Salta i links e vai al contenuto

Ho tanta paura per mio padre

Lettere scritte dall'autore  

Buon pomeriggio a tutti… scusatemi per il disturbo… ma ho bisogno di qualche consiglio… perché non ce la faccio più… mio padre ha 63 anni, e giusto un anno fa gli hanno diagnosticato un tumore ai polmoni… ha fatto un anno di cure… Poi, a giugno, dopo aver fatto qualche analisi, hanno detto che non aveva più bisogno di fare la chemio terapia per tre mesi, poi, dopo di incominciare a prendersi delle pillole… se tutto continua ad andare bene….
I miei genitori sono separati… da circa 3 anni…. e i rapporti non sono buoni… vedo mio padre mooolto raramente.. (è in sicilia)… e ogni giorno che passa ho il terrore che gli possa succedere qualcosa… in quest’ultimo periodo sto cercando di non pensarci troppo…. ma non riesco..
Ieri per distrarmi sono uscita con amiche a vedere un film.. “il messaggero”…. ieri sera avrei voluto scappare… in quel film (che è tratto da una storia vera) fa vedere che un ragazzo malato di tumore…. guarisce perché ha avuto degli incontri paranormali… il film mi è piaciuto molto…. però….. questa cosa che solo alcuni guariscono mi fa incavolare… perché solo alcuni si salvano? Perché, alcuni guariscono tranne mio padre??? Perché proprio a lui?? Perché a mio padre? Con lui purtroppo non ho un bel rapporto, e questo mi fa sentire peggio…. Ho… Davvero…. Tanta… Paura… che mio…. Padre… Possa Morire da un momento all’altro… e di non poter essergli vicino per dirgli ” papà sappi che ti voglio tanto bene”…
Io voglio che mio padre guarisca… non sono ancora pronta…
Lo so…. prima o poi i genitori andranno via… lo sapevo… però, avere la certezza che accadrà…. l’essere impotente d’avanti ad una malattia come questa… che non si sa mai se si può guarire o no… mi fa davvero tanta paura…
Poi quanto ho pregato… ho pregato davvero tanto… giuro…. ogni istante della mia giornata era passato a pregare per lui…. cosa c’ho guadagnato? Niente. Solo lacrime che hanno creato solchi sul mio viso….

.Cavolo ho solo 15 anni!!!!
Il mio unico desiderio? Far si di dare una vita serena…. per mio padre….

Scusate per il disturbo… ma avevo bisogno di sfogarmi….

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

12 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    stelladimare -

    Dolcissima Haruna, sono stelladimare.
    Ho 42 anni e 2 figli di 12 e 19 anni. Mi ha fatto male leggere del tuo dolore. Posso solo dirti che ti sono vicina tanto, e se puoi di chiedere a tua madre di poter stare il più possibile vicino a tuo padre, dille che tu non c’entri nei rapporti negativi o positivi che esistono tra loro e laddove ti è possibile, non perdere un istante x stare vicino a tuo padre. Non dimenticarti di dirgli spesso che lo ami, anche ogni giorno. Sai piccola, non si è mai pronti ad affrontare certi dolori ma ricorda che tu, ora, venuta a conoscenza di questo problema, hai un compito preciso: trasmettere tutto l’amore, la dolcezza e la tenerezza che c’è in te a lui.
    Noi adulti abbiamo bisogno dell’amore di voi figli, viviamo x voi ed è bello ribadire questo amore non solo in certe brutte occasioni.
    Purtroppo questa situazione ti farà crescere forse più in fretta del dovuto ma tu sarai forte. Lo sento. E qui troverai tate belle persone che ti saranno vicina.
    Io ci sono, in qualsiasi momento. Un bacio piccola.
    Stelladimare

  2. 2
    Haruna -

    Cara stelladimare…grazie per le dolci parole usate… mia mamma è stata vicino a mio padre finchè ha potuto, gli preparava da mangiare cose che l’avrebbero fatto guarire… come così è stato… il problema è che mio padre ha un carattere molto straano…non gli piace chiedere aiuto…. sopratutto a persone con cui sta chiudendo i contatti… per fortuna mia mamma non mi fa pesare tanto questa cosa…
    però non mi dice mai tutto… secondo lei è un modo per protegermi… ma preferisco sapere le cose…anche se brutte…
    vorrei poter dire a mio padre che gli voglio davvero tanto bene… che sto facendop di tutto pur di evitare altri problemi in famiglia…giuro che sto facendo il massimo… però quando lo chiamo… non risponde…MAI… è mancato spesso ai miei compleanni…
    e a giorni per me importanti… quest’anno sono andata in tribunale a testimoniare per tentata violenza sessuale… e quando avevo più bisogno di lui…lui non c’era… non ho più il coraggio di chiamarlo… ho paura di sentirmi dire che per lui non sono niente… comunque…. cara stelladimare… grazie… grazie del suo aiuto….. 🙂

  3. 3
    lele -

    approvo pienamente ciò che dice stelladimare..anche se so che non ci riesci prova a dirgli quanto lo ami…non devi sentirti in colpa…non è colpa tua…ma puoi rendere la sua vita ancora più serena…dicendo tutto ciò che hai dentro e quello che mi hai detto stasera…

  4. 4
    stelladimare -

    Ciao dolcezza, ho letto la tua risposta ed un pò mi fa riflettere ciò che hai scritto. Puoi provare a raccontarmi un pò di ciò che è successo in casa tua?.. Mi preoccupa un pò di questa tua testimonianza in tribunale x tentata violenza sessuale. Tesoro ma contro chi? Contro mamma? Mica contro te? Non lo voglio proprio pensare… Se ti va di parlarne, puoi provare a parole tue a dirmi dal tuo punto di vista, cosa succedeva in casa, com’era papà ed il perchè si sono separati?
    Se ti chiedo questo è perchè a mio parere hai tanta sofferenza dentro che non riesci a mettere fuori, vorrei aiutarti e se non ti va magari di rendere pubblico il tuo scritto puoi sempre scrivermi in privato.
    Ti lascio in mio indirizzo di posta elettronica : stelladimare67@hotmail.it.
    X quanto riguarda ciò che mi dici rispetto al fatto che credi che mamma o papà non ti dicano tutto, tu puoi fare poco. Solo chiedere a mamma, guardandola negli occhi, che magari ti senti cresciuta e che hai il diritto di sapere sempre la verità.
    Vedi, è una legge di natura proteggere i figli da eventuali dolori e sofferenze, non prendertela se loro magari ti omettono qualcosa.
    Chi ama davvero protegge da ogni tipo di sofferenza, ora indipendentemtente dalla tua situazione.
    Cerca di andare in fondo al tuo cuore e perdona tuo padre se ha fatto degli errori con te, rispetto a telefonate mancate, o alla sua non presenza. Sai, io ti capisco più di quanto immagini, anche se mi puoi essere figlia. Noi genitori facciamo non sai quanti errori ma non tutti hanno il coraggio di ammetterlo, x giunta non abbiamo avuto una scuola x imparare a fare il genitore, quindi ognuno da ciò che può.
    Non darmi del voi, mi fai sentire più vecchia di quello che sono.
    Scrivimi sempre, quando vuoi, io ogni gg entro nel sito anche solo una volta.
    Ti sono tanto vicina piccola grande donna. Un bacio come una mamma.
    Stelladimare

  5. 5
    Haruna -

    eh…la storia è davvero molto lunga…. stella di mare l’ho aggiunta e le ho mandato una e-mail..dove ho spiegato una parte di questo mio mondo che va cadendo in pezzi… non so se le è arrivata… grazie davvero tanto del suo aiuto… veramente la ringrazio…non pensavo esistessero persone gentili com lei…. 🙂
    lele grazie anche a te, che nel bene e nel male… ci sei sempre!!! 🙂

  6. 6
    isa -

    ciao sto vivendo il tuo stesso problema credimi anche a me manca al forza eppure io o 33 anni ma x il dolore nn ce’ eta’ credimi anche i miei sono separati e la cosa che mi fa piu’ male e che proprio adesso mia mamma a incntrato un altro uomo proprio adesso che mio padre sta morendo a un tumore al rene e uno al polmone niente chemio ma solo morfina a sempre la febbre alta e sta male dal dolore e noi figli a tutt cio nn possiamo farci niente sai anche xme nn e facile nn e mai stato facile anche mio padre a un carattere tremendo burbero e poi nn e stato tanto buono con noi in famiglia ma adesso nn sappiamo piu’ cosa fare nn so quanto vivra’ e poi vederlo vivere cosi ma …ti sono vicina tanto…un bacio

  7. 7
    TRILLY -

    La mia tragedia è iniziata 5 anni fa,proprio quando pensavo che la mia vita fosse al completo…sono rimasta incinta dei miei due splendidi gemellini,dopo un mese dalla gravidanza hanno scoperto a mio padre un tumore alla prostata non operabile,l’hanno bombardato di radioterapie,dopo il ciclo completo hanno sospeso dicendo che lo avevano sconfitto.ogni 3 mesi le analisi e per 1 anno tutto sembrava ok,fino a quando hanno trovato linfonodi che piano piano anzi…secondo me troppo in fretta si sono sparsi ovunque e allora…chemio senza nessun risultato,hanno provato a farle piu forti,ma nulla,ora è in metastasi e hanno sospeso anche le chemio perchè le ha fatte per un anno intero senza smetterle….con mio padre non ho mai avuto un buon rapporto perchè era molto severo…non mi ha mai messo le mani addosso ma a volte era molto offensivo e spesso lo deludevo…vedo mio padre consumarsi giorno dopo giorno e soffro molto,cerco in tutti i modi di non farmi vedere a piangere dai miei bambini,e prendo degli psicofarmaci per tranquillizzarmi un po….cerco dii passare con lui il maggior tempo possibile ma non so mai cosa dirgli anche se da dirgli avrei tante cose.vorrei chedergli scusa se l’ho deluso,se gli ho risposto male,vorrei abbracciarlo e dirgli che gli voglio tanto bene e che ho paura di perderlo…ma l’orgoglio è troppo grande non ci siamo mai detti certe cose.come posso fare…quando provo a dirgli qualcosa mi metto a piangere e piange anche lui,e ho paura che non gli faccia bene.sono terrorizzata non voglio farlo morire senza avergli detto queste cose…aiuto sono disperata!!!

  8. 8
    shany -

    Ciao ha tutti,ho 21anni anch’io sto attraversando un periodo molto brutto,sono 8mesi che soffro mio padre è malato di cuore ormai da 4anni,poi ha problemi alla gamba sinistra è non ha più il piede per colpa di una cancrena . . e da 5giorni ho scoperto che mio padre ha un tumore tra l’orecchio è la gola. e io lo presa malissimo piango sempre e mi sento sempre disperata. . dico sempre perché?e non trovo risposte. ./

  9. 9
    Desire -

    Carissimi,
    iomi trovo dall’altra parte. Da chi un padre lo ha appena perso. Ho solo 15 anni anche io, eppure ho già perso papà. Mi manca tanto, ogni giorno della mia vita, da più di un mese aquasta parte, non faccio altro che pensare a lui. Penso ai suoi giorni di malattia, ed è terribile ed ingiusto ciò che a passato. si è ammalato a novermbre 2011 e amaggio 2012 se ne è andato. fate voi il conto.

    agghiacciante.

    mi manca, goni giorno di più. l’unica cosa che posso dirvi è di stare il più vicino possibile ai vostri cari. fateli morire con voi. il mio papà è morto stringendomi la mano, circondato da mio fratello, mia madre, le sue sorelle e alcuni amici. ho visto mio padre morire sotto i miei occhi. ho ascoltato il suo ultimo respiro, ma penso che non avrei potuto regalargli una morte migliore. papà ti volgio bene.

  10. 10
    Haruna -

    Cara Desire, sono Haruna o meglio, Francesca.
    Sono quella che ha scritto il post iniziale, circa 3 anni fa. Sembra sia passato un secolo, eppure..
    Non sei la sola: anche io oggi faccio parte di coloro che stanno ‘dall’altra parte’. Ho perso mio padre meno di 10 mesi fa, il 12 agosto 2011.
    Dopo quasi 3 anni di silenzio tra noi, dopo anni passati a cercare risposte, a odiare di nascosto, ho visto mio padre morire.
    Mi hanno chiamata a luglio, il 20, dicendomi che mio padre era ormai terminale, e che al massimo sarebbe durato per meno di 12 ore. Ho preso il primo aereo, sono anrrivata da lui. E, contrariamente da quanto avevano anticipato i medici, mio padre è durato per altri 23 giorni. ‘E’ un miracolo, quell’uomo è vivo ancora per miracolo’. Non ho ancora capito quale fosse questo miracolo, ma avrei voluto più tempo. Per conoscerlo. Ho odiato mio padre con tutta me stessa, l’ho odiato per il suo essere assente, e per il peso che la sua assenza faceva sentire nella vita di tutti i giorni. Gli ho parlato poco, così un giorno un dottore mi disse: ‘Devi dirlgi tutto, caccia tutto fuori: anche se sembra brutto, deve saperlo. E solo così potrei andare avanti un domani, e perdonarlo.’ E così ho fatto. Gli ho detto tutto, tutto quello che avevo da dirgli. E ciò che ho ottenuto come risposta è stato silenzio. Non m’aspettavo altro, comunque. Quando era arrivato il momento, ho messo da parte tutto: orgoglio, rabbia, paura. ‘Papà, ti voglio bene.’ Ciò che mi ha detto, me lo porterò per tutta la vita: ‘Anche io, da sempre. Buona fortuna Frà, buona fortuna per la vita.’ Gli organi vitali stavano collassando, stava malissimo eppure, è riuscito a regalarmi qualcosa per cui sperare. Così gli ho stretto la mano, quanto più possibile. L’ho visto andare via. Il dottore di mio padre mi disse, poco dopo, che spesso sembra che delle persone resistano fino al momento in cui sono riuscite a chiarire, fino a quando tutti siano riusciti ad avere la possibilità di dire loro addio.
    Oggi ho 18 anni, e la vita è difficile. Più di quanto potessi aspettarmi. Credo che all’assenza di un padre ci si abitua, in qualche modo. Ma alla perdita, no..
    Non ho idea di cosa farò nel mio domani, sono stati 10 mesi nei quali non ho fatto altro che ditruggermi, pur di distrarmi. Solo ieri sono rientrata nelle mail, e ho letto tutte queste risposte. Mi ero dimenticata di questo post, ho dimenticato la me di un tempo. Quella che credeva nella paura, perché serve, serve per trovare soluzioni e per andare avanti. Per tutte coloro che, per fortuna, non si trovano nella mia situazione, ma hanno un padre malato, vi prego non v’abbattete. E’ difficle, lo so, lo so bene. Ma loro hanno bisogno di sapere che ci siete, e che ce la farete, nonostante tutto. Hanno bisogno di questa serenità, e che voi gli diciate tutto. Non lasciate nulla in sospeso, mai. So che se qualcuno m’avesse dato la possibilità di avere altro tempo, forse oggi saprei meglio cosa dirgli.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili