Salta i links e vai al contenuto

E’ finita, ma è stato meglio così

Lettere scritte dall'autore  

Mi ritrovo, come tante persone, a vivere la fine di un rapporto durato sei anni.
Sono una donna di 36 anni, che quando ne aveva 30 ha iniziato una storia con un ragazzo di quasi 26 anni, all’epoca stavo uscendo da un’altra lunga storia di 5 anni.
Oggi sono piena di dolore, e inizio a ripensare con lucidità a tutti gli errori che ho fatto .
Mi sono incaponita a portare avanti una storia, oggi capisco, nata male e con la persona sbagliata, con una di quelle persone difficili, che ti consumano, ti lacerano dentro.
Quando mi ha lasciato ho passato giornate piene di lacrime, di sensi di colpa, ancora oggi mi sento sola e abbandonata a me stessa, ma in realtà non ho voluto vedere, non ho voluto capire.
La mia colpa più grande verso me stessa è che ho sottovalutato tanti campanelli d’allarme, mi sono gettata nelle mani di un bambino, che non sapeva bene neanche lui che cosa stava facendo.
Non ho mai amato veramente,volevo ma non ci riuscivo, c’erano troppi buchi neri nella sua vita, troppi silenzi, sembrava non avere un passato sentimentale, non parlava mai di sè e delle sue esperienze, ma all’epoca non ci ho dato troppo peso, dicevo a me stessa che lui mi amava, che mi avrebbe sempre amata, che per lui ero e sarei sempre stata una persona speciale, il suo unico e grande amore.
Dopo tanto tempo e tanti silenzi sono riuscita a farmi confessare che io i realtà ero stata la prima persona con la quale aveva fatto l’amore, prima di me non aveva avuto alcunn genere di rapporto con una donna. Non volevo credere a quello che avevo sentito, avevamo già comprato una casa, lui diceva di amarmi alla follia, non volevo vedere, non volevo capire….dentro di me continuavo a pensare che il suo amore per me era così grande che nonostante tutto gli sarei bastata solo io.
Abbiamo convissuto un anno, è stato un disastro, in quell’anno ho scoperto che i problemi che sospettavo lui avesse non erano in realtà nè semplici nè facilmente superabili. Ho scoperto una persona infantile, una persona che all’epoca mi amava sinceramente si, ma come un bambino, si annullava in me, per paura di perdermi non parlava, accumulava solo dolore e odio nei mei confronti, che andavano a morire nei suoi impenetrabili e continui silenzi.
Oggi ho capito la mia stupidità e superficialità, avrei dovuto essere più accorta a chi avevo vicino.
Mi sono dedicata a una persona che aveva un passato fatto di canne e cocaina , a una persona chiusa, piena di problemi e incapace prima di me di instaurare un rapporto serio con una donna.
Io all’inizio non avevo capito, ho sorvolato distrattamente su tante cose, in questi 6 anni ho sofferto, e l’ho fatto soffrire, ho cercato spesso e volentiri di giustificare tanti suoi comportamenti immaturi, pensavo che fosse speciale e che per questo aveva uno stile di vita particolare, volevo dargli un equlilibrio, una stabilità volevo strapparlo al suo passato e alle sue cattive abitudini.
Tutto inutile, mi ha solo odiato, e ogni giorno che passava silenziosamente si stava allontanando da me.
Oggi è finita, il bambino è cresciuto e non mi ama più, ha bisogno di vivere altre storie.
Purtoppo ho anche capito che ha ricominciato a utilizzare la cocaina, ho capito che era da tanto che non mi amava più, ma me lo ha detto nel peggiore dei modi, mi ha tradita e umiliata, e da un giorno all’altro è scomparso con un freddezza e una indifferenza che ti lasciano senza fiato.
Stò male, più che altro perchè sapevo che tutta la nostra storia era piena di interrogativi ma speravo che lui non mi avrebbe mai lasciata, mi ha fatto credere di essere una persona matura e capace di assumersi le sue responsabilità, io lo ammiravo per questo, e dicevo a me stessa che per nulla al mondo averipotuto perdere una persona così speciale.
Non è servito a nulla, non possiamo pretendere di legare a noi persone delle quali non siamo relamente e profondamente innamorate per il solo fatto che queste ci amano alla follia, è inutile …. soffriamo noi e alla fine anche il più grande dei sentimenti si spegne e si trasforma in odio, rancore, indifferenza.
Mi ha mentito su tante cose del suo passato, è stato meschino e vigliacco, non mi ha messo in condizioni di scegliere, ha preso quello che poteva prendere.
Ora il bambino ha 32 anni, ha un passato sentimentale, ora ha fatto finalmente l’amore e ha capito che oltre me ci sono altre donne, ha capito che il suo è stato un amore infantile, e che oggi vuole uscire con i suoi amici e non avere più responsabilità.
Oggi dico a me stessa che è stato meglio così, è stato meglio che, nonostante i suoi bellissimi discorsi dove diceva di volermi sposare e di volere fortemente dei figli , io sia stata fredda e indifferente, forse perchè percepivo l’incoscenza e l’immaturità di quelle parole.
Tutta quesata storia mi ha lasciato un grande vuoto e l’amaro in bocca, ma d’altronde cosa potevo pretendere da una persona così ? Tutto il dolore che stò provando mi stà facendo riflettere, la fine così crudele e traumatica del mio rapporto mi ha in realtà fatto risvegliare da un lungo e incosciente torpore, da anni fatti di insoddisfazione e da frustrazioni continue, e ho capito che o si ama veramente e profondamente una persona o altrimenti è preferibile continuare il proprio cammino da soli.
All’epoca avevo paura di rimanere da sola e mi sono fatta male coscientemente, volendo legare a me una persona complessa, con un passato buio alle spalle, e che comunque a tutt’oggi rifiuta di farsi aiutare.
I nostri errori devono essere il punto nostro di partenza, le nostre ferite possono diventare il nostro punto di forza, le persone sbagliate possono renderci più consapevoli ed accorti per le scelte che faremo nel futuro.
Oggi stò ancora sofferendo, ma è meglio così, voglio amare follemente e con tutto il cuore.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

3 commenti

  1. 1
    Pamela -

    Ciao, pure io sono stata per un lungo periodo con un ragazzo più giovane.
    L’ho confezionato, impacchettato per la nuova donna.
    Non era niente, un ragazzetto senza senso, con me si è laureato ha trovato lavoro casa e tante altre belle cose, poi quando si è realizzato appieno mi ha dato il ben servito….ti posso capire…anche lui mi ha proprio detto:” Con te sono cresciuto…” E ti credo che è cresciuto, cresciuto e realizzato, pronto per una nuova vita con un’altra.
    Che ci vuoi fare? ! Questa è la vita e va accettata per ogni aspetto in cui ci si presenta.
    Mi è venuto un dubbio però leggendo la tua bella lettera….Ma tu lo amavi? L’hai mai amato questo ragazzo?

  2. 2
    ChiaraMente -

    Eeeeeeeh…….il complesso della Crocerossina e il complesso di Pigmalione! La fine della storia è sempre quella. Ma siete sicure di aver amato davvero il tipo in questione? Sembrano relazioni atte a gratificare i vostri bisogni che altro. Chi vuole sentirsi il porto sicuro, chi la donna che ha creato l’uomo..E’ normale che opi ci si sbatte il muso. Non è detto con cattiveria, sia chiaro, però è così. Secondo me.

  3. 3
    serena -

    ciao anchio o appena terminato una storia di 7 anni e arrivati al punto gli o detto che volevo costruire una casa per il nostro futuro lui mi a detto che nn se la sentiva e che nn mi amava piu!ma guarda caso! cmq meglio cosi che si diverta e prenda per il c…. altre nn me dai passera infono ma cosa abbiamo perso?

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili