Salta i links e vai al contenuto

Il ricordo dell’ex

  

Ho vissuto cinque anni con un uomo (il primo con cui ho avuto una relazione a tutti gli effetti) che mi ha fatto diventare donna.
Mi piaceva stare con lui quando ho imparato a conoscerlo, perchè la sua forza mi dava protezione e coraggio, finchè quella forza non si è rivoltata contro di me.
Senza motivo – e lo ripeto non per fare del vittimismo – senza apparente motivo, dopo tre anni la sua forza è diventata rabbia variando in cattive maniere, umiliazioni, mortificazioni in cui io ero il principale obbiettivo (naturale, vivendogli accanto). Era come se sfogasse su di me rabbie represse o vecchie delusioni.
E ne godeva a vedermi soffrire, soprattutto quando mi parlava di una sua ex – la sua prima esperienza d’amore – che nonostante noi due non riusciva proprio a dimenticare. E ogni volta che voleva indurmi a fare qualcosa contro la mia volontà, in qualche modo mi paragonava a lei, sempre in modo negativo, sminuendomi.
E’ stato un inferno, soprattutto il fatto di dover competere con un “fantasma”, perchè non ti senti mai amata abbastanza e che questo succeda proprio col primo uomo della tua vita solo una donna sa cosa significa.
Dopo cinque anni ho trovato la forza di dire basta e non ho più parlato di lui perchè dentro di me ho un ricordo così brutto che mi fa male tirarlo fuori. Certo i ricordi non passano mai, fanne tesoro (dicono in tanti) ma non ho mai ossessionato i miei compagni che sono venuti dopo col ricordo di lui perchè penso che ognuno è unico nel proprio genere.
Quindi, se posso dare un consiglio a tutte quelle persone Uomini e Donne che di un unico ex ne hanno fatto un Dio o una Dea (visto che qui si usa dire così) vi prego, state attenti perchè una parola in più può essere tollerata da chi vi ama, ma un’ossessione può, a lungo andare, distruggere una bella relazione che state vivendo.
E’ solo il mio punto di vista!
Accettatelo come viene.
Ciao a tutti.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

18 commenti a

Il ricordo dell’ex

Pagine: 1 2

  1. 1
    Spectre -

    Punto di vista che penso non si possa che condividere peraltro. Non è di certo colpa dell’altro se non si superano vecchie relazioni. Ad un certo punto la resa dei conti arriva, intendo il confronto con noi stessi se dentro non si è archiviato davvero tutto. Certe cose non se ne andranno, ma questo non vuol dire che l’altro ne debba subire le conseguenze.

    Penso sia normale non accettare di essere sempre confrontati. A me non starebbe bene.

  2. 2
    Effe -

    Bisognerebbe vedere questa dea come effettivamente è stata trattata da lui…se non è scappata via come te!

  3. 3
    Raffaele -

    Il ricordo dell’ex fa bene quando è un ricordo positivo secondo me, infatti quando scrissi quella lettera sulla mia ex polacca il ricordo è positivo e pochissime volte anzi mai ho parlato di una ex italiana che è stata la delusione peggiore.
    Anche amici mi dicono che mi ha segnato quella polacca, ma non è vero perchè a segnarmi invece fu quell’italiana che non si concesse per problemi psicologici legati alla cultura catto-bigotta imperante in Italia.
    Diciamo che finchè non si trova niente di meglio rimane sempre il ricordo più bello e non quello più brutto su cui fare confronti.
    Ed in questo sito quasi tutti mi hanno attaccato per la mia amata polacca quando l’unica povera donnina che mi ha dato alquanto fastidio fu proprio quell’ex italiana.

  4. 4
    Monk -

    Così si finisce a credere nel “chiodo scaccia chiodo”. Questi individui continuano a tormentare le persone. Certo, avresti potuto sottrarti molto prima alle sue grinfie, da parte tua: ma non mi stupisco più delle donne che rimangono fino all’ultimo con chi le tratta male… le stesse che magari lasciano chi le tratta bene dopo una settimana, perché annoiate.

  5. 5
    Lizzy -

    Spectre:

    condivido pienamente quello che dici.
    Infatti mi è capitato di vedere persone bloccare la propria vita nel passato, convinti che non avrebbero potuto avere niente di meglio nel loro presente.
    E purtroppo quando una persona si intestardisce a “rinunciare a vivere” (intendo lottare nella vita) non c’è niente che si possa fare.

    EFFE:

    a quel che ne so l’ex lo ha trattato male e poi lasciato e lui ogni volta che la vedeva si inchinava.
    Allora mi vien da pensare che forse anche noi donne, come voi uomini, solo se vi trattiamo male ci rispettate.
    Non è che forse stiamo tutti litigando per la stessa cosa, senza capirci?

  6. 6
    afra -

    eh già…quando l’ex é un’ossessione, il rapporto diventa turbolento.
    Il mio ex ha vissuto il primo perodo della nostra storia perennemente nel dubbio di cosa provasse per la sua ex, che lui stesso aveva lasciato più volte perché non l’amaa, nonostante con lei stesse bene e avesse raggiunto un buon equilibrio…
    certe cose non si possono comprendere, vanno proprio al di sopra della capacità e dell’intelletto umano…ed io, naturalmente, hovisto crescere in me un forte attrito nei suoi confronti, apparentemente incomprensibile.
    Adesso, con un pò di tempo, ho capito che il suo ricordo e i suoi sensi di colpa verso di lei hanno causato certe mie reazioni…se un problema non é stato superato, non si può iniziare una storia nuova. Nessuno può aiutare nessuno ad uscirne.

  7. 7
    xaver -

    che dire Lizzy, hai creduto hai amato, avanti, parole saggie.
    Delle volte ti trovi impelagato in delle situazioni che non competono perchè alcune persone devono fare pace con il cervello…o fumare qualche oppiaceo di troppo, umanamente e solidalmente vicino a te e a chi soffre…

  8. 8
    Helmut -

    a Lizzy rispondo perchè mi piace il nome e la cortesia.
    In riferimento al tuo appello di far sapere chi sono o dove sto, lo farei volentieri ma poi mi accusano di voler rimorchiare italiane o straniere (e visto il tuo nome deduco che lo sei)oppure la sparano più grossa che siccome non ho clienti ne cerco qui.
    Oltremodo, rispondendo alla tua lettera, penso che il tuo ex-fidanzato sia uno di quelli che usano il racconto dell’ex con la ragazza successiva, per farla star male perchè certe teste di c***o credono che solo facendo soffrire la propria donna lei ti ami.
    All’inzio funziona, funziona sempre te lo garantisco, ma presto o tardi la donna si stanca.
    Qui molti farneticano sull’autostima, più una donna ne ha e meno tempo passa con l’uomo che la fa soffrire. Non fa una piega il discorso.
    Dal mio canto, invece, penso che una donna che decide di dedicare il suo tempo ad un uomo così sia solo per magnanimità, solo per paura che lui finisca male, solo per pietà, per umanità. O peggio ancora per paura.

    E’ una tattica. Sporca, subdola, meschina, ma è comunque una tattica e in Guerra e in Amore…….

  9. 9
    Effe -

    Lizzy… sono una femminuccia anch’io!!! 🙂
    Ma che mi avevi scambiato per un uomo??? Oh santa miseria!!!

  10. 10
    Lizzy -

    EFFE:

    Scusa!!!!!!!!

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili