Salta i links e vai al contenuto

Ho perso la mia ragazza

Caro direttore, Le scrivo questa lettera ma è come se la scrivessi a lei la donna della mia vita.
Sono passati più di 5 mesi da quando ci siamo lasciati eppure la casa profuma ancora del suo odore.
In tutto ciò che mi circonda c’è una parte di lei.
Non è certo il mio primo dolore…ma con lei è diverso con lei ora vedo chiaro il mio futuro.
Tre anni trascorsi tra alti e bassi tra disaccordi, che hanno pesato come macigni, malintesi, e tanto altro.
Mi sono innamorato di lei come non mi era mai capitato ma ho anche avuto paura di amarla troppo, per non dover soffrire ancora una volta la perdita di una persona cara.
Mi sono ripetuto all’infinito di essere un bambino e che la paura uccide i sentimenti. Ho avuto un atteggiamento decisamente puerile nei suoi riguardi.
Alla fine abbiamo realizzato insieme una splendida casa, sempre criticando ogni nostra scelta.
Lei che fino ad allora aveva sopportato ogni mio cambio d’umore ogni mio sfogo, ha iniziato a frequentare una comitiva di ragazzi e ragazze. Ci siamo allontanati sempre di più ma il cuore mi diceva che lei c’era sempre per me ed io per lei. Più il tempo passava e più lei eri felice con le nuove amicizie. Per me vederla piena di gioia con il suo splendido sorriso era la cosa più bella del mondo. Purtroppo ecco ancora una ricaduta nel nostro rapporto. Lei mi trascura la vedo sempre meno interessata a quello che faccio e dico. Sento che per lei fare l’amore è come un compito da portare a fine.
Piango, mi arrabbio e non riconosco più chi ho davanti. Sento che è finita e glielo dico. Già, è finita. Ha sofferto ma è stato comunque un sollievo per lei.. Io invece sono ancora qui dopo tanti giorni ancora a scriverle lettere d’amore, biglietti, messaggi, fiori, cene, perché ho capito che lei è la donna della mia vita. Cosa farei per lei? Tutto! Non è il dolore il mio motore ma l’amore. L’amore vero che non ho mai provato fino ad ora e che non intendo perderlo più.

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

4 commenti a

Ho perso la mia ragazza

  1. 1
    Survivor -

    Lo so che è difficile, ma i problemi vanno discussi tra i diretti interessati….se ti è piu’ facile scrivere, modifica per lei questa lettera e fagliela leggere…
    Buona fortuna 🙂

  2. 2
    Emma -

    Mi hai commossa e fidati mai nessuno ci riesce,prova a lasciarle tempo,se ti ha amato si renderà conto,prima o poi ogni donna si ferma a pensare al passato e magari avrà rimpianti.Assillarla non è la cosa giusta,chi è donna lo sa quanto è significativo sentirsi libera,rinata,ma il più delle volte torniamo indietro,anche solo per un istante,e ci rendiamo conto di ciò che abbiamo perso.Questo è quello che è successo a me,ho avuto un uomo innamorato al 100% e ho lasciato che si distruggesse per me.Ho sbagliato,me ne sono resa conto e ho lottato per riaverlo!

  3. 3
    riedle1974 -

    Prima di tutto vorrei ringraziarvi per le vostre risposte. Ho apprezzato molto il tuo consiglio, Emma, così aspetto….nel frattempo affilo le “armi” per riprendermi quello che la vita mi ha tolto in quest’ultimo periodo. Grazie ancora

  4. 4
    riedle1974 -

    Pensavo che piovesse ma non che diluviasse.
    Il nostro ultimo incontro è stato positivo. Lei è tornata a casa abbiamo parlato ci siamo abbracciati, abbiamo deciso insieme come terminare il nostro nido d’amore(senza troppa fretta).
    Non sono insistente e le dico che quando vuole può venire a cena a pranzo. Non ti voglio togliere l’aria, sei libera di fare quello che meglio credi.
    E’ giovedì, questi giorni passano senza una tua telefonata, un mess. Mi sono promesso di non chiamarti, ne tantomeno di vederti quindi avallo la tua scelta.
    Ieri sera torno a casa e come sempre, il tragitto mi obbliga a passare sotto casa tua. Sei abbracciata ad un uomo, vi baciate..la morte sul mio viso.
    Cara Emma, la mia donna non si è guardata indietro neanche un attimo, mi ha illuso con il suo sorriso con i suoi occhi con i suoi modi di fare, con le sue parole.
    Io non ho mai tradito. Non sarei capace di guardare in faccia la mia donna.
    Per amore ho già sofferto, ma ora a 35 anni, quando l’ho vista distruggersi d’amore per me credevo che fosse la donna della mia vita, provo a rialzarmi e di abituarmi a questo dolore immenso che accomuna ognuno di noi. Non morirò anche se in questo momento non desidero altro.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili