Salta i links e vai al contenuto

Il tuo nome

  

Una birra, le mani sporche di terra, un altro aggiusto al giardino dove fosti tempo fa con me. Tante migliorie vane in questa vita mia.

Non ci sei ma il tuo nome dentro me mi logora, mi divora, manchi alle mie mani e al mio respiro, manchi alla mia vita come l’acqua alla terra.

La gente mi guarda e vede il vuoto nei miei occhi mentre io sento il mio cuore pieno di te.

Un’altra no, un’altra che farebbe e fa pazzie per me non riesce con il suo grande impegno a darmi cio che tu mi dai con niente.

Il tuo niente mi fa male, ma non averlo mi uccide. la tua vita è importante risolvila, trova il tuo equilibrio da sola come tu vuoi ma sappi che se continui a soffocare il sentimento che provi per me, saremo infelici anche salendo tutti gli scalini che portano all’apice. insieme si lotta, insieme si vince, insieme perdendo vinceremo comunque.

L'autore ha scritto 24 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

2 commenti a

Il tuo nome

  1. 1
    Rossella -

    Ciao,
    ti consiglio di non prendertela perché ci sono donne che messe davanti al fatto compiuto hanno la tendenza a fare marcia indietro. Ma si tratta di un blocco mentale che in realtà ha una natura misteriosa e, in un certo senso, divinizza il piacere sessuale. Allora la donna diventa rigida al pensiero che il suo uomo non ha scelto la strada continenza volontaria, perché ritiene che la sua condotta potrebbe riflettersi sulla sua capacità d’abbandono. Ma potrebbe accorgersene anche in tarda età, dopo un tradimento. Si vede che è così perché i tratti del suo viso si ammorbidiscono ed entra piano piano in un’altra dimensione. Tutti questi sentimenti ancestrali ci fanno capire l’importanza della chiesa e dei sacerdoti che con il loro ministero sollevano la donna da una responsabilità atavica. E non solo. Perché come ho detto è tutto un proliferare di teorie… lo stesso tradimento le potrebbe apparire come una forma di viatico. Infatti dall’esterno ti domandi perché il tradimento può essere una liberazione. Ma la risposta è la stessa. Secondo me la donna che per troppi anni ha vissuto con questo senso di colpa finalmente trova uno scopo nella vita e riesce a riconciliarsi con il suo corpo, perché riconosce nella sua natura un potenziale che serve a compensare le spese morali e i costi processuali. Perché qua stiamo sempre sotto processo. Più di tutto penso che la donna di oggi nella vita di un uomo si senta non dico inutile ma quasi.

  2. 2
    Rossella -

    L’uomo medio dipende gruppo sociale e dalle sue dinamiche. Per questo vediamo che è quasi scomparso il capofamiglia… sarebbe chiedere l’impossibile. Hai bisogno di un papà? L’uomo medio pensa questo.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili