria, e questa trasuderà dalla tua pelle e le donne non potranno fare a meno di caderti tra le braccia.
    Si chiama sicurezza e credo che, in generale, è una cosa che fa impazzire un pò tutti.
    E’ una cosa che ti devi, sii egoista in senso buono, pensa a diventare la persona che vorresti essere. Lo diventerai.
    Alla fine è un videogame, sconfiggi il mostro (te stesso) abbraccia la Principessa. Fine dei giochi, win. Stai bene, stai forte.

  3. 3
    MR X -

    Chi è senza peccato scagli la prima pietra! E chi non è invidioso? Tutti lo siamo, perciò non preoccuparti di questo, per quanto riguarda la ragazza…vedrai che arriverà anche per te come per il tuo amico imbranato, anche io ne ho connosciuti di tipi così, che pur non sapendoci fare per un c...o, riuscivano sempre a tocciare il biscottino, non so da cosa dipenda, forse dagli ormoni o dall’atteggiamento, non saprei…cmq niente di grave cose che capitano.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili