Salta i links e vai al contenuto

Il mio ex mi odia e mi fa star male

Ciao a tutti, 

la mia storia è questa: due anni fa sono mi sono fidanzata con un ragazzo ma poi lui cominciava a faRe delle scenate di gelosia per cose assurde e mi ha sempre trovato i peggiori difetti, ad esempio mi diceva che ero troppo fredda, che non gli dimostrato affetto, che ero stronza; le scenate erano per cose banali come l’accesso su Watsapp… Non stavo bene, l’ho lasciato ma lui mi ha subito fatto sentire in colpa, sbagliata, perché mi ha detto che non potevamo più essere amici, e tra noi c’era una grande amicizia, io ci credevo. Poi siamo tornati a scuola e lui mi ha completamente snobbata per questi due anni, non mi guarda più, non mi parla, anzi si vanta di quante conquiste fa davanti a me come se non ci fossi. Adesso sta costeggiando una mia compagna di classe che gli da corda libera e mi sembra di vedere un film, di riguardare da esterna tutto quello che ho vissuto due anni fa. Non mi fa arrabbiare, perché non ci voglio tornare insieme e so che dovrei guardare intorno, ma sento di avere una questione in sospeso e mi fa male essere trattata così.  Mi è stato da breve diagnosticato anche un disturbo dell’ansia e mi sento distrutta, ho solo voglia di piangere. È tanto sbagliato volere un po di rispetto da una persona con cui sei stata e che hai cercato di lasciare nel migliore dei modi? Vorrei chiedergli scusa ma non mi da la possibilità,  e io non voglio sembrare sempre la rompipalle che non si toglie dalle scatole. Ho paura, mi sento insicura e sbagliata sempre, mi sento cattiva e non so come risalire. Mi ha spezzato il cuore. 

Cosa dovrei fare? Cosa si fa quando tutto sembra buio e vuoto, quando il mondo intero sembra voler ti schiacciare e tu brani di non esistere più? 

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

6 commenti a

Il mio ex mi odia e mi fa star male

  1. 1
    Rossella -

    Non ci pensare. Dopo i trent’anni ho smesso di vivere in profondità i sentimenti perché prima mi sembrava giusto dare il 100%. Adesso non lo escludo. Mi tengo larga. Anche perché la vita mi ha dimostrato che esiste anche l’amicizia. A dire il vero questa è una cosa molto rara, anche perché i media tendono ad affermare con forza un’idea centrale di una cosa o di una visione e come persona sei portato a concepirti in maniera statica, puramente bidimensionale e decorativa. Ovviamente ci sono caratteri e caratteri, ma ti posso assicurare che quando incontri una persona che in maniera intuitiva riesce a creare la giusta sovrapposizione dei toni riesci a trarre il giusto profitto anche dal progresso e smetti di vivere in funzione di una realizzazione sentimentale che ti potrebbe anche spegnere interiormente. Diversi anni fa incontrai una giovane giornalista, una persona veramente squisita. Facemmo amicizia. Purtroppo per motivi miei ci siamo perse di vista. La ricordo come una donna molto moderna, riservata, ma anche molto alla mano. Una persona perbene… a dire il vero pensavo che un giorno l’avrei rivista in tv.

  2. 2
    Luca -

    Purtroppo lo hai lasciato, dovevi essere pronta a pagarne le conseguenze, altrimenti diventa egoismo. Interroga te stessa, se veramente non vuoi tornarci insieme e non sia gelosia quella che ti ha spinto qui sopra a raccontarci la tua storia. Se pensi di provare qualcosa, parlagli da persona adulta, raccontagli dello stato d’ansia che ti è stato diagnosticato, chiedigli di starti vicino e non aumentarlo con inutili ed insane scene di gelosia per stupidaggini. Se sei veramente certa di non amarlo più allora basta, l’ultima parola non ce l’avrai tu, devi rispettarlo, è umano volersi pulire la coscienza in queste situazioni e voler avere l’ultima parola, ma non funziona così. E’ lo stesso discorso di quando una persona lascia il suo ex, ma vuole continuarlo a sentire per stare a posto con se stessa, se lui decide di ignorarti, di non rispondere più, è umano e chi lascia deve rimanere con quel senso di “intentato” di “qualcosa in sospeso” che hai tu, perchè è giusto così, è il conto da pagare, lui ha deciso di reagire così alla rottura con te, infantile o meno che sia, lo devi rispettare.

  3. 3
    Yog -

    Ti chiedi “cosa si fa quando tutto sembra buio e vuoto, quando il mondo intero sembra voler ti schiacciare e tu brami di non esistere più”?
    Beh, vai al super, ti compri una boccia di narda da 1 lt e ti risollevi facendone buon uso nelle giuste dosi. Nel frattempo ciò che ti sembrava sospeso evaporerà definitivamente.

  4. 4
    Lemon -

    Ma dopo ke lo hai lasciato gli hai dato almeno una chance?
    Di imparare o maturare?
    se non l hai fatto mi dispiace ma sei in errore, sei tu che hai spezzato il cuore a lui, e molto probabilmente dentro sè non sarà mai più lo stesso e gli hai procurato una ferita che mai sanerà…
    Anche se da fuori lo vedi così.. cioè ti ignora da 2 anni, forse non hai capito quanto male gli hai fatto, e quanto gliene stai facendo, e continuerà ad avere dentro sè per sempre per colpa tua.

  5. 5
    Begin -

    Yogo ahahahahhah ahahahahhah ahahahahhah !!!!!!

  6. 6
    Begin -

    È vero, concordo con Lemon. Molti, reputandosi nel giusto, si sentono di giudicare e di infierire sugli altri, scaricando pure su di loro le loro colpe, solo perché quelle altrui sembrano essere più gravi o solo più evidenti. Poi scoprono che sono passati dalla parte dei carnefici. Ma è troppo tardi per tornare indietro, in ogni senso, emotivo e cronologico.

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili