Salta i links e vai al contenuto

Il mio fidanzato si è trasferito a 700 km di distanza

Partendo dal presupposto che sono una persona debole e con l’autostima sotto i piedi e che mi pento di ogni cosa io abbia fatto da quando sono nata, la questione del momento è che vivrò fuori sede fino a fine maggio per terminare il mio tirocinio e potermi laureare a novembre in ostetricia, poi mi manca un esame, tesi ed esame di stato.
Tutto ok, tutto bellissimo, sembro impegnata e sul punto di realizzare il mio sogno ma sono 6 mesi fuori corso e il mio fidanzato si è trasferito da un mese a 700 km da me e questa cosa non fa che uccidermi.
Vado a tirocinio ma penso a lui e a come risolvere la situazione, stessa cosa quando provo a studiare e non so dove sbattere la testa.
Lui sembra molto più tranquillo di me e non comprendo come faccia, dice che in questi mesi ci vedremo 1-2 weekend al mese e a novembre si vedrà (anche se dice che io non mi devo limitare per lui e lui comunque ha in affitto una stanza per almeno 1 anno, ma se io non mi limito e lui nemmeno non ci riavvicineremo mai), io ci sto provando davvero con tutto il cuore ma ogni giorno che passa non mi abituo poiché la nostra routine era non vederci tutti i giorni ma il sabato e la domenica quasi sempre turni miei permettendo.
Ora io tornando a casa dei miei elimino i sensi di colpa di essere mantenuta fuori ma mi complico il vedere lui, inoltre lo vedo come un passo indietro il tornare a casa ma mi sembra la cosa più logica da fare.
Tra l’altro sono abbastanza sola sia dove vivo ora sia a casa mia e quindi non ho molte distrazioni a parte l’università che però mi preoccupa molto e non vedo la fine.
Semplicemente non so cosa fare.
Lasciarlo e pensare solo a me stessa? Non perché non lo amo ma semplicemente perché in un periodo buio della mia vita, questa lontananza non mi aiuta.
Mollare tutto e seguirlo?
Provare a portare avanti università e relazione? Cosa che sto tentando di fare ma mi sta distruggendo.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

2 commenti

  1. 1
    Yog -

    Amica mia, ma la risposta è ovvia: porta avanti tutto (lo facciamo tutti) e soprattutto impara l’arte della pazienza, non quella della maieutica. L’unica cosa che vedo di preoccupante è la scelta del corso di studi, con la denatalità che c’è non servono ostetriche, è un decennio che non vedo concorsi, ma comunque puoi riciclarti come IP con pochi esami e di quelle c’è TANTO bisogno.
    In ogni caso, l’unica cosa che ti distruggerà (e lo farà senza rimedio e senza possibilità di adire ad un grado superiore di giudizio), è il tempo. La lontananza appartiene a un’altra categoria dello spirito, è insidiosa ma, in fondo, innocua.

  2. 2
    shinder -

    Gli amori a distanza purtroppo finiscono,
    o almeno questa è stata la mia esperienza
    personale.
    Per certi versi però sono gli amori più puri.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili