Salta i links e vai al contenuto

Ho ammesso a mio padre di avere un fidanzato di 19 anni

di

Buongiorno volevo chiedervi se secondo voi è normale che mio padre abbia reagito in questo modo, io ho 16 e il mio ragazzo ha appena compiuto i suoi 19 anni, ho deciso dopo 5 mesi di relazione di dirlo a mio padre pensando che avrebbe reagito “bene” , ma lui si è un po’ innervosito subito gli ha dato del pedofilo, e diceva che non capiva il mio ragazzo ad essere atratto da una “minorenne” e per lui se ci sono leggi ci sono per un motivo, bla bla, ma io gli ho detto che non doveva reagire così perché non è per niente quel tipo di 19enne, che non mi manipola ecc ma poi non mi ha impedito di vederlo o cosa ma ho paura che ora mio padre tutte le volta che esco pensa che io vada con un “vecchio” o bla bla anche se non lo è… non so che fare mi sento male ora…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

4 commenti a

Ho ammesso a mio padre di avere un fidanzato di 19 anni

  1. 1
    Gimmy -

    Kikki, non devi temere, per un padre il fatto che una figlia della tua età parli già di ragazzi è sempre traumatico. 19 e 16 anni sono le età giuste per i primi approcci, forse avresti dovuto tenertelo per te, o semplicemente dire che è un amico con cui esci e basta. Si è solamente spaventato perchè sei piccolina e ha paura come tutti i genitori; pensa che dovresti pensare allo studio, stare a casa, divertirti quanto basta e fare una vita ritirata da adolescente perchè per certe cose e ancora troppo presto e ce tempo :-)) normale amministrazione e un esclusiva per le femminucce. Non rimanerci male, anche tu un giorno scoprirai le stesse preoccupazioni; cerca di comportarti in maniera sempre responsabile e di non cedere mai alla leggerezza dell’inesperienza perchè è vero che ci sono delle leggi che tutelano il minore. La paura di tuo padre non sta nel fatto che lui sia un vecchio a 19 anni, quanto invece se la figlia continuerà ad essere integra ed innocente, perchè quando si è giovanissimi è facile lasciarsi influenzare e lui non può essere fisicamente sempre presente per poterti proteggere come vorrebbe. Quindi sta anche a te e al ragazzetto tuo dimostrargli che si sbaglia.

  2. 2
    Marius -

    Tuo padre non ha tutti i torti, soprattutto se è religioso.
    Il problema non sta nei 3 anni di differenza, che sono una cosa normalissima, ma nel fatto che sei piccola per una relazione sentimentale.
    E poi se dovessi perdere la verginità con questo tizio che poi ti lascia dopo poco come faresti? Tuo padre sa bene che sistemare una figlia già sverginata nella bigotta società catto-comunista italiota è molto difficile.
    Io ti consiglio di aspettare almeno la maggiore età o meglio ancora i 20-22 anni per avere una relazione, ora dovresti concentrarti su altro.

  3. 3
    Tizio -

    La mia prima relazione seria è avvenuta quando avevo 19anni e lei 16. E non ero il solo, sei completamente nella norma. Di a tuo padre di vedere bene le leggi, perchè non è assolutamente pedofilia (che è sotto i 13 anni)

  4. 4
    Yog -

    In effetti, parlare di pedofilia non è il caso, in fondo hai l’età per condurre un motociclo fino a 125 c.c.; tre anni di differenza sono il giusto, nessun dramma quindi, anche se è naturale che un padre si agiti.
    Anche perché ci sono 19-enni innocenti come frugoletti e altri che sono grandi come cavalli e sembrano nati per fare gli stalloni, nitriti e froge di fuoco compresi, perciò lascerei il giudizio di merito a tuo padre (che comunque risponde di te davanti al giudice).
    Ovvio che occorre cautela (tipo, se al super comprate della narda è ovvio che alla cassa si deve presentare lui).

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.